Hope

"Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell'ammassare senza fine beni terreni. Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell'indice Down-Jones, nè i successi del paese sulla base del Prodotto Interno Lordo.

Il PIL comprende anche l'inquinamento dell'aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana.

Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari.

Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l'intelligenza del nostro dibattere o l'onestà dei nostri pubblici dipendenti. Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell'equità nei rapporti fra di noi.

Il PIL non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta. Può dirci tutto sull'America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere americani."

Robert F. Kennedy

video

Thank you very much. Chancellor, Governor and Mrs. Docking, Senator and Mrs. Pierson, ladies and gentlemen and my friends, I'm very pleased to be here. I'm really not here to make a speech I've come because I came from Kansas State and they want to send their love to all of you. They did. That's all they talk about over there, how much they love you. Actually, I want to establish the fact that I am not an alumnus of Villanova.
I'm very pleased and very touched, as my wife is, at your warm reception here. I think of my colleagues in the United States Senate, I think of my friends there, and I think of the warmth that exists in the Senate of the United States - I don't know why you're laughing - I was sick last year and I received a message from the Senate of the United States which said: "We hope you recover", and the vote was forty-two to forty.
And then they took a poll in one of the financial magazines of five hundred of the largest businessmen in the United States, to ask them, what political leader they most admired, who they wanted to see as President of the United States, and I received one vote, and I understand they're looking for him. I could take all my supporters to lunch, but I'm - I don't know whether you're going to like what I'm going to say today but I just want you to remember, as you look back upon this day, and when it comes to a question of who you're going to support - that it was a Kennedy who got you out of class.
I am very pleased to be here with my colleagues, Senator Pierson, who I think has contributed so much in the Senate of the United States - who has fought for the interests of Kansas and has had a distinguished career, and I'm very proud to be associated with him. And Senator Carlson who is not here, who is one of the most respected members of the Senate of the United States - respected not just on the Republican side - by the Democratic side, by all of his colleagues and I'm pleased and proud to be in the Senate with Senator Carlson of the State of Kansas.
And I'm happy to be here with an old friend, Governor Docking. I don't think there was anyone that was more committed to President Kennedy and made more of an effort under the most adverse circumstances and with the most difficult of situations than his father, who was then Governor of the State of Kansas - nobody I worked with more closely, myself, when I was in Los Angeles. We weren't 100 percent successful, but that was a relationship that I will always value, and I know how highly President Kennedy valued it and I'm very pleased to see him - and to have seen his mother, Mrs. Docking today also, so I'm very pleased to be in his State.
And then I'm pleased to be here because I like to see all of you, in addition.
In 1824, when Thomas Hart Benton was urging in Congress the development of Iowa and other western territories, he was opposed by Daniel Webster, the Senator from Massachusetts. "What", asked Webster, "what do we want with this vast and worthless area? This region of savages and wild beasts. Of deserts of shifting sands and of whirlwinds. Of dust, and of cactus and of prairie dogs". "To what use," he said, "could we ever hope to put these great deserts? I will never vote for one-cent from the public treasury, to place the west one inch closer to Boston, than it is now." And that is why, I am here today, instead of my brother Edward.
I'm glad to come here to the home of the man who publicly wrote: "If our colleges and universities do not breed men who riot, who rebel, who attack life with all the youthful vision and vigor, then there is something wrong with our colleges. The more riots that come out of our college campuses, the better the world for tomorrow." And despite all the accusations against me, those words were not written by me, they were written by that notorious seditionist, William Allen White. And I know what great affection this university has for him. He is an honored man today, here on your campus and around the rest of the nation. But when he lived and wrote, he was reviled as an extremist and worse. For he spoke, he spoke as he believed. He did not conceal his concern in comforting words. He did not delude his readers or himself with false hopes and with illusions. This spirit of honest confrontation is what America needs today. It has been missing all too often in the recent years and it is one of the reasons that I run for President of the United States.
For we as a people, we as a people, are strong enough, we are brave enough to be told the truth of where we stand. This country needs honesty and candor in its political life and from the President of the United States. But I don't want to run for the presidency - I don't want America to make the critical choice of direction and leadership this year without confronting that truth. I don't want to win support of votes by hiding the American condition in false hopes or illusions. I want us to find out the promise of the future, what we can accomplish here in the United States, what this country does stand for and what is expected of us in the years ahead. And I also want us to know and examine where we've gone wrong. And I want all of us, young and old, to have a chance to build a better country and change the direction of the United States of America.
This morning I spoke about the war in Vietnam, and I will speak briefly about it in a few moments. But there is much more to this critical election year than the war in Vietnam. It is, at a root, the root of all of it, the national soul of the United States. The President calls it "restlessness". Our cabinet officers, such as John Gardiner and others tell us that America is deep in a malaise of spirit: discouraging initiative, paralyzing will and action, and dividing Americans from one another, by their age, their views and by the color of their skin and I don't think we have to accept that here in the United States of America.
Demonstrators shout down government officials and the government answers by drafting demonstrators. Anarchists threaten to burn the country down and some have begun to try, while tanks have patrolled American streets and machine guns have fired at American children. I don't think this a satisfying situation for the United States of America. Our young people - the best educated, and the best comforted in our history, turn from the Peace Corps and public commitment of a few years ago - to lives of disengagement and despair - many of them turned on with drugs and turned off on America - none of them here, of course, at Kansas - right?
All around us, all around us, - not just on the question of Vietnam, not just on the question of the cities, not just the question of poverty, not just on the problems of race relations - but all around us, and why you are so concerned and why you are so disturbed - the fact is, that men have lost confidence in themselves, in each other, it is confidence which has sustained us so much in the past - rather than answer the cries of deprivation and despair - cries which the President's Commission on Civil Disorders tells us could split our nation finally asunder - rather than answer these desperate cries, hundreds of communities and millions of citizens are looking for their answers, to force and repression and private gun stocks - so that we confront our fellow citizen across impossible barriers of hostility and mistrust and again, I don't believe that we have to accept that. I don't believe that it's necessary in the United States of America. I think that we can work together - I don't think that we have to shoot at each other, to beat each other, to curse each other and criticize each other, I think that we can do better in this country. And that is why I run for President of the United States.
And if we seem powerless to stop this growing division between Americans, who at least confront one another, there are millions more living in the hidden places, whose names and faces are completely unknown - but I have seen these other Americans - I have seen children in Mississippi starving, their bodies so crippled from hunger and their minds have been so destroyed for their whole life that they will have no future. I have seen children in Mississippi - here in the United States - with a gross national product of $800 billion dollars - I have seen children in the Delta area of Mississippi with distended stomachs, whose faces are covered with sores from starvation, and we haven't developed a policy so we can get enough food so that they can live, so that their children, so that their lives are not destroyed, I don't think that's acceptable in the United States of America and I think we need a change.
I have seen Indians living on their bare and meager reservations, with no jobs, with an unemployment rate of 80 percent, and with so little hope for the future, so little hope for the future that for young people, for young men and women in their teens, the greatest cause of death amongst them is suicide. That they end their lives by killing themselves - I don't think that we have to accept that - for the first American, for this minority here in the United States. If young boys and girls are so filled with despair when they are going to high school and feel that their lives are so hopeless and that nobody's going to care for them, nobody's going to be involved with them, and nobody's going to bother with them, that they either hang themselves, shoot themselves or kill themselves - I don't think that's acceptable and I think the United States of America - I think the American people, I think we can do much, much better. And I run for the presidency because of that, I run for the presidency because I have seen proud men in the hills of Appalachia, who wish only to work in dignity, but they cannot, for the mines are closed and their jobs are gone and no one - neither industry, nor labor, nor government - has cared enough to help. I think we here in this country, with the unselfish spirit that exists in the United States of America, I think we can do better here also.
I have seen the people of the black ghetto, listening to ever greater promises of equality and of justice, as they sit in the same decaying schools and huddled in the same filthy rooms - without heat - warding off the cold and warding off the rats. If we believe that we, as Americans, are bound together by a common concern for each other, then an urgent national priority is upon us. We must begin to end the disgrace of this other America. And this is one of the great tasks of leadership for us, as individuals and citizens this year.
But even if we act to erase material poverty, there is another greater task, it is to confront the poverty of satisfaction - purpose and dignity - that afflicts us all. Too much and for too long, we seemed to have surrendered personal excellence and community values in the mere accumulation of material things. Our Gross National Product, now, is over $800 billion dollars a year, but that Gross National Product - if we judge the United States of America by that - that Gross National Product counts air pollution and cigarette advertising, and ambulances to clear our highways of carnage. It counts special locks for our doors and the jails for the people who break them. It counts the destruction of the redwood and the loss of our natural wonder in chaotic sprawl. It counts napalm and counts nuclear warheads and armored cars for the police to fight the riots in our cities. It counts Whitman's rifle and Speck's knife, and the television programs which glorify violence in order to sell toys to our children. Yet the gross national product does not allow for the health of our children, the quality of their education or the joy of their play. It does not include the beauty of our poetry or the strength of our marriages, the intelligence of our public debate or the integrity of our public officials. It measures neither our wit nor our courage, neither our wisdom nor our learning, neither our compassion nor our devotion to our country, it measures everything in short, except that which makes life worthwhile. And it can tell us everything about America except why we are proud that we are Americans.
If this is true here at home, so it is true elsewhere in world. From the beginning our proudest boast has been the promise of Jefferson, that we, here in this country would be the best hope of mankind. And now, as we look at the war in Vietnam, we wonder if we still hold a decent respect for the opinions of mankind and whether the opinion maintained a descent respect for us or whether like Athens of old, we will forfeit sympathy and support, and ultimately our very security, in the single-minded pursuit of our own goals and our own objectives. I do not want, and I do believe that most Americans do not want, to sell out America's interest to simply withdraw - to raise the white flag of surrender in Vietnam - that would be unacceptable to us as a people, and unacceptable to us as a country. But I am concerned about the course of action that we are presently following in South Vietnam. I am concerned, I am concerned about the fact that this has been made America's War. It was said, a number of years ago that this is "their war" "this is the war of the South Vietnamese" that "we can help them, but we can't win it for them" but over the period of the last three years we have made the war and the struggle in South Vietnam our war, and I think that's unacceptable. I don't accept the idea that this is just a military action, that this is just a military effort, and every time we have had difficulties in South Vietnam and Southeast Asia we have had only one response, we have had only one way to deal with it - month after month - year after year we have dealt with it in only on way and that's to send more military men and increase our military power and I don't think that's what the kind of a struggle that it is in Southeast Asia.
I think that this is a question of the people of South Vietnam, I think its a question of the people of South Vietnam feeling its worth their efforts - that they're going to make the sacrifice - that they feel that their country and their government is worth fighting for and I think the development of the last several years have shown, have demonstrated that the people of South Vietnam feel no association and no affiliation for the government of Saigon and I don't think it's up to us here in the United States, I don't think it's up to us here in the United States, to say that we're going to destroy all of South Vietnam because we have a commitment there. The commander of the American forces at Ben Tre said we had to destroy that city in order to save it. So 38,000 people were wiped out or made refugees. We here in the United States - not just the United States government, not just the commanders of and forces in South Vietnam, the United States government and every human being that's in this room - we are part of that decision and I don't think that we need do that any longer and I think we should change our policy.
I don't want to be part of a government, I don't want to be part of the United States, I don't want to be part of the American people, and have them write of us as they wrote of Rome: "They made a desert and they called it peace".
I think that we should go to the negotiating table, and I think we should take the steps to go to the negotiating table.
And I've said it over the period of the last two years, I think that we have a chance to have negotiations, and the possibility of meaningful negotiations, but last February, a year ago, when the greatest opportunity existed for negotiations the Administration and the President of the United States felt that the military victory was right around the corner and we sent a message to Ho Chi Minh, in February 8th of 1967 virtually asking for their unconditional surrender, we are not going to obtain the unconditional surrender of the North Vietnamese and the Viet Cong anymore than they're going to obtain the unconditional surrender of the United States of America. We're going to have to negotiate, we're going to have to make compromises, we're going to have to negotiate with the National Liberation Front. But people can argue, "That's unfortunate that we have to negotiate with the National Liberation Front", but that is a fact of life.
We have three choices: We can either pull out of South Vietnam unilaterally and raise the white flag - I think that's unacceptable. Second, we can continue to escalate, we can continue to send more men there, until we have millions and millions of more men and we can continue to bomb North Vietnam, and in my judgment we will be no nearer success, we will be no nearer victory than we are now in February of 1968. And the third step that we can take is to go to the negotiating table. We can go to the negotiating table and not achieve everything that we wish. One of the things that we're going to have to accept as American people, but the other, the other alternative is so unacceptable. One of the things that we're going to have to accept as American people and that the United States government must accept, is that the National Liberation Front is going to play a role in the future political process of South Vietnam. And we're going to have to negotiate with them. That they are going to play some role in the future political process of South Vietnam, that there are going to be elections and the people of South Vietnam, are ultimately going to determine and decide their own future.
That is the course of action, that is the course of action that I would like to see. I would like to see the United States government to make it clear to the government of Saigon that we are not going to tolerate the corruption and the dishonesty. I think that we should make it clear to the government of Saigon that if we're going to draft young men, 18 years of age here in the United States, if we're going to draft young men who are 19 years-old here in the United States, and wer're going to send them to fight and die in Khe Sanh, that we want the government of South Vietnam to draft their 18-year-olds and their 19-year-olds. And I want to make it clear that if the government of Saigon, feels Khe Sanh or Que Son and the area in the demilitarized zone are so important, if Khe San is so important to the government of Saigon, I want to see those American marines out of there and South Vietnamese troops in there.
I want to have an explanation as to why American boys killed, two weeks ago, in South Vietnam, were three times as many - more than three times as many, as the soldiers of South Vietnam. I want to understand why the casualties and the deaths, over the period of the last two weeks, at the height of the fighting, should be so heavily American casualties, as compared to the South Vietnamese. This is their war. I think we have to make the effort to help them, I think that we have to make the effort to fight, but I don't think that we should have to carry the whole burden of that war, I think the South Vietnamese should.
And if I am elected President of the United States, with help, with your help, these are the kinds of policies that I'm going to put into operation.
We can do better here in the United States, we can do better. We can do better in our relationships to other countries around the rest of the globe. President Kennedy, when he campaigned in 1960, he talked about the loss of prestige that the United States had suffered around the rest of the globe, but look at what our condition is at the present time. The President of the United States goes to a meeting of the OAS at Montevideo- can he go into the city of Montevideo? Or can he travel through the cities of Latin America where there was such deep love and deep respect? He has to stay in a military base at Montevideo, with American ships out at sea and American helicopters overhead in order to ensure that he's protected, I don't think that that's acceptable.
I think that we should have conditions here in the United States, and support enough for our policies, so that the President of the United States can travel freely and clearly across all the cities of this country, and not just to military bases.
I think there's more that we can do internally here, I think there's more that we can do in South Vietnam. I don't think we have to accept the situation, as we have it at the moment. I think that we can do better, and I think the American people think that we can do better.
George Bernard Shaw once wrote, "Some people see things as they are and say: why? I dream things that never were and say: why not?"
So I come here to Kansas to ask for your help. In the difficult five months ahead, before the convention in Chicago, I ask for your help and for your assistance. If you believe that the United States can do better. If you believe that we should change our course of action. If you believe that the United States stands for something here internally as well as elsewhere around the globe, I ask for your help and your assistance and your hand over the period of the next five months.
And when we win in November, and when we win in November, and we begin a new period of time for the United States of America - I want the next generation of Americans to look back upon this period and say as they said of Plato: "Joy was in those days, but to live".
Thank you very much.

Robert F. Kennedy


Molte grazie. Cancelliere, Governatore Docking e signora, Senatore Pierson e signora, signore e signori, amici, sono molto onorato di essere qui. Per la verità, non sono qui per tenere un discorso, sono passato perché provengo dallo Stato del Kansas ed essi vogliono comunicare il loro affetto a tutti voi. Lo hanno fatto. É tutto ciò di cui parlano laggiù, di quanto vi amano. Ora, debbo ristabilire un fatto, e cioè che io non sono un ex studente della Villanova (università cattolica n.d.t.)
Sono molto onorato e molto toccato, come lo è mia moglie, dalla vostra calda accoglienza. Penso ai miei colleghi del Senato degli Stati Uniti, e penso ai miei amici laggiù ed al calore che esiste nel Senato degli Stati Uniti... Non so perché state ridendo. Quando mi sono ammalato, l'anno scorso, ho ricevuto un messaggio dal Senato degli Stati Uniti che diceva: “Speriamo tu guarisca presto”, con un voto di 42 a 40.
Hanno anche fatto un sondaggio, su una rivista finanziaria, tra i cinquecento più facoltosi uomini d'affari degli Stati Uniti, per chiedere loro quale fosse il leader politico che più ammirassero, chi volessero vedere Presidente degli Stati Uniti. Ed ho ricevuto un voto, uno solo. Posso immaginare come stiano ancora cercando chi mi ha votato. Potrei portare tutti i miei supporter a pranzo, essendo uno solo, ma io... Non so se vi piacerà quanto sto per dire oggi, ma voglio solo vi ricordiate, quando ripenserete a questo giorno e quando vi chiederete chi state per sostenere, che è stato un Kennedy che vi ha fatto uscire dall'aula, interrompendo la lezione.
Sono molto onorato di essere qui con i miei colleghi, il Senatore Pierson, che penso abbia tanto contribuito al Senato degli Stati Uniti, battendosi per gli interessi del Kansas, ed ha avuto una così brillante carriera che sono molto orgoglioso di essere suo collega. E del Senatore Carlson che non è oggi qui presente ma che è uno dei più rispettati membri del Senato degli Stati Uniti – rispettato non solo da parte Repubblicana, ma anche Democratica, da tutti i suoi colleghi - tanto che mi sento onorato ed orgoglioso di essere in Senato con il Senatore Carlson dello Stato del Kansas.
Sono felice di esser qui con un vecchio amico, il Governatore Docking. Io non penso ci sia stato chi si sia dedicato al Presidente Kennedy con più dedizione ed abbia fatto più sforzi sotto le più avverse condizioni e con le più difficili situazioni di suo padre, che fu Governatore dello Stato del Kansas – nessuno con cui abbia lavorato a più stretto contatto io stesso, quando fui a Los Angeles. Non siamo stati efficienti al 100 percento ma si è trattato di una relazione che terrò sempre in conto, so quale alta considerazione avesse di lui il Presidente Kennedy e sono molto felice di vederlo – e di avere anche visto sua madre, la signora Docking. Per questo è molto bello per me essere nel suo Stato. E sono molto felice di essere qui anche perché mi piace incontrare tutti voi, per giunta.
Nel 1824, quando Thomas Hart Benton sollecitava al Congresso lo sviluppo dell'Iowa e degli altri territori occidentali, gli si oppose Daniel Webster, il Senatore del Massachusetts. “Che cosa,” chiedeva Webster, “Che cosa vogliamo da questa vasta e inutile area? Questa regione di bestie feroci e di selvaggi, di deserti, di sabbie mobili e di tornadi, di polvere, di cactus e cani della prateria?". "A che uso,” egli disse “potremmo mai sperare di destinare questi grandi deserti? Non voterò mai un centesimo del tesoro pubblico per mettere l'ovest un pollice più vicino a Boston di quanto sia ora.” E questo è il perché oggi io sono qui al posto di mio fratello Edward.
Sono felice di essere venuto nella casa dell'uomo che pubblicamente scrisse: Se i nostri college ed università non allevano uomini che lottino, che si ribellino, che aggrediscano la vita con tutta la visione ed il vigore giovanile allora c'è qualcosa di sbagliato nei nostri college. Più conflitti escono dai nostri campus, migliore sarà il mondo di domani. A dispetto di tutte le accuse contro di me, quelle parole non le ho scritte io. Sono state scritte da un noto sovversivo, William Allen White. E so quale grande affezione questa Università abbia per lui. È un uomo onorato oggi, qui, nel vostro campus ed in tutto il resto della nazione. Ma quando visse e scrisse, era bollato come estremista o peggio. Perché parlava. Parlava di ciò in cui credeva. Non nascondeva le sue preoccupazioni con parole confortanti. Non deludeva i suoi lettori o se stesso con false speranze e con illusioni. Lo spirito di onesto confronto è ciò di cui l'America ha oggi bisogno. Tutto ciò si è troppo spesso perso negli anni recenti ed è una delle ragioni per cui concorro alla Presidenza degli Stati Uniti.
Come popolo... come popolo siamo abbastanza forti; siamo coraggiosi abbastanza da affrontare la verità su come stiamo. Questo paese necessita di onestà e sincerità nella vita politica e dal Presidente degli Stati Uniti. Ma non voglio competere per la presidenza, non voglio che l'America faccia la critica scelta di direzione e leadership quest'anno, senza che si confronti con quella verità. Non voglio ottenere il supporto dei voti nascondendo la condizione dell'America con false speranze o illusioni. Io voglio che noi si scopra le promesse del futuro, ciò che possiamo ottenere qui negli Stati Uniti, ciò per cui questo paese deve agire e ciò che ci si attende da noi negli anni a venire. E voglio anche che noi si conosca e si esamini dove abbiamo sbagliato. Voglio che tutti noi, giovani e vecchi, abbiamo una chance di costruire un paese migliore e mutare la direzione degli Stati Uniti d'America.
Stamattina ho parlato della guerra del Vietnam, e ne parlerò brevemente fra poco. Ma c'è molto di più, in questo critico anno elettorale, della guerra nel Vietnam. È, alla radice, la radice di tutto, l'anima nazionale degli Stati Uniti d'America. Il Presidente la chiama “inquietudine”. I nostri ministri, come John Gardner ed altri, ci dicono che l'America è sprofondata in una malattia dello spirito: scarsa iniziativa, paralisi della volontà ed azione, divisione degli americani l'uno dall'altro, per via delle loro età, punti di vista, e colore della loro pelle, e non penso dobbiamo accettare questo negli Stati Uniti d'America.
Dimostranti protestano contro i rappresentanti del governo ed il governo risponde arrestando i dimostranti. Anarchici minacciano di bruciare il paese, ed alcuni hanno cominciato a provarci, mentre carri armati pattugliano le strade americane e mitragliatrici hanno sparato a bambini americani. Non penso che ciò sia una situazione soddisfacente per gli Stati Uniti d'America. Il nostro giovane popolo – il più istruito e più avanzato nella nostra storia – ha lasciato i Corpi della Pace e l'impegno pubblico di pochi anni fa per vivere nel disinteresse e nella disperazione, molti di essi si sono rivolti alle droghe chiudendo all'America... nessuno di essi qui, naturalmente, in Kansas, giusto?
Tutto attorno a noi, tutto attorno noi non solo la questione del Vietnam, non solo la questione delle città, non solo la questione della povertà, non solo i problemi delle relazioni tra razze, ma tutto attorno noi - ed è la ragione per cui voi siete così preoccupati e perché voi siete così angusiati – il fatto è che gli uomini hanno perso la fiducia in se stessi, l'uno nell'altro. È la fiducia che ci ha sostenuto così tanto in passato, piuttosto che la risposta dei pianti di deprivazione e disperazione – pianti che la Commissione Presidenziale sui Disordini Civili ci dice potrebbero dividere infine la nostra nazione - piuttosto che replicare con queste disperate urla, centinaia di comunità e milioni di cittadini stanno cercando la propria soluzione alla forza ed alla repressione ed all'aumento di armi private, cosicché ci si confronti coi nostri concittadini attraverso impassibili barriere di ostilità e di sfiducia. Non credo dobbiamo accettarlo. Non penso sia necessario negli Stati Uniti d'America. Penso che si possa lavorare insieme. Non penso ci si debba sparare l'un l'altro, picchiarsi l'un l'altro, maledirsi l'un l'altro, criticarsi l'un l'altro. Penso si possa fare di meglio, in questo paese. Ed è per questo che competo per la Presidenza degli Stati Uniti.
E se sembriamo senza il potere di fermare questa crescente divisione fra Americani, che infine confronta l'uno all'altro, ci sono ancora milioni che vivono in invisibili luoghi i cui nomi e le cui facce sono completamente ignoti. Ma io ho visto questi altri Americani. Ho visto bambini denutriti nel Mississippi, dai corpi così paralizzati dalla fame e dalle menti così distrutte per l'intera loro esistenza che non avranno alcun futuro. Ho visto bambini nel Mississippi, qui negli Stati Uniti, paese con un P.I.L di 800 miliardi di dollari, ho visto bambini nell'area del Delta del Mississippi con pance rigonfie, le facce ricoperte di rughe da inedia, e non abbiamo una politica tale per procurare abbastanza cibo da farli sopravvivere, affinché il loro bambini, le loro vite, non vengano annientati. Non penso ciò sia accettabile negli Stati Uniti d'America, ed io penso ci sia bisogno di un cambiamento.
Ho visto Indiani vivere nelle loro spoglie e misere riserve senza lavoro, con un tasso disoccupazione dell'80 percento, e con una così scarsa speranza nel futuro - una così ridotta speranza per il futuro dei giovani - che per giovani uomini e donne minorenni la maggior causa di morte è il suicidio. Essi terminano la loro vita sparandosi. Non penso si debba accettare questo per i nativi Americani, per questa minoranza qui negli Stati Uniti. Se giovani ragazzi e ragazze sono così pieni di disperazione mentre vanno alle superiori, sentono le loro vite così prive di speranza, sentono come nessuno abbia intenzione di fare qualcosa per loro, interessarsi a loro o di loro persino occuparsi, che si impiccano, si sparano o in altro modo si uccidano, non penso ciò possa essere accettato e penso che gli Stati Uniti d'America, penso che il popolo Americano, penso che noi possiamo fare molto, e molto meglio. E competo per la Presidenza per questo. Competo per la presidenza perché ho visto gli orgogliosi uomini delle colline dell'Appalachia, desiderosi solo di lavorare nella dignità, non poterlo fare, perché le miniere sono chiuse ed il loro lavoro se n'è andato con esse, senza che l'industria, i sindacati o il governo se ne curino abbastanza per aiutare. Penso che qui, in questo paese, con lo spirito di altruismo che esiste negli Stati Uniti d'America, penso che possiamo fare meglio di così.
Ho visto persone del ghetto nero, ascoltare sempre maggiori promesse di eguaglianza e di giustizia, mentre sedevano nelle stesse scuole fatiscenti ed ammucchiati nelle stesse schifose aule, senza riscaldamento, guardarsi dal freddo e dai ratti. Se crediamo che noi, come Americani, siamo legati da un comune preoccuparci l'uno dell'altro, allora un'urgente priorità nazionale incombe su di noi. Dobbiamo cominciare col porre fine alla disgrazia di quest'altra America. E questo, questo è uno dei grandi compiti della leadership per noi, come individui e cittadini, quest'anno.
Ma anche se agiamo contro la povertà materiale, c'è un compito ancora più grande: è il confronto con la povertà di soddisfazioni, di scopi, di dignità che ci affligge tutti. Per troppo e troppo a lungo, abbiamo fatto soccombere l'eccellenza personale ed i valori della comunità nella mera accumulazione di beni materiali. Il nostro Prodotto Interno Lordo è ora superiore ad 800 miliardi di dollari annui. Ma quel Prodotto Interno Lordo – se giudichiamo gli Stati Uniti d'America da esso – quel Prodotto Interno Lordo significa inquinamento e pubblicità delle sigarette ed ambulanze che ripuliscano le nostre autostrade dalle carneficine dei fine settimana. Significa serrature speciali per le nostre porte e celle per la gente che le forzano. Significa la distruzione delle sequoie e la perdita delle nostre meraviglie naturali in una crescita disordinata. Significa napalm e testate nucleari e autoblindo per la polizia perché combattano le rivolte nelle nostre città. Significano fucili Whitman e coltelli Speck e programmi televisivi che glorificano la violenza allo scopo di vendere giocattoli ai nostri bambini. Ancora, il Prodotto Interno Lordo non descrive la salute dei nostri bambini, la qualità della loro istruzione o la gioia dei loro momenti di svago. Non include la bellezza della nostra poesia o la forza dei nostri legami familiari, l'intelligenza del nostro dibattito pubblico o l'integrità dei nostri pubblici ufficiali. Non misura nè la nostra arguzia, nè il nostro coraggio, nè la nostra saggezza od il nostro apprendimento, nè la nostra compassione o la nostra devozione al paese. Misura tutto, in breve, eccetto quello che rende la vita degna di essere vissuta. E ci può dire tutto dell'America eccetto il perché siamo orgogliosi di essere Americani.
Se ciò è vero qui a casa nostra, è vero in qualunque altro posto del mondo. Dall'inizio il nostro più gran vanto è stata la promessa di Jefferson, che noi, qui in questo paese, saremmo stati la miglior speranza del genere umano. Ed ora se guardiamo alla guerra nel Vietnam, ci chiediamo se ancora teniamo un onesto rispetto per le opinioni del genere umano e se queste opinioni abbiano mantenuto un onesto rispetto per noi, o se come l'Atene dell'antichità noi abbandoneremo le simpatie ed il sostegno ed infine la nostra stessa sicurezza nel perseguimento egoistico dei nostri soli risultati e dei nostri soli obiettivi. Non voglio, non credo che la maggior parte degli Americani vogliano svendere gli interessi dell'America per ritirarsi semplicemente, issare la bandiera bianca della resa in Vietnam sarebbe inaccettabile per noi come popolo ed inaccettabile per noi come paese. Ma io, io sono preoccupato sull'andamento dell'azione che stiamo al momento seguendo nel Vietnam del sud. Sono preoccupato. Sono preoccupato circa il fatto che questa sia diventata una guerra Americana. Si è detto qualche anno fa che questa era la “loro guerra”, “questa è la guerra dei Vietnamiti del Sud”, che “possiamo aiutarli, ma non vincere per loro”. Ma negli ultimi tre anni abbiamo reso la guerra e lo sforzo bellico in Vietnam la nostra guerra e penso ciò sia inaccettabile. Non accetto l'idea che questa sia solo un'azione militare, che questo sia solo uno sforzo militare, e che ogni volta che abbiamo difficoltà nel Sud Vietnam o nel Sud Est Asiatico si abbia una sola risposta, un solo modo di affrontarle. Mese dopo mese, anno dopo anno, le abbiamo affrontate in un solo modo e cioè mandando più militari ed incrementando le nostre forze militari e non penso sia questo il tipo di confronto in atto nel Sud Est Asiatico.
Penso sia un problema del popolo del Sud Vietnam. Penso sia un problema del sentire del Sud Vietnam, che tutto ciò valga i loro sforzi, che i sacrifici che stanno per fare, che essi sentano che il loro paese ed il loro governo, valga la pena di difenderlo. E penso che gli sviluppi degli ultimi anni abbiano mostrato, abbiano dimostrato, che la gente del Vietnam del Sud non si sente associata o affiliata al governo di Saigon. E non penso stia a noi qui, negli Stati Uniti, non penso stia a noi qui negli Stati Uniti dire che stiamo per distruggere tutto il Vietnam del Sud perché lì abbiamo un coinvolgimento. Il comandante delle forze Americane a Ben Tre ha detto che abbiamo dovuto distruggere quella città per salvarla. Così 38.000 persone sono state spazzate via o rese fuggiasche. Qui negli Stati Uniti – non solo il governo degli Stati Uniti, non solo il comandante e le forze nel Sud Vietnam, il governo degli Stati Uniti ed ogni essere umano presente in questa stanza – noi siamo parte di quella decisione e non credo necessiti mantenerla ancora, ma credo dovremmo cambiare la nostra politica.
Non voglio essere parte di un governo: io non voglio essere parte degli Stati Uniti. Non voglio essere parte del popolo Americano e lasciare che essi scrivano di noi come scrissero di Roma: “Fecero un deserto e lo chiamarono pace
Penso che dovremmo andare al tavolo dei negoziati e penso che dovremmo fare passi per andare al tavolo dei negoziati. E l'ho detto nel corso degli ultimi due anni. Io penso che abbiamo una possibilità di fare negoziati e la possibilità di significativi negoziati, ma il febbraio scorso, un anno fa, quando la più grande delle opportunità si presentò per negoziati con l'Amministrazione, il Presidente degli Stati Uniti sentì che la vittoria militare era proprio dietro l'angolo. E mandammo un messaggio ad Ho Chi Minh, l'8 Febbraio del 1967, virtualmente chiedendone la resa incondizionata. Non stiamo per ottenere la resa incondizionata dei Vietnamiti del Nord e dei Viet Cong più di quanto essi stiano per ottenere la resa incondizionata degli Stati Uniti d'America. Stiamo per arrivare a dover negoziare. Stiamo per arrivare a dover fare dei compromessi. Stiamo per arrivare a dover negoziare con il Fronte di Liberazione Nazionale. La gente può dire, “Miseria dobbiamo negoziare con il Fronte di Liberazione Nazionale”, ma ciò è un fatto della vita.
Abbiamo tre scelte: Possiamo ritirarci unilateralmente dal Sud Vietnam ed alzare bandiera bianca – io penso sia inaccettabile. Secondo, possiamo proseguire l'escalation, possiamo continuare a mandare più uomini laggiù, finché abbiamo milioni e milioni di altri uomini e possiamo continuare a bombardare il Nord Vietnam, e nel mio giudizio non saremmo affatto più vicini al successo, non più vicini al successo di quanto lo siamo ora nel febbraio del 1968. E il terzo passo che possiamo fare è andare al tavolo dei negoziati. Possiamo andare la tavolo dei negoziati e non ottenere tutto quello che desideriamo. Una delle cose che dovremo accettare come popolo Americano, l'altra alternativa essendo inaccettabile, una delle cose che dovremo accettare come popolo Americano e che gli Stati Uniti devono accettare, è che il Fronte di Liberazione Nazionale sta per giocare un ruolo nel processo politico futuro del Vietnam del Sud. E stiamo per dover negoziare con loro. Che stanno per giocare qualche ruolo nel futuro processo politico del Sud Vietnam, che stanno per esserci elezioni e che i popoli del Sud Vietnam stanno infine per determinare e decidere il proprio futuro.
Quella è la linea d'azione, quella è la linea d'azione che vorrei vedere. Io vorrei vedere che il governo degli Stati Uniti chiarisca al governo di Saigon che non siamo intenzionati a tollerare la corruzione e la disonestà. Ed io, io penso che dovremmo chiarire al governo di Saigon che se usiamo la leva di giovani di 18 anni di età, qui negli Stati Uniti, se usiamo la leva dei giovani di 19 anni, qui negli Stati Uniti, per mandarli a combattere e morire a Khe Sanh, vogliamo che il governo del Vietnam del Sud impieghi la leva dei loro 18-enni e 19-enni. E voglio sia chiaro che se il governo di Saigon, sente Khe Sanh o Que Son e l'area nella zona smilitarizzata così importanti, se Khe San è così importante per il governo di Saigon, voglio vedere quei marines Americani fuori di là e vederci le truppe Sud Vietnamite
Io voglio avere una spiegazione del perché ragazzi Americani uccisi due settimane fa nel Vietnam del Sud, erano tre volte tanti – tre volte tanti - i soldati del Sud Vietnam. Io voglio capire come mai le perdite e le morti nel corso delle ultime due settimane all'apice dei combattimenti debbano essere così pesantemente perdite Americane, se comparate a quelle Sud Vietnamite. Questa è la loro guerra. Io penso che dobbiamo fare lo sforzo di aiutarli. Penso che dobbiamo fare lo sforzo per combattere, ma non penso che dovremmo portare l'intero carico della guerra. Penso che debbano farlo i Sud Vietnamiti.
E se sarò eletto Presidente degli Stati Uniti, con l'aiuto, col vostro aiuto, queste saranno le scelte di politica che metterò in azione.
Possiamo fare meglio negli Stati Uniti. Possiamo fare meglio. Possiamo fare meglio nelle nostre relazioni con gli altri paesi del globo. Il Presidente Kennedy, quando fece la campagna del 1960, parlò della perdita di prestigio che gli Stati Uniti soffrivano in tutto il resto del mondo. Ma guardate alla nostra condizione al presente. Il Presidente degli Stati Uniti va ad un incontro dell'OSA (Organizzazione degli Stati Americani n.d.t) a Montevideo – può entrare nella città di Montevideo? Può viaggiare attraverso le città dell'America Latina tra profondo rispetto ed affetto? Egli deve starsene in una base miliare di Montevideo con le navi americane al largo e con elicotteri americani di pattuglia allo scopo di assicurarne la protezione. Non penso ciò sia accettabile.
Penso che dovremmo avere condizioni qui negli Stati Uniti, e sostegno adeguato alle nostre politiche, sì che il Presidente degli Stati Uniti possa viaggiare liberamente e ovunque nelle città di questo paese, e non solo nelle basi militari. Io penso ci sia qualcosa di più che possiamo fare qui internamente.
Penso ci sia qualcosa di più che possiamo fare in Sud Vietnam. Non penso si debba accettare la situazione che abbiamo al momento. Penso che si possa fare meglio, e penso che il popolo Americano creda si possa fare meglio.
George Bernard Shaw un tempo scrisse, “Alcuni vedono le cose come sono e dicono: perché? Io sogno le cose che non ci sono mai state e dico: perché no?
Così vengo qui in Kansas per chiedervi aiuto. In difficoltà, cinque mesi prima della convention di Chicago, chiedo il vostro aiuto e la vostra assistenza. Se credete che gli Stati Uniti possano fare meglio, se credete che dobbiamo mutare la nostra linea di azione. Se credete che dovremmo – che gli Stati Uniti debbano – credere in qualcosa, qui come in ogni altra parte del mondo... allora io chiedo il vostro aiuto e la vostra assistenza e la vostra delega per il periodo dei prossimi cinque mesi.
E quando vinceremo a novembre... Quando vinceremo a Novembre, e avvieremo una nuova fase per gli Stati Uniti d'America, voglio che la prossima generazione di americani guardi indietro ad essa e dica come pare dissero di Platone: “Gioia vi era in quei giorni, ma di vivere”.
Grazie, grazie molte.

Robert F. Kennedy

video

Il 18 marzo del 1968 Robert Kennedy pronunciava, presso l'università del Kansas, questo discorso rivoluzionario nel quale evidenziava - tra l'altro - l'inadeguatezza del PIL come indicatore del benessere delle nazioni economicamente sviluppate.
Attorno a Bob Kennedy si erano strette le minoranze etniche e le categorie sociali più povere: chicanos, nativi americani, coltivatori del delta del Mississippi... Per gli afroamericani era la promessa del riscatto.
La parola chiave della sua campagna era stata Hope, Speranza. Speranza di curare le ferite di un'America afflitta da tre anni di guerra in Vietnam, da discriminazioni e scontri razziali, da una povertà estrema tenuta nascosta. Speranza in una nuova guida morale per tutto il pianeta.
La Speranza durò solo lo spazio di 82 giorni! Meno di tre mesi dopo questo discorso, il 6 giugno del 1968, durante la campagna elettorale che lo avrebbe portato a diventare Presidente degli Stati Uniti d'America, Robert Francis Kennedy veniva assassinato. Aveva solo 42 anni. (D.)

video

Nessun commento:

Posta un commento