The Next Great Depression

video

...But even Jefferson realized that the exercise of property rights might so interfere with the rights of the individual that the government, without whose assistance the property rights could not exist, must intervene, not to destroy individualism, but to protect it.
You are familiar with the great political duel which followed; and how Hamilton, and his friends, building toward a dominant centralized power were at length defeated in the great election of 1800, by Mr. Jefferson's party. Out of that duel came the two parties, Republican and Democratic, as we know them today. So began, in American political life, the new day, the day of the individual against the system, the day in which individualism was made the great watchword of American life. [...]
There was, however, a shadow over the dream. To be made real, it required use of the talents of men of tremendous will and tremendous ambition, since by no other force could the problems of financing and engineering and new developments be brought to a consummation.
So manifest were the advantages of the machine age, however, that the United States fearlessly, cheerfully, and, I think, rightly, accepted the bitter with the sweet. It was thought that no price was too high to pay for the advantages which we could draw from a finished industrial system.
This history of the last half century is accordingly, in large measure, a history of a group of financial Titans, whose methods were not scrutinized with too much care, and who were honored in proportion as they produced the results, irrespective of the means they used. The financiers who pushed the railroads to the Pacific were always ruthless, often wasteful, and frequently corrupt; but they did build railroads, and we have them today. [...]
Woodrow Wilson, elected in 1912, saw the situation more clearly. Where Jefferson had feared the encroachment of political power on the lives of individuals, Wilson knew that the new power was financial. He saw, in the highly centralized economic system, the despot of the twentieth century, on whom great masses of individuals relied for their safety and their livelihood, and whose irresponsibility and greed (if it were not controlled) would reduce them to starvation and penury.
The concentration of financial power had not proceeded so far in 1912 as it has today; but it had grown far enough for Mr. Wilson to realize fully its implications.
It is interesting, now, to read his speeches. What is called “radical” today (and I have reason to know whereof I speak) is mild compared to the campaign of Mr. Wilson. “No man can deny,” he said, “that the lines of endeavor have more and more narrowed and stiffened; no man who knows anything about the development of industry in this country can have failed to observe that the larger kinds of credit are more and more difficult to obtain unless you obtain them upon terms of uniting your efforts with those who already control the industry of the country, and nobody can fail to observe that every man who tries to set himself up in competition with any process of manufacture which has taken place under the control of large combinations of capital will presently find himself either squeezed out or obliged to sell and allow himself to be absorbed”.
[...]A glance at the situation today only too clearly indicates that equality of opportunity as we have known it no longer exists. Our industrial plant is built; the problem just now is whether under existing conditions it is not overbuilt.
Our last frontier has long since been reached, and there is practically no more free land. More than half of our people do not live on the farms or on lands and cannot derive a living by cultivating their own property. There is no safety valve in the form of a Western prairie to which those thrown out of work by the Eastern economic machines can go for a new start. We are not able to invite the emmigration from Europe to share our endless plenty. We are now providing a drab living for our own people.
Our system of constantly rising tariffs has at last reacted against us to the point of closing our Canadian frontier on the north, our European markets on the east, many of our Latin American markets to the south. It has forced many of our great industrial institutions who exported their surplus production to such countries, to establish plants in such countries, within the tariff walls. [...]
Recently a careful study was made of the concentration of business in the United States. It showed that our economic life was dominated by some six hundred odd corporations who controlled two thirds of American industry. Ten million small businessmen divided the other third. More striking still, it appeared that if the process of concentration goes on at the same rate, at the end of another century we shall have all American industry controlled by a dozen corporations, and run by perhaps a hundred men. But plainly, we are steering a steady course toward economic oligarchy, if we are not there already.
Clearly, all this calls for a re-appraisal of values. A mere builder of more industrial plants, a creator of more railroad systems, an organizer of more corporations, is as likely to be a danger as a help. The day of the great promoter or the financial Titan, to whom we granted everything if only he would build, or develop, is over. Our task now is not discovery, or exploitation of natural resources, or necessarily producing more goods. It is the soberer, less dramatic business of administering resources and plants already in hand, of seeking to reestablish foreign markets for our surplus production, of meeting the problem of under consumption, of adjusting production to consumption, of distributing wealth and products more equitably, of adapting existing economic organizations to the service of the people. The day of enlightened administration has come.
Just as in older times the central government was first a haven of refuge, and then a threat, so now in a closer economic system the central and ambitious financial unit is no longer a servant of national desire, but a danger.[...]
The exposition need not further be elaborated. It is brief and incomplete, but you will be able to expand it in terms of your own business or occupation without difficulty. I think everyone who has actually entered the economic struggle—which means everyone who was not born to safe wealth—knows in his own experience and his own life that we have now to apply the earlier concepts of American Government to the conditions of today.

Commonwealth Club, San Francisco, 1932, Franklin Delano Roosevelt


...Anche Jefferson si rendeva conto che l'esercizio del diritto di proprietà poteva interferire nei diritti dell'individuo in modo tale che il governo, senza la cui assistenza i diritti di proprietà non potrebbero esistere, doveva intervenire, non per distruggere l'individualismo, ma per proteggerlo.
Voi conoscete bene il grande duello politico che ne seguì; e come Hamilton, e i suoi amici, che lavoravano per il dominio di un potere centralizzato, furono alla fine sconfitti, nella grande elezione del 1800, dal partito di Jefferson. Da quel duello sorsero i due partiti, repubblicano e democratico, come li conosciamo oggi.
Così cominciò, nella vita politica americana, il nuovo giorno; il giorno dell'individuo contro il sistema, il giorno in cui l'individualismo divenne la grande parola-chiave della vita americana. [...]
Tuttavia, un'ombra gravava sul sogno. Per essere attuato, esso richiedeva l'utilizzo dei talenti di uomini dalla terribile volontà e dalla terribile ambizione, dal momento che nessuna altra forza poteva affrontare i problemi della finanza, dell'ingengneria e dei nuovi sviluppi.
Tuttavia i vantaggi dell'età della macchina erano così evidenti che gli Stati Uniti accettarono spavaldamente, allegramente e, ritengo, correttamente, i rischi connessi. Si ritenne che nessun prezzo era troppo alto per i vantaggi che potevamo trarre da un sistema industriale avanzato.
La storia della seconda metà del secolo scorso [1800 ndr] è di conseguenza, in grande misura, la storia di un gruppo di titani della finanza i cui metodi non venivano vagliati con troppa attenzione e che venivano onorati a seconda dei loro risultati senza riguardo per i mezzi utilizzati. I finanzieri che spinsero le ferrovie fino al Pacifico erano sempre spietati, spesso scialacquatori, e frequentemente corrotti; ma essi costruirono le ferrovie, e noi le usiamo ancora oggi. [...]
Woodroow Wilson, eletto nel 1912, vedeva più chiaramente la situazione. Mentre Jefferson aveva temuto il peso del potere politico sulla vita degli individui, Wilson sapeva che il nuovo potere era finanziario. Egi vedeva nel sistema economico altamente centralizzato il despota del ventesimo secolo, da cui grande masse di individui dipendevano per la loro sicurezza e la loro sussistenza; se privo di controllo, la sua irresponsabilità e avidità avrebbe ridotto quelle masse alla fame e alla miseria.
La concentrazione di potere finanziario non era giunta, nel 1912, ai livelli attuali(1932); ma era abbastanza perchè Wilson ne comprendesse tutte le implicazioni.
E' interessate, oggi,leggere i suoi discorsi. Ciò che viene considerato "radicale" oggigiorno è moderato rispetto alla campagna di Wilson: "Nessuno può negare" - affermava - "che gli spazi di iniziativa si sono sempre più ristretti e irrigiditi; chiunque sappia qualcosa sullo sviluppo dell'industria in questo paese non può aver ignorato che i tipi di credito più significativi sono sempre più difficili da ottenere se non unendo i propri sforzi con coloro che già controllano le industrie del paese, e nessuno può ignorare che chiuque cerchi di mettersi in concorrenza con qualche industria sotto il controllo di una grande combinazione di capitali si troverà in realtà schiacciato o obbligato a vendere e a lasciarsi assorbire". [...]
Un'occhiata alla situazione odierna indica fin troppo chiaramente che l'eguaglianza di opportunità che abbiamo conosciuto non esiste più. Il nostro apparato industriale è costruito; il problema attuale è se, nelle attuali condizioni, esso non sia eccessivo.
La nostra ultima frontiera è stata raggiunta da gran tempo e non esistono più praticamente terre libere. Più della metà della nostra popolazione non vive in fattorie o dei frutti della terra, e non può trarre reddito dalla coltivazione di proprietà. Non esiste più una valvola di sicurezza in una prateria occidentale a cui coloro che sono espulsi dall'apparato produttivo orientale possono rivolgersi per una nuova partenza. Noi non possiamo più invitare immigrazione dall'Europa a dividere la nostra abbondanza senza fine. Noi stiamo ormai offrendo una cupa esistenza al nostro popolo.
Il nostro sistema di tariffe costantemente crescenti ci si è, alla fine, rivoltato contro, fino al punto di chiudere la frontiera canadese al nord, i mercati europei all'est, molti dei mercati latino americani al sud. [...] Ciò ha obbligato alcune delle grandi imprese industriali che esportavano le loro eccedenze di produzione in questi paesi a costruirvi stabilimenti, entro i muri delle tariffe. [...]
Recentemente è stato fatto un attento studio della concentrazione degli affari egli Stati Uniti. Esso ha mostrato che la nostra vita economica è dominata da circa seicento grandi società che controllano i due terzi dell'industria americana. Dieci milioni di piccoli uomini d'affari si dividono l'altro terzo. Ancora più sorprendente, è emerso che se il processo di concentrazione procederà allo stesso ritmo, alla fine di un altro secolo tutta l'industria americana sarà controllata da una dozzina di grandi società, e guidata da un centinaio di uomini. Detto chiaramente, noi stiamo procedendo costantemente verso un'oligarchia economica, posto che non ci siamo già arrivati.
Chiaramente tutto ciò richiede una ridefinizione dei valori. Un semplice costruttore di impianti industriali, un creatore di sistemi ferroviari, un organizzatore di grandi società, preso come tale può essere tanto un pericolo quanto un aiuto. Il tempo dei grandi promotori o dei titani finanziari a cui permettevamo tutto purchè costruissero o andassero avanti, è passato. Il nostro compito, oggi, non è quello di scoprire o sfruttare risorse naturali, o di produrre necessariamente più merci. Esso consiste nel più sobrio, meno drammatico, impegno di gestire le risorse e gli impianti già in essere, di affrontare il problema del sottoconsumo, di adeguare la produzione al consumo, di distribuire la ricchezza e i prodotti più equamente, di adattare le organizzazioni economiche esistenti al servizio della gente. E' giunto il tempo dell'amministrazione illuminata.
Come ai vecchi tempi il governo centralizzato, dapprima rifugio, divenne minaccia, così ora in un sistema economico più chiuso l'unità finanziaria centralizzata e ambiziosa non è più al servizio di un'esigenza nazionale ma è un pericolo. [...]
Non occorre elaborare ulteriormente questa esposizione. E' breve e incompleta, ma voi sarete in grado di allargarla secondo i vostri interessi senza difficoltà. Io penso che chiunque sia effettivamente introdotto nella lotta economica sappia per propria diretta esperienza che noi dobbiamo ora applicare gli originali concetti del governo americano alle condizioni di oggi.

Commonwealth Club di San Francisco, 1932, Franklin Delano Roosevelt

video

Nessun commento:

Posta un commento