Message to the Grassroots

Di solito gli uomini quando sono tristi non fanno niente; si limitano a piangere della propria situazione. Ma quando si arrabbiano, allora si danno da fare per cambiare le cose.
Malcolm X

video

We want to have just an off the cuff chat between you and me us. We want to talk right down to earth in a language that everybody here can easily understand. We all agree tonight, all of the speakers have agreed, that America has a very serious problem. Not only does America have a very serious problem, but our people have a very serious problem. America’s problem is us. We’re her problem. The only reason she has a problem is she doesn’t want us here. And every time you look at yourself, be you black, brown, red, or yellow a so called Negro you represent a person who poses such a serious problem for America because you’re not wanted. Once you face this as a fact, then you can start plotting a course that will make you appear intelligent, instead of unintelligent.
What you and I need to do is learn to forget our differences. When we come together, we don’t come together as Baptists or Methodists. You don’t catch hell ’cause you’re a Baptist, and you don’t catch hell ’cause you’re a Methodist. You don’t catch hell ’cause you’re a Methodist or Baptist. You don’t catch hell because you’re a Democrat or a Republican. You don’t catch hell because you’re a Mason or an Elk. And you sure don’t catch hell ’cause you’re an American; ’cause if you was an American, you wouldn’t catch no hell. You catch hell ’cause you’re a black man. You catch hell, all of us catch hell, for the same reason.
So we are all black people, so called Negroes, second class citizens, ex slaves. You are nothing but a [sic] ex slave. You don’t like to be told that. But what else are you? You are ex slaves. You didn’t come here on the "Mayflower." You came here on a slave ship in chains, like a horse, or a cow, or a chicken. And you were brought here by the people who came here on the "Mayflower." You were brought here by the so called Pilgrims, or Founding Fathers. They were the ones who brought you here.
We have a common enemy. We have this in common: We have a common oppressor, a common exploiter, and a common discriminator. But once we all realize that we have this common enemy, then we unite on the basis of what we have in common. And what we have foremost in common is that enemy the white man. He’s an enemy to all of us. I know some of you all think that some of them aren’t enemies. Time will tell.
In Bandung back in, I think, 1954, was the first unity meeting in centuries of black people. And once you study what happened at the Bandung conference, and the results of the Bandung conference, it actually serves as a model for the same procedure you and I can use to get our problems solved. At Bandung all the nations came together. Their were dark nations from Africa and Asia. Some of them were Buddhists. Some of them were Muslim. Some of them were Christians. Some of them were Confucianists; some were atheists. Despite their religious differences, they came together. Some were communists; some were socialists; some were capitalists. Despite their economic and political differences, they came together. All of them were black, brown, red, or yellow.
The number one thing that was not allowed to attend the Bandung conference was the white man. He couldn’t come. Once they excluded the white man, they found that they could get together. Once they kept him out, everybody else fell right in and fell in line. This is the thing that you and I have to understand. And these people who came together didn’t have nuclear weapons; they didn’t have jet planes; they didn’t have all of the heavy armaments that the white man has. But they had unity.
They were able to submerge their little petty differences and agree on one thing: That though one African came from Kenya and was being colonized by the Englishman, and another African came from the Congo and was being colonized by the Belgian, and another African came from Guinea and was being colonized by the French, and another came from Angola and was being colonized by the Portuguese. When they came to the Bandung conference, they looked at the Portuguese, and at the Frenchman, and at the Englishman, and at the other Dutchman and learned or realized that the one thing that all of them had in common: they were all from Europe, they were all Europeans, blond, blue eyed and white skinned. They began to recognize who their enemy was. The same man that was colonizing our people in Kenya was colonizing our people in the Congo. The same one in the Congo was colonizing our people in South Africa, and in Southern Rhodesia, and in Burma, and in India, and in Afghanistan, and in Pakistan. They realized all over the world where the dark man was being oppressed, he was being oppressed by the white man; where the dark man was being exploited, he was being exploited by the white man. So they got together under this basis that they had a common enemy.
And when you and I here in Detroit and in Michigan and in America who have been awakened today look around us, we too realize here in America we all have a common enemy, whether he’s in Georgia or Michigan, whether he’s in California or New York. He’s the same man: blue eyes and blond hair and pale skin same man. So what we have to do is what they did. They agreed to stop quarreling among themselves. Any little spat that they had, they’d settle it among themselves, go into a huddle don’t let the enemy know that you got [sic] a disagreement.
Instead of us airing our differences in public, we have to realize we’re all the same family. And when you have a family squabble, you don’t get out on the sidewalk. If you do, everybody calls you uncouth, unrefined, uncivilized, savage. If you don’t make it at home, you settle it at home; you get in the closet argue it out behind closed doors. And then when you come out on the street, you pose a common front, a united front. And this is what we need to do in the community, and in the city, and in the state. We need to stop airing our differences in front of the white man. Put the white man out of our meetings, number one, and then sit down and talk shop with each other. [That’s] all you gotta do.
I would like to make a few comments concerning the difference between the black revolution and the Negro revolution. There’s a difference. Are they both the same? And if they’re not, what is the difference? What is the difference between a black revolution and a Negro revolution? First, what is a revolution? Sometimes I’m inclined to believe that many of our people are using this word "revolution" loosely, without taking careful consideration [of] what this word actually means, and what its historic characteristics are. When you study the historic nature of revolutions, the motive of a revolution, the objective of a revolution, and the result of a revolution, and the methods used in a revolution, you may change words. You may devise another program. You may change your goal and you may change your mind.
Look at the American Revolution in 1776. That revolution was for what? For land. Why did they want land? Independence. How was it carried out? Bloodshed. Number one, it was based on land, the basis of independence. And the only way they could get it was bloodshed. The French Revolution what was it based on? The land less against the landlord. What was it for? Land. How did they get it? Bloodshed. Was no love lost; was no compromise; was no negotiation. I’m telling you, you don’t know what a revolution is. ’Cause when you find out what it is, you’ll get back in the alley; you’ll get out of the way. The Russian Revolution what was it based on? Land. The land less against the landlord. How did they bring it about? Bloodshed. You haven’t got a revolution that doesn’t involve bloodshed. And you’re afraid to bleed. I said, you’re afraid to bleed.
[As] long as the white man sent you to Korea, you bled. He sent you to Germany, you bled. He sent you to the South Pacific to fight the Japanese, you bled. You bleed for white people. But when it comes time to seeing your own churches being bombed and little black girls be murdered, you haven’t got no blood. You bleed when the white man says bleed; you bite when the white man says bite; and you bark when the white man says bark. I hate to say this about us, but it’s true. How are you going to be nonviolent in Mississippi, as violent as you were in Korea? How can you justify being nonviolent in Mississippi and Alabama, when your churches are being bombed, and your little girls are being murdered, and at the same time you’re going to violent with Hitler, and Tojo, and somebody else that you don’t even know?
If violence is wrong in America, violence is wrong abroad. If it’s wrong to be violent defending black women and black children and black babies and black men, then it’s wrong for America to draft us and make us violent abroad in defense of her. And if it is right for America to draft us, and teach us how to be violent in defense of her, then it is right for you and me to do whatever is necessary to defend our own people right here in this country.
The Chinese Revolution they wanted land. They threw the British out, along with the Uncle Tom Chinese. Yeah, they did. They set a good example. When I was in prison, I read an article don’t be shocked when I say I was in prison. You’re still in prison. That’s what America means: prison. When I was in prison, I read an article in Life magazine showing a little Chinese girl, nine years old; her father was on his hands and knees and she was pulling the trigger ’cause he was an Uncle Tom Chinaman, When they had the revolution over there, they took a whole generation of Uncle Toms just wiped them out. And within ten years that little girl become [sic] a full grown woman. No more Toms in China. And today it’s one of the toughest, roughest, most feared countries on this earth by the white man. ’Cause there are no Uncle Toms over there.
Of all our studies, history is best qualified to reward our research. And when you see that you’ve got problems, all you have to do is examine the historic method used all over the world by others who have problems similar to yours. And once you see how they got theirs straight, then you know how you can get yours straight. There’s been a revolution, a black revolution, going on in Africa. In Kenya, the Mau Mau were revolutionaries; they were the ones who made the word " Uhuru" [Kenyan word for "freedom"]. They were the ones who brought it to the fore.The Mau Mau, they were revolutionaries. They believed in scorched earth. They knocked everything aside that got in their way, and their revolution also was based on land, a desire for land. In Algeria, the northern part of Africa, a revolution took place. The Algerians were revolutionists; they wanted land. France offered to let them be integrated into France. They told France: to hell with France. They wanted some land, not some France. And they engaged in a bloody battle.
So I cite these various revolutions, brothers and sisters, to show you don’t have a peaceful revolution. You don’t have a turn the other cheek revolution. There’s no such thing as a nonviolent revolution. [The] only kind of revolution that’s nonviolent is the Negro revolution. The only revolution based on loving your enemy is the Negro revolution. The only revolution in which the goal is a desegregated lunch counter, a desegregated theater, a desegregated park, and a desegregated public toilet; you can sit down next to white folks on the toilet. That’s no revolution. Revolution is based on land. Land is the basis of all independence. Land is the basis of freedom, justice, and equality.
The white man knows what a revolution is. He knows that the black revolution is world wide in scope and in nature. The black revolution is sweeping Asia, sweeping Africa, is rearing its head in Latin America. The Cuban Revolution that’s a revolution. They overturned the system. Revolution is in Asia. Revolution is in Africa. And the white man is screaming because he sees revolution in Latin America. How do you think he’ll react to you when you learn what a real revolution is? You don’t know what a revolution is. If you did, you wouldn’t use that word.
A revolution is bloody. Revolution is hostile. Revolution knows no compromise. Revolution overturns and destroys everything that gets in its way. And you, sitting around here like a knot on the wall, saying, "I’m going to love these folks no matter how much they hate me." No, you need a revolution. Whoever heard of a revolution where they lock arms, as Reverend Cleage was pointing out beautifully, singing "We Shall Overcome"? Just tell me. You don’t do that in a revolution. You don’t do any singing; you’re too busy swinging. It’s based on land. A revolutionary wants land so he can set up his own nation, an independent nation. These Negroes aren’t asking for no nation. They’re trying to crawl back on the plantation.
When you want a nation, that’s called nationalism. When the white man became involved in a revolution in this country against England, what was it for? He wanted this land so he could set up another white nation. That’s white nationalism. The American Revolution was white nationalism. The French Revolution was white nationalism. The Russian Revolution too yes, it was white nationalism. You don’t think so? Why [do] you think Khrushchev and Mao can’t get their heads together? White nationalism. All the revolutions that’s going on in Asia and Africa today are based on what? Black nationalism. A revolutionary is a black nationalist. He wants a nation. I was reading some beautiful words by Reverend Cleage, pointing out why he couldn’t get together with someone else here in the city because all of them were afraid of being identified with black nationalism. If you’re afraid of black nationalism, you’re afraid of revolution. And if you love revolution, you love black nationalism.
To understand this, you have to go back to what [the] young brother here referred to as the house Negro and the field Negro back during slavery. There was two kinds of slaves. There was the house Negro and the field Negro. The house Negroes they lived in the house with master, they dressed pretty good, they ate good ’cause they ate his food what he left. They lived in the attic or the basement, but still they lived near the master; and they loved their master more than the master loved himself. They would give their life to save the master’s house quicker than the master would. The house Negro, if the master said, "We got a good house here," the house Negro would say, "Yeah, we got a good house here." Whenever the master said "we," he said "we." That’s how you can tell a house Negro.
If the master’s house caught on fire, the house Negro would fight harder to put the blaze out than the master would. If the master got sick, the house Negro would say, "What’s the matter, boss, we sick?" We sick! He identified himself with his master more than his master identified with himself. And if you came to the house Negro and said, "Let’s run away, let’s escape, let’s separate," the house Negro would look at you and say, "Man, you crazy. What you mean, separate? Where is there a better house than this? Where can I wear better clothes than this? Where can I eat better food than this?" That was that house Negro. In those days he was called a "house nigger." And that’s what we call him today, because we’ve still got some house niggers running around here.
This modern house Negro loves his master. He wants to live near him. He’ll pay three times as much as the house is worth just to live near his master, and then brag about "I’m the only Negro out here." "I’m the only one on my job." "I’m the only one in this school." You’re nothing but a house Negro. And if someone comes to you right now and says, "Let’s separate," you say the same thing that the house Negro said on the plantation. "What you mean, separate? From America? This good white man? Where you going to get a better job than you get here?" I mean, this is what you say. "I ain’t left nothing in Africa," that’s what you say. Why, you left your mind in Africa.
On that same plantation, there was the field Negro. The field Negro those were the masses. There were always more Negroes in the field than there was Negroes in the house. The Negro in the field caught hell. He ate leftovers. In the house they ate high up on the hog. The Negro in the field didn’t get nothing but what was left of the insides of the hog. They call’em "chitt’lin’" nowadays. In those days they called them what they were: guts. That’s what you were a gut eater. And some of you all still gut eaters.
The field Negro was beaten from morning to night. He lived in a shack, in a hut; He wore old, castoff clothes. He hated his master. I say he hated his master. He was intelligent. That house Negro loved his master. But that field Negro remember, they were in the majority, and they hated the master. When the house caught on fire, he didn’t try and put it out; that field Negro prayed for a wind, for a breeze. When the master got sick, the field Negro prayed that he’d die. If someone come [sic] to the field Negro and said, "Let’s separate, let’s run," he didn’t say "Where we going?" He’d say, "Any place is better than here." You’ve got field Negroes in America today. I’m a field Negro. The masses are the field Negroes. When they see this man’s house on fire, you don’t hear these little Negroes talking about "our government is in trouble." They say, "The government is in trouble." Imagine a Negro: "Our government"! I even heard one say "our astronauts." They won’t even let him near the plant and "our astronauts"! "Our Navy" that’s a Negro that’s out of his mind. That’s a Negro that’s out of his mind.
Just as the slavemaster of that day used Tom, the house Negro, to keep the field Negroes in check, the same old slavemaster today has Negroes who are nothing but modern Uncle Toms, 20th century Uncle Toms, to keep you and me in check, keep us under control, keep us passive and peaceful and nonviolent. That’s Tom making you nonviolent. It’s like when you go to the dentist, and the man’s going to take your tooth. You’re going to fight him when he starts pulling. So he squirts some stuff in your jaw called novocaine, to make you think they’re not doing anything to you. So you sit there and ’cause you’ve got all of that novocaine in your jaw, you suffer peacefully. Blood running all down your jaw, and you don’t know what’s happening. ’Cause someone has taught you to suffer peacefully.
The white man do the same thing to you in the street, when he want [sic] to put knots on your head and take advantage of you and don’t have to be afraid of your fighting back. To keep you from fighting back, he gets these old religious Uncle Toms to teach you and me, just like novocaine, suffer peacefully. Don’t stop suffering just suffer peacefully. As Reverend Cleage pointed out, "Let your blood flow In the streets." This is a shame. And you know he’s a Christian preacher. If it’s a shame to him, you know what it is to me.
There’s nothing in our book, the Quran you call it "Koran" that teaches us to suffer peacefully. Our religion teaches us to be intelligent. Be peaceful, be courteous, obey the law, respect everyone; but if someone puts his hand on you, send him to the cemetery. That’s a good religion. In fact, that’s that old time religion. That’s the one that Ma and Pa used to talk about: an eye for an eye, and a tooth for a tooth, and a head for a head, and a life for a life: That’s a good religion. And doesn’t nobody resent that kind of religion being taught but a wolf, who intends to make you his meal.
This is the way it is with the white man in America. He’s a wolf and you’re sheep. Any time a shepherd, a pastor, teach [sic] you and me not to run from the white man and, at the same time, teach [sic] us not to fight the white man, he’s a traitor to you and me. Don’t lay down our life all by itself. No, preserve your life. it’s the best thing you got. And if you got to give it up, let it be even steven.
The slavemaster took Tom and dressed him well, and fed him well, and even gave him a little education a little education; gave him a long coat and a top hat and made all the other slaves look up to him. Then he used Tom to control them. The same strategy that was used in those days is used today, by the same white man. He takes a Negro, a so called Negro, and make [sic] him prominent, build [sic] him up, publicize [sic] him, make [sic] him a celebrity. And then he becomes a spokesman for Negroes and a Negro leader.
I would like to just mention just one other thing else quickly, and that is the method that the white man uses, how the white man uses these "big guns," or Negro leaders, against the black revolution. They are not a part of the black revolution. They’re used against the black revolution.
When Martin Luther King failed to desegregate Albany, Georgia, the civil rights struggle in America reached its low point. King became bankrupt almost, as a leader. Plus, even financially, the Southern Christian Leadership Conference was in financial trouble; plus it was in trouble, period, with the people when they failed to desegregate Albany, Georgia. Other Negro civil rights leaders of so called national stature became fallen idols. As they became fallen idols, began to lose their prestige and influence, local Negro leaders began to stir up the masses. In Cambridge, Maryland, Gloria Richardson; in Danville, Virginia, and other parts of the country, local leaders began to stir up our people at the grassroots level. This was never done by these Negroes, whom you recognize, of national stature. They controlled you, but they never incited you or excited you. They controlled you; they contained you; they kept you on the plantation.
As soon as King failed in Birmingham, Negroes took to the streets. King got out and went out to California to a big rally and raised about I don’t know how many thousands of dollars.
[He] come [sic] to Detroit and had a march and raised some more thousands of dollars. And recall, right after that [Roy] Wilkins attacked King, accused King and the CORE [Congress Of Racial Equality. N.d.t.] of starting trouble everywhere and then making the NAACP [National Association for the Advancement of Colored People. N.d.t.] get them out of jail and spend a lot of money; and then they accused King and CORE of raising all the money and not paying it back. This happened; I’ve got it in documented evidence in the newspaper. Roy started attacking King, and King started attacking Roy, and Farmer started attacking both of them. And as these Negroes of national stature began to attack each other, they began to lose their control of the Negro masses.
And Negroes was
[sic] out there in the streets. They was [sic] talking about [how] we was [sic] going to march on Washington. By the way, right at that time Birmingham had exploded, and the Negroes in Birmingham remember, they also exploded. They began to stab the crackers in the back and bust them up ’side their head yes, they did. That’s when Kennedy sent in the troops, down in Birmingham. So, and right after that, Kennedy got on the television and said "this is a moral issue." That’s when he said he was going to put out a civil rights bill. And when he mentioned civil rights bill and the Southern crackers started talking about [how] they were going to boycott or filibuster it, then the Negroes started talking about what? We’re going to march on Washington, march on the Senate, march on the White House, march on the Congress, and tie it up, bring it to a halt; don’t let the government proceed. They even said they was [sic] going out to the airport and lay down on the runway and don’t let no airplanes land. I’m telling you what they said. That was revolution. That was revolution. That was the black revolution.
It was the grass roots out there in the street.
[It] scared the white man to death, scared the white power structure in Washington, D. C. to death; I was there. When they found out that this black steamroller was going to come down on the capital, they called in Wilkins; they called in Randolph; they called in these national Negro leaders that you respect and told them, "Call it off." Kennedy said, "Look, you all letting this thing go too far." And Old Tom said, "Boss, I can’t stop it, because I didn’t start it." I’m telling you what they said. They said, "I’m not even in it, much less at the head of it." They said, "These Negroes are doing things on their own. They’re running ahead of us." And that old shrewd fox, he said, "Well If you all aren’t in it, I’ll put you in it. I’ll put you at the head of it. I’ll endorse it. I’ll welcome it. I’ll help it. I’ll join it."
A matter of hours went by. They had a meeting at the Carlyle Hotel in New York City. The Carlyle Hotel is owned by the Kennedy family; that’s the hotel Kennedy spent the night at, two nights ago; [it] belongs to his family. A philanthropic society headed by a white man named Stephen Currier called all the top civil rights leaders together at the Carlyle Hotel. And he told them that, "By you all fighting each other, you are destroying the civil rights movement. And since you’re fighting over money from white liberals, let us set up what is known as the Council for United Civil Rights Leadership. Let’s form this council, and all the civil rights organizations will belong to it, and we’ll use it for fund raising purposes." Let me show you how tricky the white man is. And as soon as they got it formed, they elected Whitney Young as the chairman, and who [do] you think became the cochairman? Stephen Currier, the white man, a millionaire. Powell was talking about it down at the Cobo [Hall] today. This is what he was talking about. Powell knows it happened. Randolph knows it happened. Wilkins knows it happened. King knows it happened. Everyone of that so called Big Six they know what happened.
Once they formed it, with the white man over it, he promised them and gave them $800,000 to split up between the Big Six; and told them that after the march was over they’d give them $700,000 more. A million and a half dollars split up between leaders that you’ve been following, going to jail for, crying crocodile tears for. And they’re nothing but Frank James and Jesse James and the what do you call’em brothers.
[As] soon as they got the setup organized, the white man made available to them top public relations experts; opened the news media across the country at their disposal; and then they begin [sic] to project these Big Six as the leaders of the march. Originally, they weren’t even in the march. You was [sic ] talking this march talk on Hastings Street Is Hastings Street still here? on Hasting Street. You was [sic] talking the march talk on Lenox Avenue, and out on What you call it? Fillmore Street, and Central Avenue, and 32nd Street and 63rd Street. That’s where the march talk was being talked. But the white man put the Big Six [at the] head of it; made them the march. They became the march. They took it over. And the first move they made after they took it over, they invited Walter Reuther, a white man; they invited a priest, a rabbi, and an old white preacher. Yes, an old white preacher. The same white element that put Kennedy in power labor, the Catholics, the Jews, and liberal Protestants; [the] same clique that put Kennedy in power, joined the march on Washington.
It’s just like when you’ve got some coffee that’s too black, which means it’s too strong. What you do? You integrate it with cream; you make it weak. If you pour too much cream in, you won’t even know you ever had coffee. It used to be hot, it becomes cool. It used to be strong, it becomes weak. It used to wake you up, now it’ll put you to sleep. This is what they did with the march on Washington. They joined it. They didn’t integrate it; they infiltrated it. They joined it, became a part of it, took it over. And as they took it over, it lost its militancy. They ceased to be angry. They ceased to be hot. They ceased to be uncompromising. Why, it even ceased to be a march. It became a picnic, a circus. Nothing but a circus, with clowns and all. You had one right here in Detroit -I saw it on television- with clowns leading it, white clowns and black clowns. I know you don’t like what I’m saying, but I’m going to tell you anyway. ’Cause I can prove what I’m saying. If you think I’m telling you wrong, you bring me Martin Luther King and A. Philip Randolph and James Farmer and those other three, and see if they’ll deny it over a microphone.
No, it was a sellout. It was a takeover. When James Baldwin came in from Paris, they wouldn’t let him talk, ’cause they couldn’t make him go by the script. Burt Lancaster read the speech that Baldwin was supposed to make; they wouldn’t let Baldwin get up there, ’cause they know Baldwin’s liable to say anything. They controlled it so tight they told those Negroes what time to hit town, how to come, where to stop, what signs to carry, what song to sing, what speech they could make, and what speech they couldn’t make; and then told them to get out town by sundown. And everyone of those Toms was out of town by sundown. Now I know you don’t like my saying this. But I can back it up. It was a circus, a performance that beat anything Hollywood could ever do, the performance of the year. Reuther and those other three devils should get a Academy Award for the best actors ’cause they acted like they really loved Negroes and fooled a whole lot of Negroes. And the six Negro leaders should get an award too, for the best supporting cast.

Malcolm X



Voglio fare una chiacchierata con voi, una chiacchierata senza pretese, così alla buona, tra noi. Voglio che ci parliamo in modo che tutti quelli che sono qui possano capire. Stasera i presenti in questa sala, tutti gli oratori che mi hanno preceduto, si sono trovati d'accordo nel constatare che l'America ha un problema molto serio, ma ce l'ha anche la gente. Siamo noi il problema dell'America, siamo noi! L'unica ragione per cui l'America ha tale problema è che non ci vuole qui. Ogni volta che vi guardate la faccia, sia che abbiate la pelle nera, marrone, rossa o gialla, che siate insomma un cosiddetto negro, rappresentate una persona che pone all'America un serio problema per il fatto che l'America non vi vuole. Una volta che siete in grado di riconoscere questo fatto potete cominciare a studiare una linea di condotta che vi faccia sembrare intelligenti invece che stupidi.
Quello che ci occorre, a me e a voi, è imparare a dimenticare ciò che ci divide. Quando siamo insieme non è perché siamo battisti o metodisti. Non ci troviamo in quest'inferno perché siamo battisti o perché siamo metodisti, né perché siamo democratici o repubblicani, né massoni o membri della setta degli Elks e neanche perché siamo americani. Infatti se fosse solo per essere americani quest'inferno non ci toccherebbe. Siamo qui in quest'inferno perché siamo neri. Voi vivete nell'inferno, tutti noi viviamo nell'inferno, perché siamo neri.
Perché noi siamo gente di colore, cosiddetti negri, cittadini di seconda classe, ex schiavi. Voi non siete altro che degli ex schiavi e non vi piace che qualcuno ve lo dica. Ma che altro siete se non appunto ex schiavi? Non siete arrivati qui sul Mayflower. Siete arrivati qui su navi negriere, in catene come i cavalli, le mucche o i polli e siete stati trascinati qui da quegli stessi che erano arrivati con la Mayflower, dai cosiddetti Padri Pellegrini o Fondatori. Furono loro che vi portarono qui.
Abbiamo un nemico comune e questo è tutto quanto abbiamo in comune: lo stesso oppressore, lo stesso sfruttatore e lo stesso discriminatore. Ma quando tutti ci accorgiamo di avere un nemico comune, allora ci uniamo in base a ciò che ci lega e quello appunto che più di ogni altra cosa ci lega è il nostro nemico: l'uomo bianco. E' lui il nemico di noi tutti. So che c'è tra voi chi pensa che non tutti i bianchi sono nostri nemici, ma solo il tempo dirà se ha o no ragione.
A Bandung, credo nel 1954, si ebbe la prima riunione unitaria della gente di colore mai verificatasi da secoli. Se si studia quanto è accaduto alla conferenza di Bandung e i risultati che ha dato, si può utilizzare quel consesso internazionale come un modello per risolvere i vostri e i miei problemi qui. A Bandung si riunirono tutte le nazioni di colore dell'Africa e dell'Asia. Alcuni dei rappresentanti erano buddhisti, altri musulmani, altri cristiani, seguaci di Confucio o sostenitori dell'ateismo. Eppure, malgrado la diversità delle loro credenze religiose si trovarono insieme. Alcuni erano comunisti, altri socialisti e altri capitalisti. Eppure, malgrado le diversità delle loro concezioni economiche e politiche, si trovarono insieme. Erano tutti neri, scuri, rossi o gialli.
L'unico a cui non fu permesso di partecipare alla conferenza di Bantung fu l'uomo bianco. Una volta escluso lui, tutti gli altri si sentirono a loro agio. Questo è ciò che voi ed io dobbiamo capire. Tutti questi popoli che si trovarono insieme non avevano ordigni nucleari, non avevano aerei a reazione né tutte quelle armi micidiali che ha l'uomo bianco. Però avevano l'unità.
Riuscirono a mettere da parte le loro piccole differenze e ad accordarsi su una cosa: un africano proveniente dal Kenya era stato colonizzato dagli inglesi, un altro veniva dal Congo ed era stato colonizzato dai francesi, un altro ancora dall'Angola ed era stato colonizzato dai portoghesi. Quando si riunirono a Bandung, tutti quegli africani considerarono i portoghesi, i francesi, gli inglesi e gli olandesi: capirono e si resero conto di una cosa: che erano tutti europei, biondi, con gli occhi azzurri e la pelle bianca. Cominciarono a riconoscere il loro nemico. Lo stesso che colonizzava i nostri fratelli nel Kenya, li opprimeva nel Congo, nel Sud Africa, nella Rhodesia del Sud, in Birmania, in India, nell'Afghanistan, nel Pakistan. Compresero che in ogni parte del mondo in cui la gente di colore è oppressa, è l'uomo bianco che la opprime; là dove è sfruttata, è l'uomo bianco che la sfrutta. Si trovarono insieme su questa base: la consapevolezza di avere un nemico comune.
Quando voi e io qui a Detroit, nel Michigan, in America, voi e io che ci siamo risvegliati ci guardiamo attorno, ci accorgiamo di avere un nemico comune sia in Georgia che nel Michigan, in California come a New York. E' lo stesso uomo con gli occhi azzurri e la pelle bianca, lo stesso uomo. Perciò dobbiamo fare quello che hanno fatto loro. Essi si accordarono per porre fine alle controversie e per risolverle tra loro, in famiglia, senza permettere che il nemico sapesse dell'esistenza di tali disaccordi.
Invece di gridare ai quattro venti le nostre differenze di opinione, dobbiamo renderci conto del fatto che apparteniamo alla stessa famiglia; e quando in famiglia c'è un litigio, non si va ad accapigliarsi in mezzo alla strada. Se qualcuno si comporta a questo modo, tutti sono d'accordo nel definirlo volgare, maleducato, incivile, zotico. Quello che nasce in casa dev'essere risolto in casa; se necessario, si deve andare a litigare in un luogo appartato e poi quando si esce per la strada, bisogna mostrare un fronte comune, un fronte unito. Questo è quanto dobbiamo fare nelle comunità, nei centri urbani, negli Stati. Dobbiamo smetterla di litigare fra noi davanti all'uomo bianco: prima di tutto dobbiamo cacciarlo dalle nostre riunioni e poi discutere i nostri problemi con calma fra di noi. Questo è quanto dobbiamo fare!
Vorrei fare qualche osservazione sulla differenza tra rivoluzione nera e la rivoluzione dei negri. Sono la stessa cosa? E se non lo sono, qual è la differenza? Qual è la differenza tra una rivoluzione nera e una rivoluzione negra? Prima di tutto cos'è una rivoluzione? Talvolta sono portato a credere che molti dei nostri fratelli usino la parola “rivoluzione” in senso assai vago, senza considerare attentamente il suo significato e le sue caratteristiche storiche. Quando si studiano la natura storica delle rivoluzioni, le loro cause, i loro obiettivi, i risultati e i metodi seguiti nel corso di un processo rivoluzionario, può darsi che si debbano cambiare i termini, può darsi che sia necessario darsi un nuovo programma e nuovi scopi. Può darsi che si debba cambiare idea.
Considerate la rivoluzione americana del 1776. Per cosa fu fatta? Per la terra. Ma perché volevano la terra? Indipendenza. Come fu portata avanti? Con spargimento di sangue. Dunque, prima di tutto quella rivoluzione si fondava sulla terra, che è la base dell'indipendenza, e l'unico modo in cui fu possibile farla fu mediante lo spargimento di sangue. Su cosa si fondò la rivoluzione francese? Sulla lotta di chi non aveva la terra contro chi la possedeva tutta. E per che cosa fu fatta quella rivoluzione? Per la terra. E come la conquistarono questa terra? Con lo spargimento di sangue. Ve lo dico io, non ci fu nessun compromesso, nessun negoziato, nessun rimpianto! Voi non sapete cos'è una rivoluzione perché se lo sapeste tornereste nei vostri vicoli, sparireste dalla circolazione.
La rivoluzione russa su che cosa si fondò? Sulla terra, sulla lotta di chi non ne aveva contro chi la possedeva tutta. E come si affermò? Mediante lo spargimento di sangue. Non esiste una rivoluzione che non richieda spargimento di sangue e voi avete paura di spargere il sangue, lo ripeto, avete paura.
Quando l'uomo bianco vi mandò in Corea, allora sì che lo versaste il sangue! Vi mandò in Germania, nel Pacifico meridionale a combattere i giapponesi ed anche lì versaste il vostro sangue! Siete pronti a versare il vostro sangue per i bianchi, ma quando vedete le vostre chiese fatte saltare in aria dalle bombe dei razzisti e le vostre bambine nere assassinate, allora non avete più sangue nelle vene. Siete pronti a versare il vostro sangue quando ve lo dice l'uomo bianco; mordete quando l'uomo bianco vi dice di mordere; abbaiate quando l'uomo bianco vi dice di abbaiare. Mi piange il cuore a dover dire queste cose di noi, ma è vero. Come fate ad essere non violenti nel Mississippi, quando foste così violenti in Corea? Come potete giustificare il non far ricorso alla violenza nel Mississippi e nell'Alabama, dove si fanno saltare le vostre chiese e si assassinano le vostre bambine, quando siete violenti nei confronti di Hitler, di Tojo e di tanti altri che neanche conoscete?
Se la violenza è condannabile in America, lo è anche all'estero. Se è ingiusto usare la violenza per difendere le donne nere, i bambini neri e noi stessi, allora è ingiusto che l'America ci arruoli nel suo esercito e ci obblighi ad usare all'estero la violenza in sua difesa. Se invece è giusto che l'America ci chiami alle armi e ci insegni ad usare la violenza in sua difesa, allora è anche giusto che voi ed io facciamo qui, in questo paese, tutto quello che è necessario per difendere la nostra gente.
I rivoluzionari cinesi, anche loro volevano la terra. Cacciarono fuori i colonialisti insieme con i loro “zii Tom” cinesi. Proprio così! Crearono un ottimo esempio. Quand'ero in prigione lessi un articolo. Non vi spaventate quando vi dico che sono stato in prigione, perché voi ci siete ancora. America per noi vuol dire prigione. Dunque, dicevo, quand'ero in prigione, lessi un articolo sulla rivista “Life”. C'era la fotografia di una ragazzina cinese di nove anni. Suo padre era in ginocchio e lei tirava il grilletto perché lui era uno “zio Tom” cinese. Durante la rivoluzione, in quel paese levarono di mezzo un'intera generazione di “zii Tom”. Dieci anni dopo quella ragazzina era diventata una donna e in Cina non c'erano più “zii Tom”. Oggi quel paese è uno dei più decisi, dei più duri e dei più temuti dall'uomo bianco perché laggiù non ci sono più “zii Tom”.
Di tutte le discipline che studiammo, la storia è quella che meglio ricompensa i nostri sforzi. Quando vi accorgete di dover affrontare qualche problema, quello che dovete fare è analizzare il metodo storico seguito da altri che hanno avuto problemi simili ai vostri. Quando avrete visto come hanno fatto a risolvere i loro, allora saprete come risolvere i vostri.
In Africa si è venuta sviluppando una rivoluzione nera. Nel Kenya, i Mau Mau erano dei rivoluzionari e furono loro che portarono alla ribalta la parola “Uhuru”. I Mau Mau erano dei rivoluzionari che credevano nella terra bruciata e spazzavano via tutto quello che trovavano sulla loro strada. Anche la loro rivoluzione si fondava sulla terra, sul desiderio di terra. In Algeria, nell'Africa del Nord, è scoppiata una rivoluzione. Gli algerini volevano la terra e la Francia offrì loro l'integrazione politica. Essi erano dei rivoluzionari e dissero alla Francia di andarsene al diavolo. Volevano la terra e non la Francia, e perciò affrontarono una guerra sanguinosa.
Parlo di tutte queste rivoluzioni, fratelli e sorelle, per mostrarvi che una rivoluzione pacifica non esiste, che non esiste una rivoluzione basata sul “porgere l'altra guancia”, che non esiste una rivoluzione non violenta. L'unica rivoluzione non violenta è la rivoluzione negra. L'unica rivoluzione che si propone l'obiettivo di amare il proprio nemico è quella dei negri. Quella negra è appunto la sola rivoluzione che abbia per scopo di eliminare la segregazione nei bar, nei teatri, nei parchi pubblici e nei gabinetti pubblici; di far sì che possiamo sederci al gabinetto vicino ai bianchi. Questa non è rivoluzione, perché la rivoluzione si fonda sulla terra e la terra è la base di ogni indipendenza. La terra è il fondamento della libertà, della giustizia e dell'uguaglianza.
L'uomo bianco sa cos'è una rivoluzione. Sa benissimo che la rivoluzione nera è per natura una rivoluzione di portata mondiale. Essa sta spazzando l'Asia e l'Africa e comincia ad alzare il capo in America Latina. La rivoluzione cubana è una vera rivoluzione perché ha rovesciato il sistema. La rivoluzione è in Asia e in Africa e l'uomo bianco strilla perché si accorge che sta per scoppiare anche in America Latina. Come pensate che reagirà quando anche voi imparerete cos'è una vera rivoluzione? Ora voi non lo sapete: se lo sapeste, non usereste quella parola.
La rivoluzione è sanguinosa, ostile, non conosce compromessi, rovescia e distrugge tutto quello che incontra sul suo cammino. Voi, invece, ve ne state lì pacificamente seduti a dire: “Io amerò questa gente indipendentemente da quanto loro mi odiano”. No, voi avete bisogno di una rivoluzione. Chi ha mai sentito parlare di una rivoluzione in cui, come osservava felicemente il reverendo Cleage, ci si prende tutti per mano e si canta “We Shall Overcome”? Durante una rivoluzione non si fanno queste cose; non si canta perché si è troppo occupati a sparare. Un rivoluzionario vuole la terra per dar vita alla sua nazione indipendente. Questi negri non chiedono una nazione, ma cercano in tutti i modi di tornare strisciando alla piantagione.
Quando si vuole una nazione, allora si parla di nazionalismo. Quando l'uomo bianco si ribellò contro l'Inghilterra, per cosa lo fece? Voleva questa terra per poter creare un'altra nazione bianca. Questo è nazionalismo bianco. La rivoluzione americana e quella francese furono appunto manifestazioni di nazionalismo bianco. Anche la rivoluzione russa -proprio così, proprio così- era nazionalismo bianco. Non ci credete? E allora perché Chruščёv e Mao non riescono a mettersi d'accordo? Nazionalismo bianco. Su cosa si basano tutte le rivoluzioni che si stanno sviluppando oggi in Africa e in Asia? Sul nazionalismo nero. Ogni rivoluzionario è un nazionalista nero perché vuole una nazione. Leggevo le bellissime parole del reverendo Cleage che sottolineava come non fosse possibile trovarsi con altri qui in città perché tutti avevano paura di essere identificati con il movimento nazionalista nero. Chi ha paura del nazionalismo nero ha paura della rivoluzione e chi vuole la rivoluzione vuole anche il nazionalismo nero.
Per capire ciò bisogna tornare alle definizioni date poco fa da quel giovane fratello sui due tipi di negro che c’erano durante la schiavitù: il negro da cortile (house Negro) e il negro dei campi (field Negro). Il negro da cortile viveva insieme col padrone, lo vestivano bene, e gli davano da mangiare del cibo buono, quello che restava nel piatto del padrone. Dormiva in soffitta o in cantina, ma era sempre vicino al padrone e lo amava molto di più di quanto il padrone amasse se stesso. Questi negri da cortile avrebbero dato la vita per salvare la casa del padrone, prima ancora di quanto non lo avrebbe fatto lui stesso. Se il padrone diceva: “Abbiamo proprio una bella casa”, il negro da cortile rispondeva subito: “Sicuro, abbiamo proprio una bella casa”. Ogni volta che il padrone diceva “noi”, anche lui diceva “noi”. Da ciò si riconosce il negro da cortile.
Se la casa del padrone andava in fiamme, quel negro si dava da fare più dello stesso proprietario per spegnere l’incendio e se quello si ammalava, lui gli diceva: “Cosa c’è, padrone, siamo malati?” Figuratevi un po’! Siamo malati! Si identificava col suo padrone più di quanto questi non s’identificasse con se stesso; e se qualcuno fosse andato da lui a dirgli: “Andiamo via! Scappiamo! Separiamoci!”, il negro da cortile lo avrebbe guardato in faccia e avrebbe detto: “Amico, ma tu sei pazzo! Ma che vuol dire separarsi? Ma dov’è una casa meglio di questa? Ma dove li trovo dei vestiti migliori di questi e del cibo meglio di questo?
Ecco com’era il negro da cortile. A quei tempi era chiamato house nigger. Del resto li chiamiamo cosi anche oggi, visto che abbiamo ancora fra i piedi parecchi di questi niggers da cortile.
La versione moderna di questo servo ama il suo padrone e vuole vivere vicino a lui. Pur di fare ciò è disposto a pagare affitti tre volte superiori per poi andare in giro a vantarsi: “Sono l’unico negro qui!”. “Sono l’unico negro in questo settore”. “Sono l’unico negro in questa scuola”. Ma se non sei altro che un negro da cortile! E se qualcuno viene da te e ti propone di separarti dal padrone, tu rispondi le stesse cose che diceva il negro da cortile nella piantagione. “Che vuol dire separarsi? Dall’America? Da questo buon uomo bianco? Dove lo trovi un posto meglio di questo?” Ecco cosa ti dice il negro da cortile: “Io in Africa non ci ho mica lasciato niente!” Ma si, vai, in Africa ci hai lasciato il cervello!
In quelle stesse piantagioni c’era il negro dei campi: le masse. I negri che lavoravano nei campi erano sempre più numerosi di quelli che erano addetti alla casa del padrone. Nei campi si viveva come all’inferno, si mangiavano gli avanzi. Mentre in casa si mangiavano tutte le parti buone del maiale, al negro nel campo non toccavano altro che le interiora. Oggi le chiamano “chitt’lings”, ma a quei tempi le chiamavano col loro vero nome, e cioè budella. Ecco cosa eravate voi: dei mangiatori di budella. Alcuni lo sono ancora.
Il negro dei campi prendeva legnate dalla mattina alla sera, abitava in una capanna, anzi una baracca, e indossava vecchi abiti smessi. Odiava il padrone, vi assicuro che odiava il padrone. Era intelligente. Dunque, mentre il negro da cortile amava il suo padrone, quello dei campi, e si trattava della maggioranza, lo odiava. Quando la casa bruciava, non muoveva un dito per spegnere l’incendio e anzi pregava perché si alzasse il vento, un bel vento forte. Quando il padrone si ammalava, il negro dei campi pregava perché morisse e se qualcuno andava da lui a dirgli: “Separiamoci! Corriamo via!”, lui non domandava certo: “Dove?”, ma rispondeva: “Qualsiasi posto sarà sempre meglio che qui!” Oggi in America ci sono parecchi negri dei campi e io sono uno di quelli. Le masse sono composte di questi negri dei campi e quando vedono che la casa del padrone piglia fuoco non li sentite dire che “il nostro governo è nei guai”. Loro dicono: “Il governo è nei guai!” Immaginatevi un po’ un negro che dice: “Il nostro governo”. Ho persino sentito uno che diceva “i nostri astronauti”. Non lo lasciano neanche avvicinare alla fabbrica dei missili e lui dice “i nostri astronauti”! “La nostra marina”... Ma quello che dice queste cose è un negro che ha perso il cervello, ve lo dico io, proprio uno che ha perso il cervello.
Cosi come il padrone di schiavi del passato si serviva di Tom, il negro da cortile, per tenere a bada i negri dei campi, lo stesso padrone di schiavi oggi ha a sua disposizione i moderni “zii Tom”, gli “zii Tom” del ventesimo secolo, per tenere sotto controllo voi e me, per mantenerci passivi, pacifici e non violenti. E' proprio Tom che vi rende non violenti. E' come uno che va dal dentista. Questi si appresta a strappargli un dente: quando comincia a tirare bisogna reagire per forza ed è per ciò che il dottore vi mette in bocca un po’ di novocaina che vi rende insensibili dandovi l’impressione che non vi stia facendo niente. Il paziente sta li seduto e poiché ha assorbito tutta quella dose di novocaina, soffre pacificamente. Il sangue gli scorre giù dalla mascella e lui non sa cosa gli sta succedendo perché c’è chi gli ha insegnato a soffrire: pacificamente.
L’uomo bianco vi fa la stessa cosa per le strade, quando vuole riempirvi la testa di botte, sopraffarvi senza aver paura che voi vi ribelliate. Per impedire appunto che vi ribelliate, prende questi vecchi “zii Tom” religiosi perché insegnino a voi e a me, proprio come fa la novocaina, a soffrire pacificamente. Non è che cessiate di soffrire: soffrite solo pacificamente! Come ha messo in evidenza il reverendo Cleage, essi dicono che dovete far scorrere il vostro sangue per le strade. E una vergogna! Sapete che lui è un predicatore cristiano e se è una vergogna per lui, potete immaginare cos’è per me.
Nel nostro libro, il Corano, non c’è nessun insegnamento a soffrire pacificamente. La nostra religione ci insegna ad essere intelligenti. Siate pacifici, gentili, obbedite alle leggi, rispettate chiunque, ma se qualcuno leva la mano contro di voi, mandatelo al cimitero. Questa è una religione come si deve, e infatti è la religione del buon tempo antico, quella di cui parlavano i vecchi: occhio per occhio, dente per dente, testa per testa, vita per vita. Questa è una religione come si deve e nessuno protesta perché viene insegnata, all’infuori del lupo che ha in mente di divorarvi.
Questo è il modo in cui si comporta l’uomo bianco in America. Lui è il lupo e voi siete le pecore. Tutte le volte che un pastore, dico un pastore, insegna a voi e a me di non distaccarsi dall’uomo bianco e nello stesso tempo di non combatterlo, ebbene, quel pastore per voi e per me non è altro che un traditore. Non buttate via una vita, ma difendetela perché è la cosa migliore che avete. Però se dovete rinunciarvi, che sia alla pari!
Il padrone prendeva Tom e lo vestiva bene, lo nutriva bene e gli dava persino un po’ d’istruzione: un po’. Gli regalava un cappotto lungo e un cappello a cilindro e così tutti gli altri schiavi lo guardavano con invidia. Poi si serviva di lui per controllare gli altri. La stessa strategia di cui si serviva in quei tempi, lo stesso uomo bianco l’adopera oggi: prende un negro, un cosiddetto negro, e lo rende famoso, gli suona la grancassa, gli fa tutta la pubblicità possibile fino a farlo diventare celebre, fino a farne un portavoce e un leader dei negri.
Vorrei parlare brevemente del metodo di cui si serve l’uomo bianco contro la rivoluzione negra, del modo in cui adopera i "grossi calibri" o i leader negri contro le masse. Essi non fanno parte della rivoluzione negra, ma sono adoperati proprio contro di essa.
Quando Martin Luther King falli nel suo tentativo di abolire la segregazione razziale ad Albany nella Georgia, la lotta per i diritti civili in America toccò il suo punto più basso. King cessò quasi di esser considerato un leader, la Southern Christian Leadership Conference venne a trovarsi in gravi difficoltà finanziarie e altri leader negri di statura nazionale divennero ben presto degli idoli infranti. Quando ciò accadde, quando essi cominciarono a perdere prestigio e influenza, i leader negri locali si dettero ad agitare le masse. A Cambridge, nello stato del Maryland, Gloria Richardson; a Danville, nella Virginia, e in altre parti del paese, i leader locali cominciarono ad agitare la nostra gente al livello di base. Una cosa del genere non era mai stata fatta da questi negri che voi riconoscete come leader di statura nazionale. Vi controllano, ma non vi hanno mai incitato né stimolato. Vi controllano, vi impediscono di scagliarvi contro i vostri nemici e finora vi hanno tenuti dentro la piantagione.
Appena King falli a Birmingham, i negri si buttarono per le strade. King andò in California per partecipare a una grande manifestazione di massa e raccolse non ricordo quante migliaia di dollari. Poi venne a Detroit, organizzò una marcia e raccolse non so quante altre migliaia di dollari. Ricorderete che, subito dopo, Roy Wilkins attaccò King accusando lui e il CORE [Congress of Racial Equality N.d.T.] di creare disordini dappertutto costringendo poi la NAACP [National Association for the Advancement of Colored People N.d.T.] a spendere un sacco di soldi per liberare gli arrestati. Si accusava King e il CORE di raccogliere tanto denaro e di non restituirlo. Questo è quello che accadde e la documentazione l’ho tutta qui nel giornale. Roy si mise ad attaccare King, questi ad attaccare Roy mentre Farmer si mise ad attaccarli tùtti e due. Nella misura in cui questi negri di statura nazionale cominciarono a dilaniarsi uno con l’altro, cominciò anche il declino del loro controllo sulle masse negre.
I negri erano là nelle strade e discutevano come organizzare la marcia su Washington. Fu a quel tempo, ricorderete, che esplose Birmingham; i negri di Birmingham cominciarono a muoversi, a pugnalare i delinquenti bianchi e a far loro la festa. Fu allora che Kennedy mandò giù a Birmingham la guardia nazionale e, dopo aver fatto ciò, apparve in televisione e disse che si trattava di “una questione morale”. Fu allora che egli disse di voler presentare un progetto di legge sui diritti civili, ma quando accennò soltanto a quella sua intenzione e i razzisti del Sud cominciarono subito a discutere come boicottarla, i negri si misero a parlare: di che cosa? Che volevano marciare su Washington, andar davanti al Senato, alla Casa Bianca, al Congresso e fermare tutto, impedire che il governo continuasse su quella strada. Ci fu persino chi propose di andare all’aeroporto, sdraiarsi tutti sulle piste per impedire che gli aerei atterrassero. Vi dico cosa fu detto allora. Si parlava di rivoluzione, era la rivoluzione, la rivoluzione nera.
Erano le masse, i quadri di base là nelle strade e ciò spaventò i bianchi, terrorizzò la struttura di potere bianca di Washington. C’ero anch’io là a vedere. Quando si accorsero che il rullo compressore nero si sarebbe mosso verso la capitale, mandarono a chiamare Wilkins, Randolph e tutti quei leader negri di statura nazionale che voi rispettate: dissero loro di impedire la marcia. “Pensateci bene, —disse Kennedy— avete permesso che la faccenda andasse troppo avanti". E il vecchio Tom rispose: “Padrone, non posso fermarla, perché non sono io che l’ho iniziata”. Ecco quello che dissero. “Non ne facciamo neanche parte, figurarsi se ne siamo a capo”. “Questi negri fanno tutto da sé e ci corrono avanti”. Allora quella vecchia astutissima volpe dell’uomo bianco disse: “Se non ne fate parte, farò in modo che ci entriate. Vi metterò a capo di tutta l’iniziativa. La saluterò con entusiasmo, la appoggerò, la aiuterò. Io stesso vi parteciperò”.
Tutto fu concluso in poche ore. Ci fu una riunione al Carlyle Hotel di New York, che è di proprietà della famiglia Kennedy. Un'associazione filantropica presieduta da un bianco di nome Stephen Currier radunò tutti i leader del Movimento per i Diritti Civili lì nelle sale del Carlyle Hotel. “Se vi combattete uno con l'altro -fu detto loro- distruggerete il Movimento dei Diritti Civili. Siccome la controversia riguarda il denaro che ricevete dai liberali bianchi, diamo vita ad un comitato che chiameremo il Council for United Civil Rights Leadership. Tutte le organizzazioni per i diritti civili ne faranno parte e la funzione del comitato sarà di reperire i fondi necessari”. Vi voglio far vedere com'è ingannatore l'uomo bianco. Appena fu formato il comitato elessero presidente Whitney Young e indovinate un po' chi fu nominato copresidente. Stephen Currier, il milionario bianco. Powell ne parlava oggi nella sala di Cobo Hall. Powell sa come sono andate le cose e lo sanno anche Randolph, Wilkins e Martin Luther King. Tutti i cosiddetti “sei grandi” sanno come sono andate le cose.
Una volta che fu formato il comitato sotto la presidenza dell'uomo bianco, questi promise e dette ai “sei grandi” la somma di ottocentomila dollari da dividersi fra loro e promise che, alla fine della marcia, avrebbe aggiunto a quella somma altri settecentomila dollari. Un milione e mezzo di dollari diviso tra i leader che voi avete seguito, per i quali siete andati in prigione e avete versato fiumi di lacrime. Questa gente non è altro che una massa di banditi come Frank James, Jesse James e gentaglia del genere.
Appena fu organizzato il comitato, l'uomo bianco mise a sua disposizione due celebri esperti di relazioni pubbliche e i mezzi di comunicazione di massa di tutto il paese per cominciare a presentare i “sei grandi” come i veri leader della marcia. Originariamente non ne facevano neanche parte perché la marcia era stata decisa nelle strade dei ghetti di Detroit, Chicago e New York. Ecco dove si era parlato della marcia: in Lenox Avenue, in Fillmore Street, in Central Avenue, nella 32° Strada e nella 63° Strada. Ma l'uomo bianco mise i “sei grandi” alla testa della manifestazione, consegnò loro la marcia ed essi se ne impadronirono. La prima mossa che decisero di fare fu di invitare Walter Reuther, un bianco; poi invitarono un prete cattolico, un rabbino e un vecchio predicatore bianco, proprio così, un vecchio predicatore bianco. Gli stessi elementi bianchi che avevano messo Kennedy al potere, le organizzazioni sindacali, i cattolici, gli ebrei e protestanti liberali, la stessa cricca dicevo, che aveva dato il potere a Kennedy, partecipò alla marcia su Washington.
E' come quando avete del caffè troppo nero, cioè troppo forte. Cosa fate? Ci aggiungete del latte per allungarlo, ma se ce ne aggiungete troppo non sapete neanche più se quello che avete davanti è caffè. Prima era caldo e ora è diventato freddo, prima era forte e ora è debole; prima vi svegliava e ora vi fa dormire. Ecco cosa fecero alla marcia su Washington. Vi parteciparono non come un elemento integrativo, ma impadronendosene dall'interno, vi parteciparono e ne assunsero il controllo. Fu così che essa perdette la sua combattività: cessò di essere espressione d'ira, di ribellione, di lotta al compromesso. Sarebbe meglio dire che cessò persino di essere una marcia per diventare una merenda di campagna, uno spettacolo da circo equestre, sì proprio da circo equestre, con i pagliacci e tutto il resto. Anche voi qui a Detroit ne avete avuta una -l'ho vista in televisione- con tanti pagliacci bianchi e neri in testa. So benissimo che non vi piace quello che sto dicendo, ma ve lo dico lo stesso perché sono in grado di provarlo. Se pensate che abbia torto, portatemi qui Martin Luther King, A. Philip Randolph, James Farmer e quegli altri tre, e vediamo se hanno il coraggio di negare queste cose qui, davanti al microfono.
Proprio così, si sono venduti! E' stata una capitolazione, mentre i bainchi, dal canto loro, si assicurarono il pieno controllo della situazione. Quando James Baldwin arrivò a Parigi non lo lasciarono parlare perché non potevano costringerlo a leggere un discorso preparato. Lesse Burt Lancaster, il testo che avrebbe dovuto essere scritto da Baldwin. Baldwin non l'avrebbero lasciato salire sulla tribuna, perché sapevano che lui era capace di dire qualsiasi cosa. Tutta la faccenda era così rigidamente controllata che ai negri fu detto a che ora dovevano arrivare in città, con quali mezzi, dove dovevano fermarsi, che cartelli potevano portare, che canzoni potevano cantare, che discorsi era permesso fare e quali era vietato pronunciare. Infine furono date loro istruzioni di abbandonare la città al tramonto. So benissimo che non vi piace sentirmi dire queste cose, ma sono in grado di documentarle tutte. E' stato un circo equestre, uno spettacolo superiore a qualsiasi spettacolo di Hollywood. Reuther e quegli altri tre diavoli dovrebbero ottenere il premio di migliori attori dell'anno perché si comportarono come se davvero amassero i negri riuscendo così a ingannarne un bel numero. Quanto ai leader neri, ad essi dovrebbe toccare un premio per i migliori attori non protagonisti.

Malcolm X


video

____________________________


Metafore & Metamorfosi


(WHITE) HOUSE NEGRO





Obama ha scelto per le sue vacanze Martha's Vineyard, buen retiro dell'élite wasp americana, un posto esclusivo dove il costo della vita è il 60 percento più alto che nel resto della nazione. Una meta che è stata indicata da Businnes Week come tra le località più esclusive e dove le proprietà immobiliari costano più (quasi il 100 percento in più) che nel resto della nazione.
Qui ha potuto trascorrere giornate di totale relax tra case coloniali (sic!) e parchi con prati curatissimi, mangiare aragoste gratinate accompagnate da bottiglie di “lafitte” del '58, vestire camiciole di lino casual (per non parlare dei pantaloncini della virago signora Michelle, nome tipicamente afroamericano), gite fuori porta (pardon, porticciolo...) su velieri vintage e belle serate tra party esclusivi con le figliolette aspiranti principessine Sasha e Malia (nomi anch'essi tipicamente kenioti e afroamericani). Al seguito degli iconici Obama non mancava nemmeno "Bobama", il first dog.
La famigliola tipicamente afroamericana per le sue vacanze ha affittato una modestissima dimora da oltre venti milioni di dollari che, ironia della sorte, si chiama "Summer White House", ma solo per via del colore e dello stile tipicamente coloniale (sic!). Il proprietario è il miliardario (repubblicano!) William Van Devender, che non è di colore ma pare prenda tanto sole per essere abbronzato e di tendenza, in sintonia con gli ospiti
.
Durante le vacanze è stata prevista anche la partecipazione della famigliola alle nozze di Chelsea Clinton, figlia unigenita dei sacri Clinton, anche loro, come gli Obama, di colore e originari del Kenja. L'avvenete e bellissima fanciulla Chelsea convolerà con un certo Marc Mezvinsky, che di nascita fa il banchiere di Goldman Sachs e i cui antenati raccoglievano cotone coi bisnonni di Michelle.
L'unico imprevisto -purtroppo- che ha turbato le vacanze è stata la morte di Ted Kennedy, figio di un umile miliardario, uno che si è fatto da solo ed è stato ininterrottamente in carica per 47 anni come senatore del suo feudo.
La happy few ha fatto ad ogni modo sapere che, in vacanza come nella vita (tranne che in periodo elettorale), si guarderà bene dal condividere spazi ed eventi con chi non faccia parte di un certo ambiente chic. Essere liberal e chic è infatti un modo speciale e tutto nuovo d'essere vicino al popolo, soprattutto se povero e di colore. Trattarsi bene non dev'essere più un capriccio, ma una consuetudine per tutti... a cominciare, ovviamente, da se stessi.
Resta alla fine un solo interrogativo: ma Obama di che colore è? Da dove vengono lui e sua moglie? Chi erano i loro nonni? E i bisnonni? Che hanno a che spartire con il modo in cui vestono, mangiano, parlano, vivono?
E pensare che Abramo Lincoln le sue vacanze le trascorreva nella Casa del Soldato, appena fuori Washington, a scrivere il proclama per la liberazione degli schiavi! (D*)



Ps ...E tutti quelli che fanno un gran parlare e scrivere (anche nel web) degli shorts di Michelle, delle sue acconciature e dei suoi tailleur color pastello ("meglio il color pesca o il verde mentuccia?") dimostrano solo che in testa, al posto del cervello, hanno una massa citoplasmatica, ameboide, gelatinosa e non pensante.

6 commenti:

  1. a dimostrazione pratica , che basta salire uno scalino più sù... e si dimentica da dove si viene.... questo vale x TUTTI...ANCHE PER QUELLI DI COLORE...si fà presto a perdere l' umiltà ... la luce del potere e dei soldifa gola a tutti....c'è un detto che dice così: se vuoi fare un dispetto a Cristo... di un povero fallo ricco......tutto il mondo e tutti i colori sono uguali quando ci sono i soldi... e questo non lo cambierà nessuno... altro che rivoluzione... ciao R.

    RispondiElimina
  2. Il tuo ps ricorda quello che è successo al G8. I giornalisti hanno fatto un gran parlare delle mise delle ladies presenti come se ce ne potesse fregare qualcosa. Ha dato fastidio la notizia, data al TG 1 della sera, dei pantaloncini della Obama. Ma se scrivi alla Rai e ti lamenti dello schifo che trasmettono sai cosa rispondono? Che il canone che paghiamo è una tassa di possesso. La qualità dei programmi Rai,ormai, non esiste più. Ciao, Mary.

    RispondiElimina
  3. Cara Roby,
    hai ragione, attraversiamo un momento di declino degli ideali alti e dei valori forti, al punto che oggi l'unico colore che conta è quello dei soldi. Ma la società può ancora cambiare ed evolversi in modo nuovo, completamente diverso da com'è adesso. E' cambiata tante volte nella Storia e potrebbe cambiare ancora se necessario.
    La società non è immutabile, ma è il passaggio da un recipiente -ideale, etico, morale, economico, politico, culturale- ad un altro, che ne determina e ridetermina di volta in volta la forma. E questo principio s'applica virtualmente a tutte le situazioni che viviamo, a partire cioè da ogni aspetto individuale di vita affettiva, lavorativa, economica, culturale, politica, ecc... E poi di seguito fino a risalire alle grandi questioni sociali, a quello che cioè interessa la gente, intendo la maggioranza della gente.
    Quindi ancora una volta io dico che l'attuale società è sì un pessimo modello, ma un'opportunità allo stesso tempo. Io sono fuori del gregge che fa bééé, ma non sono solo, con me ci sono altri...
    La speranza è cambiare le cose, in modo "rivoluzionario".
    Ciao, D.

    RispondiElimina
  4. Cara Mary,
    Wittgenstein ha consumato fiumi d'inchiostro per dire che se pensiamo cose intelligenti è perché ci sono altri che pensano cose stupide.
    Nel raffronto scopriamo quali sono le une e le altre.
    Il problema è che la stupidità poi si trasferisce, viene veicolata dal mezzo mediatico (la Rai, ma non solo), si spande, si accresce, assume quasi sembianze intelligenti.
    Ed ecco il punto: il guaio maggiore avviene quando la stupidità non è più solo di chi la produce, che sarebbe sempre un male, ma che si può almeno controllare. Il problema vero è che a furia di spacciarla finisce per agire nelle menti delle persone.
    Nasce così la società stupida, la comunicazione stupida (internet stupido! Quello delle chatta e dei blog cretini), il potere stupido...
    In questi casi dovrebbe intervenire la sobrietà ed il buon senso a mitigare o controllare la stupidità; ma può succedere invece che questa venga condivisa, spalmata o motivata, giustificata fino ad essere surrogata per normale, lecita e consentita solo perché diffusa, moltiplicata e prevalente.
    Solo per la legge dei numeri avviene così che la stupidità passi per normalità o addirittura per intelligenza.
    E' naturale che chi cerca il potere e si concentra nella lotta per conquistarlo usi elementi manipolatori delle masse, primo fra tutti la stupidità (di massa), spendendo energie e risorse (comprese quelle della comunicazione) per mantenere o accrescere il potere fine a sé stesso.
    E una volta che ha raggiunto il potere spesso si ritiene anche migliore, il più capace, intelligente e saggio. E si circonda di cortigiani (primi fra tutti i giornalisti), seguaci e profittatori che rinforzano quest'illusione.
    Le persone che inseguono il potere, quindi, non sono in verità meno stupide delle altre, ma sono solo più furbe ed abili.
    Purtroppo succede che inevitabilmente più s'accresce il potere e più cade l'intelligenza a favore della stupidità...
    Certo devono dimostrare un buon grado d'abnegazione per la loro causa... Causa che li rende vittime e carnefici ( o caricature, o pagliacci direbbe Malcolm X) di se stessi.
    Li rende stupidi modelli e modelli stupidi.
    Un nero che non è nero, una donna sgraziata in pantaloncini, un uomo piccolo e calvo che si crede bello e charmant, ecc..
    La stupidità di Obama, Berlusconi, e tanti altri, forse dell'intero Occidente, si potrebbe vedere così: tutti insieme, con i media a far da cassa di risonanza, dietro a bandane e pantaloncini, barche e ville, per vincere una bambolina di plastica mediatica e perdendo invece la credibilità e l'autorevolezza dovuti alla saggezza dei comportamenti e dei giusti ideali.
    Ciao, D.

    RispondiElimina
  5. caro Paul...la società non è immutabile... hai ragione .. la si potrebbe ancora cambiare.... ma c'è un cosa che secondo me non puoi cambiare.. l'interesse verso i soldi...verso il potere..chiunque ...e dico chiunque.. ha una sola possibilità di salire lo scalino... addio cambiamento societario... benvenuto soldo....è lo spirito di queste persone che cambia davanti ai soldi.. le parole , gli ideali, tutti bravi a parlare durante le elezioni... ma quando stai lì...è tutto un adeguarsi ... chiunque arriva lì... non cambierà mai le cose...si aggiungerà alla listra nera...R.

    RispondiElimina
  6. Cara Roby,
    IO NO!
    Ti garantisco che con me non attaccano soldi, sesso, potere, vanità, NULLA!
    Mai venduto, mai sceso a compromessi, mai fatto o ricevuto favori e/o raccomandazioni, mai chiesto protezioni, intercessioni, compiacenze erotiche, mai rincorso niente e nessuno, mai avuto bisogno di niente...
    Posso stare a pane, acqua e astinenza a tempo indeterminato.
    E se alla fine poi salta fuori qualcuno/a che, come spesso succede (anche nel web!), per giustificare le sue meschinità, scorrettezze, disonestà, slealtà, ingiustizie, frodi, ruberie, truffe, imbrogli e immoralità di vita dice: "Ma dai, tutti rubano, tutti sono sleali, tutti tradiscono, tutti vanno a puttane, tutti scopano, tutti si vendono, tutti hanno un prezzo... Dopotutto, chi è senza peccato scagli la prima pietra!", io rispondo: "Parla per te!" e, senza fare una piega, mi giro a cercare il masso(!) più vicino.
    Ciao, D.

    Ps Questa frase, "chi è senza peccato ecc..." assieme al "così fan tutti", credo sia in assoluto la più abusata e autoassolutoria stronzata dell'universo. Un paravento, un alibi, un pretesto, usato a sproposito e tradendone il senso vero e autentico.

    RispondiElimina