Los niños son de izquierda...

video

I bambini sono di sinistra. Di sinistra, sì, nessun dubbio. Non soltanto per i pugnetti stretti in segno di protesta.
I bambini sono di sinistra perché amano senza preconcetti, senza distinzioni.
I bambini sono di sinistra perché si fanno fregare quasi sempre. Ti guardano, cacci delle balle vergognose e loro le bevono, tutti contenti. Sorridono, si fidano. Bicamerale! Sììì, dai!
I bambini sono di sinistra perché stanno insieme, fanno insieme, litigano insieme. Insieme...
I bambini sono di sinistra perché se gli spieghi cos'è la destra piangono.
I bambini sono di sinistra perché se gli spieghi cos'è la sinistra piangono lo stesso, ma un po' meno.
I bambini sono di sinistra perché a loro non serve il superfluo. Sono di sinistra perché le scarpe sono scarpe, anche se prima o poi gli regaliamo delle belle Nike o Adidas, o Puma, o Reebok, o Superga. Ma quelli siamo noi, per il No-Logo, ma di marca!
I bambini sono di sinistra malgrado l'ora di religione obbligatoria.
I bambini sono di sinistra grazie all'ora di religione obbligatoria.
I bambini sono di sinistra perché comunque, qualsiasi cosa tu gli dica che assomigli vagamente a un ordine, fanno resistenza. Ora e sempre!
I bambini sono di sinistra perché occupano tutti gli spazi della nostra vita.
I bambini sono di sinistra perché fanno i girotondi da tempi non sospetti.
I bambini sono di sinistra perché vanno all'asilo con bambini africani, cinesi o boliviani, e quando il papà gli dice "vedi, quello lì è africano", loro lo guardano come si guarda una notizia senza significato.
I bambini sono di sinistra perché quando si commuovono piangono, mentre noi adulti teniamo duro, non si sa bene perché.
I bambini sono di sinistra perché se li critichiamo si offendono. Ma se li giudichiamo non invocano il legittimo sospetto, e se li condanniamo aspettano sereni l'indulto che prima o poi arriva: la mamma, Ciampi, il Papa...
I bambini sono di sinistra perché si fanno un'idea del mondo che nulla ha a che fare con le regole del mondo.
I bambini sono di sinistra perché se gli metti lì un maglioncino rosso e un maglioncino nero scelgono il rosso, salvo turbe gravi, daltonismo o suggerimento di chi fa il sondaggio.
I bambini sono di sinistra perché Babbo Natale somiglia a Karl Marx. Perché Cenerentola è di sinistra, perché Pocahontas è di sinistra, perché Robin Hood è di Avanguardia Operaia e fa gli espropri proletari.
I bambini sono di sinistra perché hanno orrore dell'orrore. Perché di fronte alla povertà, alla violenza, alla sofferenza... soffrono.
I bambini sono di sinistra perché il casino è un bel casino e perché l'ordine non si sa cos'è.
I bambini sono di sinistra perché crescono, cambiano, fanno autocritica se del caso.
I bambini sono di sinistra perché tra Peter Pan e Che Guevara prima o poi troveranno il nesso.
I bambini sono di sinistra perché, se ce la fanno, conservano qualcosa per dopo. Per quanto diventa più difficile, difficilissimo, ricordare di essere stati bambini. Di sinistra poi...




Los niños son de izquierda. De izquierda, sí, ningún duda. No solamente por los puños estrechos en señal de protesta.
Los niños son de izquierda porque quieren sin preconcebidos, sin distinciones.
Los niños son de izquierda porque se hacen casi siempre fregar. Te miran, cazas balas vergonzosas y se las beben, todo contentos. Sonríen, se fían. ¡Bicameral! ¡Sííí, de los!
Los niños son de izquierda porque están junto, hacen junto, pelean junto. Junto...
Los niños son de izquierda porque si le explicas cosa es la derecha lloran.
Los niños son de izquierda porque si le explicas cosa es la izquierda lloran el mismo, pero un poco menos.
Los niños son de izquierda porque a ellos no les sirve lo superfluo. Soy de izquierda porque los zapatos son zapatos, aunque antes o después le regalamos de los bonitos Nike o Adidas o Puma o Reebok o Superga. ¡Pero aquéllos somos nosotros, por el No-Logo, pero de marca!
Los niños son de izquierda a pesar de la hora de religión obligatoria.
Los niños son de izquierda gracias a la hora de religión obligatoria.
Los niños son de izquierda, porque en todo caso, cualquier cosa tú le digas que te pareces vagamente a un orden, hacen resistencia. ¡Ahora y siempre!
Los niños son de izquierda porque ocupan todos los espacios de nuestra vida.
Los niños son de izquierda porque hacen los corros de tiempos no sospechas.
Los niños son de izquierda porque van a la guardería con niños africanos, chinos o bolivianos, y cuando el papá le dice "ves, aquel allí es africano", se lo miran como se mira una noticia sin sentido.
Los niños son de izquierda porque cuando se conmueven lloran, mientras nosotros adultos tenemos duro, no se sabe bien porque.
Los niños son de izquierda porque si ellos critichiamo se ofenden. Pero si los juzgamos no invocan lo legítimo sospechoso, y si los condenamos esperan serenos el indulto que llega antes o después: la mamá, Ciampi, el Papa...
Los niños son de izquierda porque se hacen una idea del mundo a que nada tiene que hacer con las reglas del mundo.
Los niños son de izquierda porque si le pones allí un jersey rojo y un jersey negro eligen el rojo, salvo turbas graves, daltonismo o sugerencia de quien hace el sondeo.
Los niños son de izquierda porque Papá Navidad se parece a Karl Marx. Porque Cenicienta es de izquierda, porque Pocahontas es de izquierda, porque Robin Hood es de de Vanguardia Obrera y hace las expropiaciones proletarias.
Los niños son de izquierda porque tienen horror del horror. Porque frente a la pobreza, a la violencia, al sufrimiento... sufren.
Los niños son de izquierda porque la confusión es una bonita confusión y porque el orden no se sabe cosa es.
Los niños son de izquierda porque crecen, cambian, hacen autocrítica si del caso.
Los niños son de izquierda porque entre Peter Pan y Che Guevara antes o después encontrarán el nexo.
Los niños son de izquierda porque, si la hacen, algo conservan por después. Por cuánto se vuelve difícil, más difícil, recordar de haber sido niños. De izquierda luego...




3 commenti:

  1. LETTERA AD UN FIGLIO

    Se puoi vedere distrutto il lavoro di tuttta la tua vita

    e senza dire una parola ricominciare,

    se puoi perdere i guadagni di cento partite

    senza un gesto e senza un sospiro di rammarico,

    se puoi essere un amante perfetto

    senza che l'amore ti renda pazzo,

    se puoi essere forte senza cessare di essere tenero

    e sentendoti odiato non odiare, pure lottando e difendendoti.

    Se tu sai meditare, osservare, conoscere,

    senza essere uno scettico o un demolitore,

    sognare senza che il sogno diventi il tuo padrone,

    pensare senza essere soltanto un pensatore,

    se puoi essere sempre coraggioso e mai imprudente,

    se tu sai essere buono e saggio

    senza diventare nè moralista, nè pedante.

    Se puoi incontrare il Trionfo e la Disfatta

    e ricevere i due mentitori con fronte eguale,

    se puoi conservare il tuo coraggio e il tuo sangue freddo

    quando tutti lo perdono.

    Allora i Re, gli Dei, la Fortuna e la Vittoria

    saranno per sempre tuoi sommessi schiavi

    e, ciò che vale meglio dei Re e della Gloria,

    Tu sarai un uomo.

    Rudyard Kipling


    Till.....
    Inside of you

    RispondiElimina
  2. Ehh... If
    _____

    Sucede que me canso de ser hombre.
    Sucede que entro en las sastrerías y en los cines
    marchito, impenetrable, como un cisne de fieltro
    navegando en un agua de origen y ceniza.

    El olor de las peluquerías me hace llorar a gritos.
    Sólo quiero un descanso de piedras o de lana,
    sólo quiero no ver establecimientos ni jardines,
    ni mercaderías, ni anteojos, ni ascensores.

    Sucede que me canso de mis pies y mis uñas
    y mi pelo y mi sombra.
    Sucede que me canso de ser hombre.

    Sin embargo sería delicioso
    asustar a un notario con un lirio cortado
    o dar muerte a una monja con un golpe de oreja.
    Sería bello ir por las calles con un cuchillo verde
    y dando gritos hasta morir de frío

    No quiero seguir siendo raíz en las tinieblas,
    vacilante, extendido, tiritando de sueño,
    hacia abajo, en las tapias mojadas de la tierra,
    absorbiendo y pensando, comiendo cada día.

    No quiero para mí tantas desgracias.
    No quiero continuar de raíz y de tumba,
    de subterráneo solo, de bodega con muertos
    ateridos, muriéndome de pena.

    Por eso el día lunes arde como el petróleo
    cuando me ve llegar con mi cara de cárcel,
    y aúlla en su transcurso como una rueda herida,
    y da pasos de sangre caliente hacia la noche.

    Y me empuja a ciertos rincones, a ciertas casas húmedas,
    a hospitales donde los huesos salen por la ventana,
    a ciertas zapaterías con olor a vinagre,
    a calles espantosas como grietas.

    Hay pájaros de color de azufre y horribles intestinos
    colgando de las puertas de las casas que odio,
    hay dentaduras olvidadas en una cafetera,
    hay espejos
    que debieran haber llorado de vergüenza y espanto,
    hay paraguas en todas partes, y venenos, y ombligos.
    Yo paseo con calma, con ojos, con zapatos,
    con furia, con olvido,
    paso, cruzo oficinas y tiendas de ortopedia,
    y patios donde hay ropas colgadas de un alambre:
    calzoncillos, toallas y camisas que lloran
    lentas lágrimas sucias.

    Pablo Neruda
    ________

    Succede che mi stanco di essere uomo
    Succede che entro nelle sartorie e nei cinema smorto,
    impenetrabile, come un cigno di feltro
    che naviga in un’acqua di origine e di cenere.

    L’odore dei parrucchieri mi fa piangere e stridere
    Voglio solo un riposo di ciottoli o di lana
    Non voglio più vedere stabilimenti e giardini
    Mercanzie, occhiali e ascensori.

    Succede che mi stanco dei miei piedi e delle mie unghie
    E dei miei capelli e della mia ombra
    Succede che mi stanco di essere uomo.

    Dopo tutto sarebbe delizioso
    Spaventare un notaio con un giglio mozzo
    O dar morte a una monaca con un colpo d’orecchio.
    Sarebbe bello andare per le vie con un coltello verde
    E gettar grida fino a morir di freddo.

    Non voglio essere più radice nelle tenebre,
    barcollante, con brividi di sonno, proteso all’ingiù,
    nelle fradicie argille della terra
    assorbendo e pensando, mangiando tutti i giorni.

    Non voglio per me tante disgrazie
    Non voglio essere più radice e tomba
    Sotterraneo deserto, stiva di morti,
    intirizzito, morente di pena.

    E per ciò il lunedì brucia come il petrolio
    Quando mi vede giungere con viso da recluso
    E urla nel suo scorrere come ruota ferita
    E fa passi di sangue caldo verso la morte.

    E mi spinge in certi angoli, in certe case umide,
    in ospedali dove le ossa escono dalla finestra,
    in certe calzolerie che puzzano d’aceto
    in strade spaventose come crepe.

    Vi sono uccelli color zolfo e orribili intestini
    Appesi alle porte delle case che odio,
    vi sono dentiere dimenticate in una caffetteria
    vi sono specchi
    che avrebbero dovuto piangere di vergogna e spavento,
    vi sono ombrelli dappertutto e veleni e ombelichi.
    Io passeggio con calma, con occhi, con scarpe,
    con furia, con oblio
    passo attraverso uffici e negozi ortopedici
    e cortili con panni tesi a un filo metallico:
    mutande, camicie e asciugamani che piangono
    lente lacrime sporche.

    Pablo Neruda

    P.s. Inside...in, out, on, of... Tutte che mi vogliono stare dentro. Praticamente una ressa! Mi accontenterei di accanto, grazie.

    RispondiElimina
  3. Next to you, always....senza soluzione di continuità...
    Ti amo

    Till....

    RispondiElimina