Metafore & Metamorfosi (ottobre)

IL MIO NEMICO

video

Finché sei in tempo tira
e non sbagliare mira,
probabilmente il bersaglio che vedi
è solo l'abbaglio di chi da dietro spera
che tu ci provi ancora,
perché poi gira e rigira gli serve solo una scusa.
La fregatura è che è sempre un altro che paga,
e c'è qualcuno che indaga per estirpare la piaga,
però chissà come mai qualsiasi cosa accada
nel palazzo lontano nessuno fa una piega,
serve una testa che cada e poi chissenefrega,
la prima testa di cazzo trovata per strada...
Serve una testa che cada e poi chissenefrega,
la prima testa di cazzo trovata per strada...
Se vuoi tirare tira
ma non sbagliare mira,
probabilmente il bersaglio che vedi
è solo l'abbaglio di chi da dietro giura
che ha la coscienza pura,
ma sotto quella vernice ci sono squallide mura,
la dittatura c'è ma non si sa dove sta,
non si vede da qua, non si vede da qua...
La dittatura c'è ma non si sa dove sta,
non si vede da qua, non si vede da qua...

Il mio nemico non ha divisa,
ama le armi ma non le usa,
nella fondina tiene le carte Visa
e quando uccide non chiede scusa...
Il mio nemico non ha divisa,
ama le armi ma non le usa,
nella fondina tiene le carte Visa
e quando uccide non chiede scusa...

E se non hai morale,
e se non hai passione,
se nessun dubbio ti assale,
perché la sola ragione che ti interessa avere
è una ragione sociale,
soprattutto se hai qualche dannata guerra da fare,
non farla nel mio nome,
non farla nel mio nome,
che non hai mai domandato la mia autorizzazione,
se ti difenderai non farlo nel mio nome,
che non hai mai domandato la mia opinione,
finché sei in tempo tira
e non sbagliare mira...
(sparagli Piero, sparagli ora)
Finché sei in tempo tira
e non sbagliare mira...
(sparagli Piero, sparagli ora)

Il mio nemico non ha divisa,
ama le armi ma non le usa,
nella fondina tiene le carte Visa
e quando uccide non chiede scusa...
Il mio nemico non ha divisa,
ama le armi ma non le usa,
nella fondina tiene le carte Visa
e quando uccide non chiede scusa...
il mio nemico non ha nome,
non ha nemmeno religione,
e il potere non lo logora,
il potere non lo logora...
Il mio nemico mi somiglia
è come me,
lui ama la famiglia
e per questo piglia più di ciò che dà
e non sbaglierà
ma se sbaglia un altro pagherà,
e il potere non lo logora,
il potere non lo logora...





















Hasta que eres a tiempo tira
y no equivoques puntería,
probablemente el blanco que ves
está solo lo deslumbro de quién de detrás espera
que tú todavía nos pruebas,
porque luego vuelta y da vueltas sólo le sirve una excusa.
El cambiazo es que siempre es otro que sueldo,
y hay alguien que indaga para extirpar la llaga,
pero tal vez por qué cualquier cosa ocurra
en el edificio lejano nadie hace un pliegue,
sirve una cabeza que caiga y luego quien friega,
la primera cabeza de carajo encontrado por calle...
Sirve una cabeza que caiga y luego quien friega
la primera cabeza de carajo encontrado por calle...
Si quieres tirar tira
pero no equivoques puntería,
probablemente el blanco que ves
está solo lo deslumbro de quién de detrás jura
que tiene la conciencia pura,
pero bajo aquel barniz hay miserables paredes,
la dictadura hay, pero no se sabe dónde está,
no se ve de acá, no se ve de acá...
La dictadura hay pero no se sabe dónde está
no se ve de acá, no se ve de acá...

Mi enemigo no tiene uniforme,
quiere las armas pero no las usa,
en el plato hondo tiene los papeles Visa
y cuando mata no se disculpa...
mi enemigo no ha uniforme,
quiere las armas pero no las usa,
en el plato hondo tiene los papeles Visa
y cuando mata no se disculpa...

Y si no tienes moral,
y si no tienes pasión,
si ninguna duda te ataca,
porque la sola razón que te interesas tener
es una razón social,
sobre todo si tienes alguna condenada guerra que hacer,
no hacerla en mi nombre,
no hacerla en mi nombre,
que no has preguntado nunca mi autorización,
si te defendieras no hacerlo en mi nombre,
que no has preguntado nunca mi opinión,
hasta que eres a tiempo tira y no equivoques puntería...
(dispárale Piero, ahora dispárale)
Hasta que eres a tiempo tira y no equivoques puntería...
(dispárale Piero, ahora dispárale)

Mi enemigo no ha uniforme,
quiere las armas pero no las usa,
en el plato hondo tiene los papeles Visa
y cuando mata no se disculpa...
Mi enemigo no ha uniforme,
quiere las armas pero no las usa,
en el plato hondo tiene los papeles Visa
y cuando mata no se disculpa...
Mi enemigo no tiene nombre,
no tiene tampoco religión,
y el poder no lo desgasta,
el poder no lo desgasta...
Mi enemigo me parece
es como yo,
él quiere la familia
y por éste pilla más que lo que de
y no equivocará
pero si equivoca un otro pagará,
y el poder no lo desgasta,
el poder no lo desgasta...



















____________


IL RECINTO DEI PORCI

video
____________


SILVIO CESARE

video
____________


GIURO SUI MIEI FIGLI

video


video


video
_____________


CHE CAZZO C'E' DA RIDERE?

video
____________


YO ACUSO

Yo acuso al presidente y a sus ministros de masturbar los intereses financieros de los amos.
Yo acuso a los sindicatos de ser perros falderos, les acuso de dilatar las protestas en el tiempo, les acuso de querer convertir los gritos en susurros, la pobreza en una cifra, la protesta en un desfile de becerros.
Yo acuso a los periodistas de limpiar con sus lenguas bífidas la ponzoña de su desvergüenza.
Yo acuso a los intelectuales, artistas, escritores, de mirar para otro lado mientras besan las manos flojas de los tiranos.
Yo acuso a los empresarios, mafiosos y codiciosos, que compran carne humana y la destrozan en las fábricas, en los andamios. en el paro.
Yo acuso a los banqueros de ladrones, traficantes, blanqueadores de sangre.
Yo acuso a los ejércitos, sicarios con nómina de una sola bandera, de esparcir masacres por unas monedas.
Yo acuso a las multinacionales del dolor de convertir la salud en mercadería y a los enfermos en adictos a sus píldoras y a los empobrecidos en gentes sin cura posible.
Yo acuso a los curas y monaguillos de perpetuar la gran farsa, de instigar a la resignación para sentarse mientras tanto a la derecha del terror.
Yo acuso a los jueces, a los fiscales, a los tribunales, que torturan la justicia hasta dejarla moribunda.
Yo acuso a todos, les acuso con estas manos pequeñas, les señalo con estos dedos de poeta, en estos versos atrapados por la rabia.
Les acuso de tantas cosas que no me alcanzan las palabras, les acuso de cada uno de los desahucios, de cada uno de los saqueos.
Les acuso de la miseria, de las pestes, de las corrupciones, de los terrorismos oficiales, de las demencias, de las picanas, les acuso de repartir miedo e indiferencia, les acuso de la mano dura, de la complicidad de sus silencios, de la manipulación, de la represión, de vender realidades ficticias, de crear la industria de la violencia, les acuso de esterilizar las utopías, de inventar coartadas, les acuso de intentar barrer las calles de alegría, de intentar violar todos los sueños, de vivir por y para el crimen.
Les acuso sí, les acuso con mis versos, les digo a todos los bandidos que aquí estamos, con el pecho al descubierto, aquí estamos, clavados en la tierra,
Aquí estamos, apresurando el paso,
camino de un mañana sin tinieblas.
Aquí estamos, sin callarnos,
con nuestras vísceras ardientes,
con nuestros temblores controlados,
con nuestros pulso desordenado,
aquí estamos,
con el corazón atento,
aguardando el momento.
Aquí estamos.

Silvia Delgado Fuentes
Si vis pacem - Opiniones de una poeta en pie de guerra


Io accuso il presidente e tutti i suoi ministri di masturbare gli interessi finanziari dei padroni.
Io accuso i sindacati di essere cani da compagnia, li accuso di annacquare le proteste nel tempo, li accuso di voler trasformare le grida in sussurri, la povertà in statistica, la protesta nella sfilata di una mandria di vitelli.
Io accuso i giornalisti di ripulire con le loro lingue bifide il veleno di tutta la sua sfacciataggine.
Io accuso gli intellettuali, gli artisti, gli scrittori, di guardare da un'altra parte mentre baciano le mani flosce dei tiranni.
Io accuso gli imprenditori, mafiosi e avidi, che comprano carne umana e la fanno a pezzi nelle fabbriche, nei cantieri, nella sottoccupazione.
Io accuso i banchieri dei ladri, trafficanti e riciclatori di sangue.
Io accuso i militari, sicari sotto la guida di una sola bandiera, pronti a spargere massacri per pochi denari.
Io accuso le multinazionali del dolore di trasformare la salute in commercio e i malati in tossicodipendenti delle loro pillole e gli indigenti in persone senza cura possibile.
Io accuso i preti e gli ecclesiastici di perpetuare la gran farsa, di istigare alla rassegnazione per sedersi nel frattempo alla destra del terrore.
Io accuso i giudici, i pubblici ministeri, i tribunali, che torturano la giustizia fino a lasciarla moribonda.
Io accuso tutti, li accuso con queste mani piccole, li segno con queste dita di poeta, in questi versi pieni di rabbia.
Li accuso di così tante cose che non mi bastano le parole, li accuso di ogni sopruso, di ogni saccheggio.
Li accuso della miseria, delle malattie, delle corruzioni, dei terrorismi ufficiali, delle demenze, delle torture, li accuso di diffondere paura e indifferenza, li accuso di avere la mano dura, di complicità coi loro silenzi, di manipolazione, di repressione, di spacciare realtà false, di creare l'industria della violenza, li accuso di sterilizzare le utopie, di inventare alibi, li accuso di cercare di spazzar via dalle strade l'allegria, di voler violentare tutti i sogni, di vivere di e per il crimine.
Li accuso sì, li accuso coi miei versi, dico apertamente a tutti i banditi che stiamo qui, col petto, qui stiamo, ben inchiodati a terra.
Qui stiamo, affrettando il passo,
verso un domani senza tenebre.
Qui stiamo, senza starcene zitti,
con le nostre viscere in fiamme,
coi nostri tremori controllati,
col nostro polso accelerato,
qui stiamo,
col cuore attento,
aspettando il momento.
Qui stiamo.

Silvia Delgado Fuentes
Si vis pacem - Opiniones de una poeta en pie de guerra

_______________


PAGA PAPI

video

Una serata in disco
e un mojito fresco
la mini per cuccare
un rullo per sballare
Il gioco sai mi prende
la mamma che s’arrende
la scuola l’abbandono
le tette come dono
community e tv
ho perso ogni tabù
i soldi non guadagno
ma sono io che regno
e senza un parrucchiere
lo sai potrei morire
è un mondo sì di sfide
il nano se la ride...

Tanto paga papi
prendo, spendo e spando
e tu paghi papi

Tanto paga papi
Papi paghi papi
Paga paga papi

Le tasse io le odio
i conti non li pago
le leggi io le frego
non credo più allo stato
governo e opposizione
la banda in coalizione
veline in parlamento
il popolo è contento
il fisco che mi assale
pensarci mi fa male
a casa manca un vano
fortuna c’è il condono
il debito che sale
la droga che fa male
il fumo che ti uccide
il monopolio ride...

Tanto paga papi
tanto paga papi
tanto paga papi
prendo, spendo e spando
e tu paghi papi

Tanto paga papi
papi paghi papi
paga paga papi
tanto paga papi
deve farlo sai
per evitare guai...

Tanto paga papi
ora ve lo dico
non è mio amico
e dai papi
e dai paga papi…
tanto non sono soldi tuoi
dai papi..
papi guarda.. una mini, me la compri?
E dai papi, non fare il tirchio su!
Dai paga papi.. e paghi papi…..

______________


...ALLA DESTRA DI DIO

video

video
________


BAVAGLIO E GREMBIULE

video

Per quella Democratica Rinascita,
voluta dal Maestro Venerabile
c'era bisogno di chi desse i piccioli,
ma mai si seppe dove li trovò...
Lui odiava quel Marco Travaglio,
quel Santoro e quella Gabanelli
che svelavan i trucchi e i tranelli,
le truffe e i bordelli
con le intercettazion.

Lui voleva una legge bavaglio,
che mettesse alla stampa il sigillo
per tenere i PM al guinzaglio,
e rubare tranquillo
da qui all'eternità.

E in tanti protestavano,
altri lo assecondavano
la lingua è a doppio taglio
perfino col bavaglio
puoi usarla per leccar...

Con la stampa servile a comando,
di bavagli non c'era bisogno
da decenni ottundeva il cervello,
col telecomando
vendendo sogni d'or...al suo popolo,
col partito del dolce amor.

Un giorno disse: "cari miei discepoli,
sconsiglio di parlarne per telefono"
Mangiarono la foglia a corruttopoli
e subito la mafia ringraziò:

"Lui è il nostro avvocato spavaldo
quasi meglio del nostro Marcello,
regaleremo un nuovo stalliere,
ed un altro cavallo
al nostro salvator...
Lui fu grato del primo Cavallo,
lo mettemmo su quel piedistallo
con lo Stato fermammo il duello
posammo il coltello, in tutte le città
.

E quelli che indagavano,
le prove non trovarono
Spatuzza fu ascoltato,
la tregua con lo Stato,
non possono provar...
...ma il figlio di Don Vito
non vollero ascoltar...

Lui salì come un vero sciacallo,
profittando di Craxi e Di Pietro
e da allora un governo più bieco,
più sporco e più tetro
l'Italia non trovò,
ringraziamolo con ossequio di vero cuor
..."

__________


BERLUSCONEN LIED

video

Die Fahne hoch! Die Reihen fest geschlossen!
__________


LE DIFFERENZE PARALLELE

video

video
__________


LA DITTATURA OMEOPATICA

"Ma cosa bisogna fare per essere presi sul serio? Se un dittatore non si mette il cappellone, non spara per aria, non vedete il passo dell'oca fuori dalla finestra, non vi raziona il pane, non lo prendete sul serio, è sempre un buffone, c'è sempre da ridere..."

video
__________


DOLORE

video

...Per i miei fratelli
__________


2 commenti:

  1. L'altro giorno, vedendo quest'ultimo filmato in tivù, ho detto le tue stesse parole:"Che c. ridono?". Questo pezzo di m. continua a calpestare la dignità delle donne e dei cittadini italiani e loro ridono. Gente che vive nei containers e lui che non sà in quale delle 20 case andare, che ha ridotto questo paese a un immondezzaio che non ha futuro. Si sentono obbligati a ridere per puro servilismo o perché pensano davvero che Berlusconi sia divertente?
    P.s. Ben tornato.

    RispondiElimina
  2. Cara Mary,
    hai centrato il punto. Barzelle e battute sugli ebrei, sulle donne, sulle prostitute e gli scafisti albanesi... il punto non è solo la bestemmia o non bestemmia, la volgarità o meno, il politically scorrect o la dignità della persona di turno offesa (Rosy Bindi, Carla Bruni, ecc...).
    Prima ancora il punto è che non c'è nulla, ma proprio nulla, da ridere!
    Lo stesso dicasi di Bossi e la sua vecchissima e insulsa cretineria del S.P.Q.R. Roba da quinta elementare! (E Bossi ha poco più di quella: un diploma Radio Elettra per corrispondenza!)
    E anche lì tutti a ridere. Ma che cazzo c'è da ridere!?
    Come dici tu verrebbe da chiedere ai presenti se trovano davvero divertenti le cazzate di Berlusconi o di Bossi.
    Ma pavento già la risposta... perché temo sarebbe affermativa.
    Ciao D.
    Ps Grazie. Come si dice in questi casi? Chi non muore...

    RispondiElimina