Revolutionary Road

video

[13.12.1964] Announcer: From New York City, Face the Nation, a spontaneous and unrehearsed news interview with Ernesto Che Guevara, Cuban Minister of Industry. Major Guevara will be questioned by CBS News United Nations Correspondent Richard C. Hottelet; Ted Szulc of the Washington Bureau of the New York Times: and CBS News Correspondent Paul Niven.

Paul Niven - Major Guevara, in your speech to the General Assembly the day before yesterday, you accused the United States of helping Cuba's neighbors prepare new aggression against her. We, in turn, have often accused your government of abetting subversion in other Latin American countries. Do you see any way out of this situation, any way to improve relations?
Ernesto "Che" Guevara - I think with regards to solutions, there are solutions, and I think there is only one. We have said repeatedly to the government of the United States that we do not want anything but to forget us, that they do not consider us even for good or evil.

Paul Niven - Major Guevara, we have more questions about Cuba's relations with this country and with the Communist countries, and about your own internal situation. Major Guevara, you said a mornent ago you would simply like us Americans to forqet Cuba. Your speech the other day suggested that you cannot forget us. You consider us a hostile government, ninety miles away. How can you expect us to forget you?
Ernesto "Che" Guevara - I didn' t say exactly that I expected you to forget us. You asked a solution, and I said what was that solution in the present moment. If it is possible or not, that is another question.

Ted Szulc - Major Guevara, on several opportunities recently Premier Fidel Castro has suggested in interviews with visiting newspaperman and on other occasions that a new effort be made to normalize relations between Cuba and the United States, particularly in the field of trade and exchanges. As an economist, do you feel yourself that the resumption of relations of this nature would be useful or welcome for Cuba? In other words, would you like to see the relations normalized?
Ernesto "Che" Guevara - Not as an economist, because I have never considered myself an economist, but only an official of the Cuban Government, as another Cuban. I think harmonious relations with the U.S. would be very good for us from the economical point of view, more than in any other field, because all our industry has been established by the U.S. and primary products and repair parts that we have to make with much difficulty or to bring from other areas could come directly. And besides, sugar, which traditionally we had the American market is also near.

Ted Szulc - If my recollection is right, in 1960 you made several speeches, particularly one in 1960, saying that for Cuba to go on selling sugar to the United States was a form of colonialism to which you were subjected. Have you changed your mind about this?
Ernesto "Che" Guevara - Naturally, because those were different conditions. We sold sugar with the specific conditions established by American buyers, which in turn dominated the internal market and production in Cuba. Now if we would sell sugar to the U.S., it would be the Cuban Government the one who would sell it, and it would be a complete profit for our people.

Richard C. Hottelet - Dr. Guevara, washington has said that there are two political conditions for the establishment of normal relations between the United States and Cuba. One is the abandonment of your military commitment to the Soviet Union. The other is the abandonment of the policy of exporting revolution to Latin America. Do you see any chance of a change in either of these points?
Erensto "Che" Guevara - Absolutely. We put no condition of any kind to the U.S., we don't want it to changa its system, we don't want racial discrimination to cease in the u.s., we put no conditions to the establishment of relations. But we neither put conditions to...

Richard C. Hottelet - But my question was whether you would accept conditions placed by the United States on the resumption of normal relations.
Ernesto "Che" Guevara - We will not accept any conditions from the U.S. We will not accept conditions imposed by the U.S. to us.

Richard C. Hottelet - But in the matter of the missiles, the Russian missiles on Cuba, and the Cuban military relations with the Soviet Union, how can the United States be sure that Cuba is not a strategic threat once again? Would you accept United Nations inspection, or inspection by the Organization of American states, if you do not permit American on-site inspection of Cuba?
Ernesto "Che" Guevara - You talked about the organization of American States. Yesterday - the day before yesterday the Colombian delegate spoke about the orbit of the OAS; it is in effect an orbit which gyrates around the u.s. An inspection by such delegates would be an inspection by the U.S. You talk about that the United States don't feel secure. And we ask too U.S. - do we ourselves feel secure that we have no missiles against Cuba? Them cannot we reach a harmonious solution because the two countries are equal in the world. Let's inspect all bases, atomic bases, of the U.S. and let's inspect also what we have in Cuba. And if you want, let's liquidate all the atomic bases in Cuba and in the U.S. and we are in complete agreernent with that.

Paul Niven - Major Guevara, are you in fact trying to export your revolution? Are you ever day shipping arms to other Latin American countries? Are you bringing revolutionaries from other countries to Cuba, training them, sending them home?
Ernesto "Che" Guevara - I also had an opportunity to say at the Assembly, and I can repeat it emphatically now revolutions are not exportable: revolutions are created by oppressive conditions which Latin American countries exercise against their peoples. And there comes rebellion. And afterwards new Cubas will emerge. We axe not the ones who create revolutions. It is the imperialist system and its allies, internal allies, the ones who create revolution.

Paul Niven - But does not your attitude towards the present government of Venezuela, which is considered in many other countries leftist and progressive, suggest that you consider any governrnent oppressive which is not Cornmunist?
Ernesto "Che" Guevara - In absolute, no. What we consider is that the Venezuelan government is not a leftist government, has nothing of a leftist government. It is an oppressor, an oppressive government, it is a murderer - he murders them - the peasant fights in the region of Falcon, for example, where there are military advisors of the U.S. There is in Venezuela today, in spite of the American press does not reveal it - the Venezuelan government is not a leftist government.

Paul Niven - Is there any government in this hemisphere which Cuba considers to be progressive?
Ernesto "Che" Guevara - The word "progressive" is an ambiguous word. There is one government with which we keep diplomatic relations, the government of Mexico, with which we have good relations. Our systems are different. We respect their system. We are in a complete harmony up to date, and I have the hope that it will continue like that. But if you ask me the image of Latin America, there are some countries which oppress their peoples much more, and among the less - least oppressive, among those with which we could have perfectly normal relations without any difficulties - we could have Uruguay, Chile, maybe Costa Rica. But the U.S. do not permit us.

Richard C. Hottelet - But all these countries have broken diplomatic relations with Cuba. Don't you feel yourself isolated when you have no friend at all in this hemisphere?
Ernesto "Che" Guevara - We have a lot of friends, but not among the governments - the friends are in the peoples. And in the last instance the peoples will be the rulers of those states.

Ted Szulc - You have been over the years, I believe, a very articulate and candid critic yourself of that which was occurring with the Cuban economy. I read your speeches in which you have criticized the errors in policies and errors in judgments. Now that you are approaching the seventh year of your revolution, would you try to assess for us briefly just what has happened to the economy in your country? Do you feel that you might begin to rise from the point where you have been? What projection of the economy would you make for 1965? Will it be the seventh lean year or not necessarily?
Ernesto "Che" Guevara - It is a very difficult question to answer it in a very short moment. I am being bombed by questions of all kinds. I will try to be very concise and try to explain to the American people. We had a great number of mistakes in the economic fleld, naturally. I am not the critic. It is Fidel Castro, the one who has criticked repeatedly the mistakes we have made, and he explained why we have made them. We did not have a previous preparation. We made mistakes in agriculture. We made mistakes in industry. All these mistakes are being settled now. In industry, we are now concentrating our best effort in trying to make plants work at a maximum capacity, trying to replace the equipment which is in bad conditions due to lack of spare parts from the U.S., that we cannot get from the U.S.; to extend our industry later on the basis of our primary resources. And to lessen our dependence on external markets and dedicate our efforts in 1965 to the aspect of security and hygiene of work, to make our plants better for the worker: that the worker may feel really a man there. We have taken plants from the capitalist system where the most important thing was to produce, especially in Cuba. I do not imply that in the U.S. plants, industrial plants, are now places of exploitation where man is oppressed. I know that there are a great number of advantages here for the American worker. But those advantages in Cuba had not reached, and conditions are very bad, very unhealthy. We have to dedicate our efforts to better the life, the time passed by the worker in the industrial plant. That will be one of our main efforts during the next year.

Paul Niven - Major, we have some more questions about the internal situation in Cuba when we resume in a moment.

Richard C. Hottelet - Dr. Guevara, you have protestad against the presence of the American naval base at Guantanamo and the continued American reconnaissance over-flights over Cuba. Will you take any military action, either against the base or the planes?
Ernesto "Che" Guevara - We will - we had to explain at the Assembly the other day that we do not boast. We know the power of the u.s. we do not fool ourselves about this power. We say that the U.S. government wants us to pay a very high price for this unstable peace we enjoy today. And the price we are in a position to pay is only - comes only to the frontiers of dignity, not beyond. If we had to kneel in order to live in peace, they will have to kill us before. If they do not want te go to that point, we will continue to live in the best way possible - that is in this not peaceful coexistence that we have today with the U.S.

Paul Niven - What does that mean in terms of practical diplomacy, Major? What do you propose to do?
Ernesto "Che" Guevara - We have denounced in all assemblies, in all places where we have had the opportunity to speak, the illegality of flights and the fact that there is a base against the will of the Cuban people. Furthermore, we have denounced the great number of violations, or provocations from that base, according to statistics, a little rough statistics four provocations every day. And we have asked the non-aligned countries and the General Assembly of the U.N. to take measures to prevent things like these.

Paul Niven - Major, may I ask you what percentage of the people of Cuba support the revolution.
Ernesto "Che" Guevara - Well...

Paul Niven - We have ten seconds.
Ernesto "Che" Guevara - In ten seconds it is very difficult. In this moment we do not have elections. But the great majority of the Cuban people supports its government.

Paul Niven - Thank you, Major Guevara, for being here to Face of the Nation.

video


[13.12.1964] Annunciatore: Dalla città di New York il programma "Face of the Nation" trasmette un'intervista spontanea e diretta con Ernesto Che Guevara, ministro dell'industria di Cuba. Il comandante Guevara sarà intervistato dal corrispondente della CBS alle Nazioni Unite, Richard C. Hottelet, da Tadd Szulc, della redazione di New York del "New York Times" e dal corrispondente della CBS Paul Niven.

Paul Niven - Comandante Guevara, nel suo discorso all'Assemblea generale di avant'ieri, lei ha accusato gli Stati Uniti di aiutare i Paesi vicini a preparare nuove aggressioni contro Cuba. A nostra volta, noi abbiamo accusato frequentemente il suo governo di promuovere la sovversione in altri paesi latino-americani. Vede qualche possibilità di uscita da questa situazione, qualche modo di migliorare le relazioni?
Ernesto "Che" Guevara - Penso che soluzioni ve ne siano, e credo che ve ne sia una sola. Abbiamo detto ripetutamente al governo degli Stati Uniti che non vogliamo niente altro, solo che loro si dimentichino di noi, che non si preoccupino di noi, né in bene né in male.

Paul Niven - Comandante Guevara, abbiamo altre domande sulle relazioni di Cuba con questo paese e con i paesi comunisti, e sulla situazione interna di Cuba stessa. Comandante Guevara, lei ha detto un momento fa che le piacerebbe semplicemente che noi nordamericani ci dimenticassimo di Cuba. Il suo discorso dell'altro giorno suggerisce che lei non riesce a dimenticarsi di noi: lei ci considera un governo ostile a novanta miglia. Come può sperare che noi vi dimentichiamo?
Ernesto "Che" Guevara - Io non ho detto esattamente che avevo la speranza che voi ci dimenticaste. Lei mi ha chiesto una soluzione e io le ho detto qual è la soluzione, al momento attuale. Se sia possibile o no, è un'altra domanda.

Ted Szulc - Signor Guevara, in diverse occasioni recenti il premier Fidel Castro ha suggerito, in interviste con giornalisti in visita a Cuba e in altre occasioni, che si deve fare uno sforzo nuovo per normalizzare le relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti, particolarmente sul terreno del commercio e degli scambi. Come economista, lei ritiene personalmente che sarebbe utile o vantaggioso per Cuba riallacciare relazioni di questa natura? In altre parole, le piacerebbe vedere normalizzarsi queste relazioni?
Ernesto "Che" Guevara - Non come economista, perché non mi sono mai considerato un economista, ma un funzionario del governo cubano, come un cubano qualunque credo che relazioni di buona armonia con gli Stati Uniti sarebbero molto buone per noi dal punto di vista economico più che in qualsiasi altro campo, perché tutta la nostra industria è stata costruita dagli Stati Uniti e le materie prime e i pezzi di ricambio che dobbiamo fabbricare con grandi difficoltà, o importare da altre aree, potrebbero venirci direttamente. C'è anche lo zucchero, per il quale abbiamo avuto tradizionalmente il mercato nordamericano, che è anche vicino.

Ted Szulc - Comandante, se la memoria mi è fedele, nel 1960. lei ha pronunciato diversi discorsi, uno in particolare nel marzo 1960, nel quale disse che continuare a vendere zucchero agli Stati Uniti era per Cuba una forma di colonialismo al quale Cuba veniva sottoposta. Ha cambiato opinione su questo?
Ernesto "Che" Guevara - Naturalmente, perché quelle erano condizioni diverse. Noi vendevamo zucchero a condizioni specifiche stabilite dai compratori nordamericani, che a loro volta dominavano il mercato e la produzione interna di Cuba. Attualmente, se vendessimo zucchero agli Stati Uniti, l'unico a venderlo sarebbe il governo cubano e tutti i profitti sarebbero per il nostro popolo.

Richard C. Hottelet - Dottor Guevara, Washington ha detto che ci sono due condizioni politiche per il ristabilimento di relazioni normali tra Stati Uniti e Cuba: una, l'abbandono dei suoi impegni militari con l'Unione Sovietica, l'altra l'abbandono della politica di esportazione della rivoluzione in America Latina. Vede qualche possibilità di cambiamento in qualcuno di questi punti?
Ernesto "Che" Guevara - Assolutamente no. Noi non poniamo agli Stati Uniti nessun tipo di condizione. Non vogliamo che cambino il loro sistema. Non pretendiamo che cessi la discriminazione razziale negli Stati Uniti. Non mettiamo condizione alcuna per il ristabilimento di relazioni, ma neppure accettiamo condizioni...

Richard C. Hottelet - Ma la mia domanda è se lei accetterebbe queste condizioni poste dagli Stati Uniti per la ripresa di relazioni normali.
Ernesto "Che" Guevara - Non accetteremo nessuna condizione dagli Stati Uniti, non accetteremo nessuna condizione impostaci dagli Stati Uniti.

Richard C. Hottelet - Ma nella questione dei missili Russia-Cuba e delle relazioni militari cubane con l'Unione Sovietica, come possono gli Stati Uniti essere sicuri che Cuba non rappresenterà di nuovo una minaccia strategica? Accetterebbe l'ispezione delle Nazioni Unite o l'ispezione dell'Organizzazione degli Stati Americani sul posto?
Ernesto "Che" Guevara - Lei ha menzionato l'Organizzazione degli Stati Americani. Avant’ieri il delegato colombiano ha parlato dell'orbita dell'OSA. Si tratta in effetti di un'orbita attorno agli Stati Uniti. Un'ispezione da parte di simili delegati sarebbe un'ispezione realizzata dagli Stati Uniti. Lei dice che gli Stati Uniti non si sentono sicuri e noi chiediamo agli Stati Uniti, possiamo sentirci sicuri che non esistono missili contro Cuba? Non possiamo, quindi, arrivare ad una soluzione armonica perché i paesi nel mondo sono uguali. Ispezioniamo tutte le basi, le basi atomiche degli Stati Uniti, e ispezioniamo anche ciò che abbiamo a Cuba, e, se lo desidera, liquidiamo tutte le basi atomiche a Cuba e negli Stati Uniti e noi saremo perfettamente d'accordo su questo.

Paul Niven - Comandante, lei sta in realtà tentando di esportare la sua rivoluzione? Inviate armi tutti i giorni ad altri paesi latino-americani? State portando a Cuba rivoluzionari di altri Paesi per poi restituirli addestrati alla loro patria?
Ernesto "Che" Guevara - Ho avuto anche l'opportunità di dirlo all'assemblea e posso ripeterlo categoricamente adesso: le rivoluzioni non si esportano. Le rivoluzioni sono create dalle condizioni di oppressione che i governi latino-americani esercitano contro i popoli, da lì viene la ribellione e dopo sorgono le nuove Cuba. Non siamo noi che creiamo le rivoluzioni, è il sistema imperialista e i suoi alleati, alleati interni, che crea le rivoluzioni.

Paul Niven - Non trova che il Suo atteggiamento verso il presente governo del Venezuela, che è considerato da molti altri paesi di sinistra e progressista, suggerisca che Lei consideri ogni governo oppressivo se non è comunista?
Ernesto "Che" Guevara - Assolutamente no. Quello che noi consideriamo è che il governo venezuelano non è un governo di sinistra, non ha niente di un governo di sinistra. È un oppressore, un governo oppressivo è assassino - e lui assassina - il contadino ribelle della regione di Falco, per esempio, dove ci sono consiglieri militari statunitensi. Questo accade oggi in Venezuela, nonostante la stampa americana non lo riveli - il governo venezuelano non è un governo di sinistra.

Paul Niven - C'è qualche governo di questo emisfero che Cuba considera essere progressista?
Ernesto "Che" Guevara - La parola "progressista" è una parola ambigua. C'è un governo col quale noi intratteniamo relazioni diplomatiche, il governo del Messico, col quale abbiamo buoni rapporti. I nostri sistemi sono diversi. Noi rispettiamo il loro sistema. Noi siamo in un'armonia completa, per quanto ci riguarda, e ho speranza che le cose continueranno in tal senso. Ma se Lei chiede a me il ritratto dell'America Latina, ci sono dei paesi che opprimono il loro popoli molto di più, e fra i meno - meno oppressivi, fra quelli con cui noi potremmo avere relazioni perfettamente normali senza alcune difficoltà - noi potremmo annoverare Uruguay, Cile, forse il Costa Rica. Ma gli Stati Uniti non ce lo permettono.

Richard C. Hottelet - Ma tutti questi paesi hanno rotto le relazioni diplomatiche con Cuba. Non si sente isolato quando Lei non ha amici in tutto in questo emisfero?
Ernesto "Che" Guevara - Noi abbiamo molti amici, ma non fra i governi - gli amici sono nei popoli. E in ultima istanza i popoli saranno i governanti di quegli stati.

Ted Szulc - Lei è stato in tutte le occasioni, secondo me, un critico chiaro e candido, lei stesso, di ciò che è avvenuto nella economia cubana. Ho letto i suoi discorsi nella parte che criticava gli errori politici e gli errori di giudizio. Ora che state arrivando al settimo anno della vostra rivoluzione, analizzerebbe, per noi, brevemente, ciò che è successo nell'economia del suo Paese? Lei crede che potreste incominciare a risollevarvi dal livello cui eravate scesi? Che pronostico farebbe rispetto all'economia per il 1965? Sarà il settimo anno magro o non lo sarà necessariamente?
Ernesto "Che" Guevara - Una domanda molto difficile, perché si possa rispondere in pochi istanti. Mi state bombardando con domande di ogni specie. Cercherò di essere molto conciso e di spiegarlo al popolo nordamericano. Abbiamo commesso un gran numero di errori nel campo economico, naturalmente. Non solo io li critico, è Fidel Castro che ha criticato ripetutamente gli errori che abbiamo commesso, e ha spiegato perché li abbiamo commessi. Noi non avevamo una preparazione anteriore. Siamo incorsi in errori nell'agricoltura e nell'industria. Tutti questi errori si stanno adesso risolvendo. Nell'industria stiamo concentrando il nostro sforzo migliore nel far sì che le fabbriche lavorino alla capacità massima; stiamo tentando di sostituire le attrezzature che sono in cattive condizioni a causa della mancanza di pezzi di ricambio che non possiamo comprare negli Stati Uniti; tentiamo di estendere la nostra industria sulla base delle nostre risorse di materie prime, di ridurre la nostra dipendenza dai mercati esteri e di dedicare i nostri sforzi, nel 1965, al settore della sicurezza e dell'igiene del lavoro per rendere le nostre fabbriche più confortevoli per il lavoratore; perché il lavoratore vi si possa sentire veramente un uomo completo. Abbiamo rilevato delle fabbriche dal sistema capitalista, per il quale la questione più importante era produrre, specialmente a Cuba. Non voglio dire che negli Stati Uniti le fabbriche - quelle industriali - sono luoghi di sfruttamento in cui l'uomo è spremuto come un'arancia. So che qui il lavoratore nordamericano gode di molti vantaggi, ma quei vantaggi a Cuba non erano stati ottenuti e le condizioni erano molto cattive, poco salubri. Abbiamo dedicato i nostri sforzi a rendere migliore la vita, il tempo che il lavoratore passa nello stabilimento industriale. Sarà questo uno dei nostri principali sforzi durante l'anno prossimo.

Paul Niven - Abbiamo altre domande sulla situazione interna di Cuba, quando riprenderemo tra qualche attimo.

Richard C. Hottelet - Dottor Guevara, lei ha protestato per la presenza della base navale nordamericana di Guantànamo e per i continui voli di ricognizione nordamericani su Cuba. Adotterete qualche misura militare sia contro la base, sia contro gli aerei?
Ernesto "Che" Guevara - Bene, l'altro giorno, all'assemblea ho dovuto spiegare che non ci piace fare bravate. Conosciamo la potenza degli Stati Uniti. Noi diciamo che il governo degli Stati Uniti vuole farci pagare un prezzo molto alto per questa coesistenza non pacifica di cui oggi godiamo, e il prezzo che siamo disposti a pagare arriva solo fino alle frontiere della dignità, non va oltre. Se per vivere in pace dovessimo metterci in ginocchio, dovrebbero prima ucciderci. Se non vogliono arrivare fino a questo punto, continueremo a vivere nel miglior modo possibile che è questa coesistenza non pacifica attualmente vigente con gli Stati Uniti.

Paul Niven - Che cosa significa questo in termini di diplomazia spicciola, Comandante? Che cosa ci proponete di fare?
Ernesto "Che" Guevara - Abbiamo denunciato in tutte le assemblee, in tutti i luoghi in cui abbiamo avuto la possibilità di parlare, l'illegalità dei voli e il fatto che esiste una base contro la volontà del popolo cubano; abbiamo anche denunciato il numero di violazioni, di provocazioni partite da quella base, e abbiamo chiesto ai Paesi non allineati e all'Assemblea generale delle Nazioni Unite di prendere delle misure per evitare questo stato di cose.

Paul Niven - Comandante, posso chiederle che percentuale del popolo di Cuba appoggia la rivoluzione?
Ernesto "Che" Guevara - Bene...

Paul Niven - Abbiamo dieci secondi.
Ernesto "Che" Guevara - È molto difficile in dieci secondi. In questo momento non abbiamo elezioni, ma una grande maggioranza appoggia il governo.

Paul Niven - Grazie, Comandante Guevara, per la sua partecipazione a Face of the Nation.

Nessun commento:

Posta un commento