Mond Lader!

video

Son chì, son là che cunti nient
e che ghe vègna on accident
ai cervellon, ai lazzarun del parlament,
son chì che gho du oeugg de matt
e son inscji a ciappà i ratt,
me borlen giò anca i ball e i sentiment...

Mi voraria savè quèll'òstia,
quel gran figlio di una bèstia
che on bèll dì m'ha saraa sù l'Alfa Romeo,
sarò anche il figlio di un terrun
ma rièssi nò a vèss on cojun
e intant me brusa el bus del cuu... e marameo.

Mond lader,
quèlla brutta loeuggia d'un mond lader,
quèlla brutta tròia d'un mond lader,
el cantava indeperlù mè pader...
Mondo ladro pieno di padroni,
di cattivi che son tutti buoni
di sbarbati senza più i maroni,
mond lader, mond lader...

E gho du fioeu che parlen minga,
hin domà bon de cicciarà, de cicciarà al telefonin,
la tosa con l'anèllo al naso
anca incoeu l'è tatuada
in bel bamborin,
la mia mise la vosa in cà
la vosa che la par uno strasciee,
el mè padron, el comunista,
a fin del mes el me da nò i danee...

Mond lader,
mì l so nò se gho de fà, mond lader,
mì l so nò se pòdi fà, mond lader,
voraria savè doe el va domani,
cosa ne sarà di me domani
che c'ho solo merda nelle mani,
mond lader, domani...

Ieri rincorrevo il tempo
il tempo mi correva dietro,
erano gli anni della fantasia,
oggi son qui che guardo il cielo
con le sue rondini in volo,
e son minga bon de scappà via.

Ghè più le tusa quèi dona vòlta
che la davan dree a ona pòrta,
e la scighera l'era poesia,
e te see denter in di oeugg,
me trèma ancamò i genoeugg
la prima vòlta che sei stata mia...

Mond lader,
mì te voeuri pròppi ben, mond lader,
e son chì col coeur in man, mond lader,
ti vorrei dare di più, mond lader,
ma puttana tròia dun mond lader,
son staa minga bon de vèss on lader...
Cosa ne sarà di me domani
che ho solo merda nelle mani...
Mond lader, domani...
_________

Son qui, son là che non conto niente
e che gli venga un accidente
ai cervelloni, ai lazzaroni del parlamento,
son qui che ho due occhi da matto
e sono qui a prendere i topi,
mi cadono le palle e i sentimenti...

Vorrei sapere quell’ostia,
quel gran figlio di una bestia
che un bel giorno m'ha chiuso l’Alfa Romeo,
sarò anche figlio di un terrone
ma non riesco ad essere un coglione
e intanto mi brucia il culo e... marameo.

Mondo ladro,
quella brutta puttana d’un mondo ladro,
quella brutta troia di un mondo ladro,
cantava tra sé e sé mio padre...
Mondo ladro pieno di padroni,
di cattivi che son tutti buoni,
di sbarbati senza più i maroni.
Mondo ladro, mondo ladro...

Ho due figli che non parlano
ma sono buoni giusto a parlare, parlare al telefonino,
la ragazza con l’anello al naso
anche oggi s'è tatuata
nel bell’ombelico,
mia moglie urla in casa
urla tanto che mi pare una straccivendola,
il mio padrone, il comunista,
a fine mese non mi dà i soldi...

Mondo ladro,
non so cosa devo fare, mondo ladro,
non so cosa posso fare, mondo ladro,
vorrei sapere dove andrà il domani,
cosa ne sarà di me domani
che ho solo merda tra le mani,
mondo ladro, domani...

Ieri rincorrevo il tempo
il tempo mi correva dietro,
erano gli anni della fantasia,
oggi son qui che guardo il cielo
con le sue rondini in volo,
e son minga bon de scappà via.

Non ci son più le ragazze di una volta
che te la davano dietro una porta,
e la nebbia era poesia,
e sei ancora dentro i miei occhi,
mi tremano ancora le ginocchia
la prima volta che sei stata mia...

Mondo ladro,
io ti voglio proprio bene, mondo ladro,
e sono qui col cuore in mano, mondo ladro,
ti vorrei dare di più, mondo ladro,
ma porca troia di un mondo ladro,
non sono stato capace di essere un ladro...
Cosa ne sarà di me domani
che ho solo merda nelle mani...
Mondo ladro, domani...

Nessun commento:

Posta un commento