Money is God

video

A hundred years ago it was called “dollar diplomacy”. After World War II, and especially after the fall of the Soviet Union in 1989, that policy evolved into “dollar hegemony”. But after all these many years of great success, our dollar dominance is coming to an end.
It has been said, rightly, that he who holds the gold makes the rules. In earlier times it was readily accepted that fair and honest trade required an exchange for something of real value.
First it was simply barter of goods. Then it was discovered that gold held a universal attraction, and was a convenient substitute for more cumbersome barter transactions. Not only did gold facilitate exchange of goods and services, it served as a store of value for those who wanted to save for a rainy day.
Though money developed naturally in the marketplace, as governments grew in power they assumed monopoly control over money. Sometimes governments succeeded in guaranteeing the quality and purity of gold, but in time governments learned to outspend their revenues. New or higher taxes always incurred the disapproval of the people, so it wasn’t long before Kings and Caesars learned how to inflate their currencies by reducing the amount of gold in each coin always hoping their subjects wouldn’t discover the fraud. But the people always did, and they strenuously objected.
This helped pressure leaders to seek more gold by conquering other nations. The people became accustomed to living beyond their means, and enjoyed the circuses and bread. Financing extravagances by conquering foreign lands seemed a logical alternative to working harder and producing more. Besides, conquering nations not only brought home gold, they brought home slaves as well. Taxing the people in conquered territories also provided an incentive to build empires. This system of government worked well for a while, but the moral decline of the people led to an unwillingness to produce for themselves. There was a limit to the number of countries that could be sacked for their wealth, and this always brought empires to an end. When gold no longer could be obtained, their military might crumbled. In those days those who held the gold truly wrote the rules and lived well.
That general rule has held fast throughout the ages. When gold was used, and the rules protected honest commerce, productive nations thrived. Whenever wealthy nations those with powerful armies and gold strived only for empire and easy fortunes to support welfare at home, those nations failed.
Today the principles are the same, but the process is quite different. Gold no longer is the currency of the realm; paper is. The truth now is: “He who prints the money makes the rules” at least for the time being. Although gold is not used, the goals are the same: compel foreign countries to produce and subsidize the country with military superiority and control over the monetary printing presses.
Since printing paper money is nothing short of counterfeiting, the issuer of the international currency must always be the country with the military might to guarantee control over the system. This magnificent scheme seems the perfect system for obtaining perpetual wealth for the country that issues the de facto world currency. The one problem, however, is that such a system destroys the character of the counterfeiting nation’s people just as was the case when gold was the currency and it was obtained by conquering other nations. And this destroys the incentive to save and produce, while encouraging debt and runaway welfare.
The pressure at home to inflate the currency comes from the corporate welfare recipients, as well as those who demand handouts as compensation for their needs and perceived injuries by others. In both cases personal responsibility for one’s actions is rejected.
When paper money is rejected, or when gold runs out, wealth and political stability are lost. The country then must go from living beyond its means to living beneath its means, until the economic and political systems adjust to the new rules, rules no longer written by those who ran the now defunct printing press.
Dollar Diplomacy”, a policy instituted by William Howard Taft and his Secretary of State Philander C. Knox, was designed to enhance U.S. commercial investments in Latin America and the Far East. McKinley concocted a war against Spain in 1898, and (Teddy) Roosevelt’s corollary to the Monroe Doctrine preceded Taft’s aggressive approach to using the U.S. dollar and diplomatic influence to secure U.S. investments abroad. This earned the popular title of “Dollar Diplomacy”. The significance of Roosevelt’s change was that our intervention now could be justified by the mere “appearance” that a country of interest to us was politically or fiscally vulnerable to European control. Not only did we claim a right, but even an official U.S. government “obligation” to protect our commercial interests from Europeans.
This new policy came on the heels of the “gunboat” diplomacy of the late 19th century, and it meant we could buy influence before resorting to the threat of force. By the time the “dollar diplomacy” of William Howard Taft was clearly articulated, the seeds of American empire were planted. And they were destined to grow in the fertile political soil of a country that lost its love and respect for the republic bequeathed to us by the authors of the Constitution. And indeed they did. It wasn’t too long before dollar “diplomacy” became dollar “hegemony” in the second half of the 20th century.
This transition only could have occurred with a dramatic change in monetary policy and the nature of the dollar itself.
Congress created the Federal Reserve System in 1913. Between then and 1971 the principle of sound money was systematically undermined. Between 1913 and 1971, the Federal Reserve found it much easier to expand the money supply at will for financing war or manipulating the economy with little resistance from Congress, while benefiting the special interests that influence government.
Dollar dominance got a huge boost after World War II. We were spared the destruction that so many other nations suffered, and our coffers were filled with the world’s gold. But the world chose not to return to the discipline of the gold standard, and the politicians applauded. Printing money to pay the bills was a lot more popular than taxing or restraining unnecessary spending. In spite of the short-term benefits, imbalances were institutionalized for decades to come.
The 1944 Bretton Woods agreement solidified the dollar as the preeminent world reserve currency, replacing the British pound. Due to our political and military muscle, and because we had a huge amount of physical gold, the world readily accepted our dollar (defined as 1/35th of an ounce of gold) as the world’s reserve currency. The dollar was said to be “as good as gold”, and convertible to all foreign central banks at that rate. For American citizens, however, it remained illegal to own. This was a gold-exchange standard that from inception was doomed to fail.
The U.S. did exactly what many predicted she would do. She printed more dollars for which there was no gold backing. But the world was content to accept those dollars for more than 25 years with little question, until the French and others in the late 1960s demanded we fulfill our promise to pay one ounce of gold for each $35 they delivered to the U.S. Treasury. This resulted in a huge gold drain that brought an end to a very poorly devised pseudo-gold standard.
It all ended on August 15, 1971, when Nixon closed the gold window and refused to pay out any of our remaining 280 million ounces of gold. In essence, we declared our insolvency and everyone recognized some other monetary system had to be devised in order to bring stability to the markets.
Amazingly, a new system was devised which allowed the U.S. to operate the printing presses for the world reserve currency with no restraints placed on it, not even a pretense of gold convertibility, none whatsoever! Though the new policy was even more deeply flawed, it nevertheless opened the door for dollar hegemony to spread.

video

Realizing the world was embarking on something new and mind boggling, elite money managers, with especially strong support from U.S. authorities, struck an agreement with OPEC to price oil in U.S. dollars exclusively for all worldwide transactions. This gave the dollar a special place among world currencies and in essence “backed” the dollar with oil. In return, the U.S. promised to protect the various oil-rich kingdoms in the Persian Gulf against threat of invasion or domestic coup. This arrangement helped ignite the radical Islamic movement among those who resented our influence in the region. The arrangement gave the dollar artificial strength, with tremendous financial benefits for the United States. It allowed us to export our monetary inflation by buying oil and other goods at a great discount as dollar influence flourished.
This post-Bretton Woods system was much more fragile than the system that existed between 1945 and 1971. Though the dollar/oil arrangement was helpful, it was not nearly as stable as the pseudo gold standard under Bretton Woods. It certainly was less stable than the gold standard of the late 19th century.
During the 1970s the dollar nearly collapsed, as oil prices surged and gold skyrocketed to $800 an ounce. By 1979 interest rates of 21% were required to rescue the system. The pressure on the dollar in the 1970s, in spite of the benefits accrued to it, reflected reckless budget deficits and monetary inflation during the 1960s. The markets were not fooled by LBJ’s claim that we could afford both “guns and butter”.
Once again the dollar was rescued, and this ushered in the age of true dollar hegemony lasting from the early 1980s to the present. With tremendous cooperation coming from the central banks and international commercial banks, the dollar was accepted as if it were gold.
Fed Chair Alan Greenspan, on several occasions before the House Banking Committee, answered my challenges to him about his previously held favorable views on gold by claiming that he and other central bankers had gotten paper money - i.e. the dollar system - to respond as if it were gold. Each time I strongly disagreed, and pointed out that if they had achieved such a feat they would have defied centuries of economic history regarding the need for money to be something of real value. He smugly and confidently concurred with this.
In recent years central banks and various financial institutions, all with vested interests in maintaining a workable fiat dollar standard, were not secretive about selling and loaning large amounts of gold to the market even while decreasing gold prices raised serious questions about the wisdom of such a policy. They never admitted to gold price fixing, but the evidence is abundant that they believed if the gold price fell it would convey a sense of confidence to the market, confidence that they indeed had achieved amazing success in turning paper into gold.
Increasing gold prices historically are viewed as an indicator of distrust in paper currency. This recent effort was not a whole lot different than the U.S. Treasury selling gold at $35 an ounce in the 1960s, in an attempt to convince the world the dollar was sound and as good as gold. Even during the Depression, one of Roosevelt’s first acts was to remove free market gold pricing as an indication of a flawed monetary system by making it illegal for American citizens to own gold. Economic law eventually limited that effort, as it did in the early 1970s when our Treasury and the IMF tried to fix the price of gold by dumping tons into the market to dampen the enthusiasm of those seeking a safe haven for a falling dollar after gold ownership was re-legalized.
Once again the effort between 1980 and 2000 to fool the market as to the true value of the dollar proved unsuccessful. In the past 5 years the dollar has been devalued in terms of gold by more than 50%. You just can’t fool all the people all the time, even with the power of the mighty printing press and money creating system of the Federal Reserve.
Even with all the shortcomings of the fiat monetary system, dollar influence thrived. The results seemed beneficial, but gross distortions built into the system remained. And true to form, Washington politicians are only too anxious to solve the problems cropping up with window dressing, while failing to understand and deal with the underlying flawed policy. Protectionism, fixing exchange rates, punitive tariffs, politically motivated sanctions, corporate subsidies, international trade management, price controls, interest rate and wage controls, super-nationalist sentiments, threats of force, and even war are resorted to all to solve the problems artificially created by deeply flawed monetary and economic systems.
In the short run, the issuer of a fiat reserve currency can accrue great economic benefits. In the long run, it poses a threat to the country issuing the world currency. In this case that’s the United States. As long as foreign countries take our dollars in return for real goods, we come out ahead. This is a benefit many in Congress fail to recognize, as they bash China for maintaining a positive trade balance with us. But this leads to a loss of manufacturing jobs to overseas markets, as we become more dependent on others and less self-sufficient. Foreign countries accumulate our dollars due to their high savings rates, and graciously loan them back to us at low interest rates to finance our excessive consumption.
It sounds like a great deal for everyone, except the time will come when our dollars - due to their depreciation - will be received less enthusiastically or even be rejected by foreign countries. That could create a whole new ballgame and force us to pay a price for living beyond our means and our production. The shift in sentiment regarding the dollar has already started, but the worst is yet to come.
The agreement with OPEC in the 1970s to price oil in dollars has provided tremendous artificial strength to the dollar as the preeminent reserve currency. This has created a universal demand for the dollar, and soaks up the huge number of new dollars generated each year. Last year alone M3 increased over $700 billion.
The artificial demand for our dollar, along with our military might, places us in the unique position to “rule” the world without productive work or savings, and without limits on consumer spending or deficits. The problem is, it can’t last.
Price inflation is raising its ugly head, and the NASDAQ bubble - generated by easy money - has burst. The housing bubble likewise created is deflating. Gold prices have doubled, and federal spending is out of sight with zero political will to rein it in. The trade deficit last year was over $728 billion. A $2 trillion war is raging, and plans are being laid to expand the war into Iran and possibly Syria. The only restraining force will be the world’s rejection of the dollar. It’s bound to come and create conditions worse than 1979-1980, which required 21% interest rates to correct. But everything possible will be done to protect the dollar in the meantime. We have a shared interest with those who hold our dollars to keep the whole charade going.
Greenspan, in his first speech after leaving the Fed, said that gold prices were up because of concern about terrorism, and not because of monetary concerns or because he created too many dollars during his tenure. Gold has to be discredited and the dollar propped up. Even when the dollar comes under serious attack by market forces, the central banks and the IMF surely will do everything conceivable to soak up the dollars in hope of restoring stability. Eventually they will fail.
Most importantly, the dollar/oil relationship has to be maintained to keep the dollar as a preeminent currency. Any attack on this relationship will be forcefully challenged as it already has been.
In November 2000 Saddam Hussein demanded Euros for his oil. His arrogance was a threat to the dollar; his lack of any military might was never a threat. At the first cabinet meeting with the new administration in 2001, as reported by Treasury Secretary Paul O’Neill, the major topic was how we would get rid of Saddam Hussein, though there was no evidence whatsoever he posed a threat to us. This deep concern for Saddam Hussein surprised and shocked O’Neill.
It now is common knowledge that the immediate reaction of the administration after 9/11 revolved around how they could connect Saddam Hussein to the attacks, to justify an invasion and overthrow of his government. Even with no evidence of any connection to 9/11, or evidence of weapons of mass destruction, public and congressional support was generated through distortions and flat out misrepresentation of the facts to justify overthrowing Saddam Hussein.


video

There was no public talk of removing Saddam Hussein because of his attack on the integrity of the dollar as a reserve currency by selling oil in Euros. Many believe this was the real reason for our obsession with Iraq. I doubt it was the only reason, but it may well have played a significant role in our motivation to wage war. Within a very short period after the military victory, all Iraqi oil sales were carried out in dollars. The Euro was abandoned.
In 2001, Venezuela’s ambassador to Russia spoke of Venezuela switching to the Euro for all their oil sales. Within a year there was a coup attempt against Chavez, reportedly with assistance from our CIA.
After these attempts to nudge the Euro toward replacing the dollar as the world’s reserve currency were met with resistance, the sharp fall of the dollar against the Euro was reversed. These events may well have played a significant role in maintaining dollar dominance.
It’s become clear the U.S. administration was sympathetic to those who plotted the overthrow of Chavez, and was embarrassed by its failure. The fact that Chavez was democratically elected had little influence on which side we supported.
Now, a new attempt is being made against the petrodollar system. Iran, another member of the “axis of evil”, has announced her plans to initiate an oil bourse in March of this year. Guess what, the oil sales will be priced Euros, not dollars.
Most Americans forget how our policies have systematically and needlessly antagonized the Iranians over the years. In 1953 the CIA helped overthrow a democratically elected president, Mohammed Mossadeqh, and install the authoritarian Shah, who was friendly to the U.S. The Iranians were still fuming over this when the hostages were seized in 1979. Our alliance with Saddam Hussein in his invasion of Iran in the early 1980s did not help matters, and obviously did not do much for our relationship with Saddam Hussein. The administration announcement in 2001 that Iran was part of the axis of evil didn’t do much to improve the diplomatic relationship between our two countries. Recent threats over nuclear power, while ignoring the fact that they are surrounded by countries with nuclear weapons, doesn’t seem to register with those who continue to provoke Iran. With what most Muslims perceive as our war against Islam, and this recent history, there’s little wonder why Iran might choose to harm America by undermining the dollar. Iran, like Iraq, has zero capability to attack us. But that didn’t stop us from turning Saddam Hussein into a modern day Hitler ready to take over the world. Now Iran, especially since she’s made plans for pricing oil in Euros, has been on the receiving end of a propaganda war not unlike that waged against Iraq before our invasion.
It’s not likely that maintaining dollar supremacy was the only motivating factor for the war against Iraq, nor for agitating against Iran. Though the real reasons for going to war are complex, we now know the reasons given before the war started, like the presence of weapons of mass destruction and Saddam Hussein’s connection to 9/11, were false. The dollar’s importance is obvious, but this does not diminish the influence of the distinct plans laid out years ago by the neo-conservatives to remake the Middle East. Israel’s influence, as well as that of the Christian Zionists, likewise played a role in prosecuting this war. Protecting “our” oil supplies has influenced our Middle East policy for decades.
But the truth is that paying the bills for this aggressive intervention is impossible the old fashioned way, with more taxes, more savings, and more production by the American people. Much of the expense of the Persian Gulf War in 1991 was shouldered by many of our willing allies. That’s not so today. Now, more than ever, the dollar hegemony it’s dominance as the world reserve currency is required to finance our huge war expenditures. This $2 trillion never-ending war must be paid for, one way or another. Dollar hegemony provides the vehicle to do just that.
For the most part the true victims aren’t aware of how they pay the bills. The license to create money out of thin air allows the bills to be paid through price inflation. American citizens, as well as average citizens of Japan, China, and other countries suffer from price inflation, which represents the “tax” that pays the bills for our military adventures. That is until the fraud is discovered, and the foreign producers decide not to take dollars nor hold them very long in payment for their goods. Everything possible is done to prevent the fraud of the monetary system from being exposed to the masses who suffer from it. If oil markets replace dollars with Euros, it would in time curtail our ability to continue to print, without restraint, the world’s reserve currency.
It is an unbelievable benefit to us to import valuable goods and export depreciating dollars. The exporting countries have become addicted to our purchases for their economic growth. This dependency makes them allies in continuing the fraud, and their participation keeps the dollar’s value artificially high. If this system were workable long term, American citizens would never have to work again. We too could enjoy “bread and circuses” just as the Romans did, but their gold finally ran out and the inability of Rome to continue to plunder conquered nations brought an end to her empire.
The same thing will happen to us if we don’t change our ways. Though we don’t occupy foreign countries to directly plunder, we nevertheless have spread our troops across 130 nations of the world. Our intense effort to spread our power in the oil-rich Middle East is not a coincidence. But unlike the old days, we don’t declare direct ownership of the natural resources we just insist that we can buy what we want and pay for it with our paper money. Any country that challenges our authority does so at great risk.
Once again Congress has bought into the war propaganda against Iran, just as it did against Iraq. Arguments are now made for attacking Iran economically, and militarily if necessary. These arguments are all based on the same false reasons given for the ill-fated and costly occupation of Iraq.
Our whole economic system depends on continuing the current monetary arrangement, which means recycling the dollar is crucial. Currently, we borrow over $700 billion every year from our gracious benefactors, who work hard and take our paper for their goods. Then we borrow all the money we need to secure the empire (DOD budget $450 billion) plus more. The military might we enjoy becomes the “backing” of our currency. There are no other countries that can challenge our military superiority, and therefore they have little choice but to accept the dollars we declare are today’s “gold”. This is why countries that challenge the system - like Iraq, Iran and Venezuela - become targets of our plans for regime change.
Ironically, dollar superiority depends on our strong military, and our strong military depends on the dollar. As long as foreign recipients take our dollars for real goods and are willing to finance our extravagant consumption and militarism, the status quo will continue regardless of how huge our foreign debt and current account deficit become.
But real threats come from our political adversaries who are incapable of confronting us militarily, yet are not bashful about confronting us economically. That’s why we see the new challenge from Iran being taken so seriously. The urgent arguments about Iran posing a military threat to the security of the United States are no more plausible than the false charges levied against Iraq. Yet there is no effort to resist this march to confrontation by those who grandstand for political reasons against the Iraq war.
It seems that the people and Congress are easily persuaded by the jingoism of the preemptive war promoters. It’s only after the cost in human life and dollars are tallied up that the people object to unwise militarism.
The strange thing is that the failure in Iraq is now apparent to a large majority of American people, yet they and Congress are acquiescing to the call for a needless and dangerous confrontation with Iran.
But then again, our failure to find Osama bin Laden and destroy his network did not dissuade us from taking on the Iraqis in a war totally unrelated to 9/11.
Concern for pricing oil only in dollars helps explain our willingness to drop everything and teach Saddam Hussein a lesson for his defiance in demanding Euros for oil.
And once again there’s this urgent call for sanctions and threats of force against Iran at the precise time Iran is opening a new oil exchange with all transactions in Euros.
Using force to compel people to accept money without real value can only work in the short run. It ultimately leads to economic dislocation, both domestic and international, and always ends with a price to be paid.
The economic law that honest exchange demands only things of real value as currency cannot be repealed. The chaos that one day will ensue from our 35-year experiment with worldwide fiat money will require a return to money of real value. We will know that day is approaching when oil-producing countries demand gold, or its equivalent, for their oil rather than dollars or Euros. The sooner the better.

Before the U.S. House of Representatives. February 15, 2006.
Ron Paul

video

Cent'anni addietro la si chiamava “diplomazia del dollaro”. Dopo la II Guerra Mondiale, e soprattutto dopo la caduta dell'Unione Sovietica nel 1989, questa diplomazia lasciò il posto a una vera e propria “egemonia del dollaro”. Adesso, dopo anni di grandi successi il dominio del dollaro sta giungendo a conclusione.
Si diceva, giustamente, che colui che possiede l'oro detta le regole. In passato infatti, un commercio onesto e corretto richiedeva lo scambio tra beni che avessero un valore reale.
In principio esisteva semplicemente il baratto. In seguito si scoprì che l'oro, accettato universalmente, si poneva come un conveniente intermediario al posto delle ingombranti e difficoltose transazioni dirette. Non solo l'oro facilitava lo scambio di beni e servizi, fungeva anche da riserva di valore per coloro che volevano risparmiare per i tempi più difficili.
Benché la moneta abbia trovato una naturale evoluzione nel mercato, con l'accrescersi dei loro poteri politici ed economici, i governi si appropriarono presto di un controllo monopolistico sopra di essa. Talvolta re e imperatori riuscirono a farsi garanti della qualità e purezza dell'oro. Nella maggior parte dei casi però, e nella speranza che i sudditi non scoprissero la frode, essi inflazionarono la moneta riducendone l'ammontare in metallo prezioso così da poter spendere più di quanto incassavano. Nuove imposizioni fiscali, così come l'inasprimento di quelle già esistenti, suscitavano infatti la disapprovazione dei contribuenti.
Di fronte a questa situazione molti capi di governo andarono a cercare nuovo oro fuori dai propri confini, tramite la conquista di altre nazioni. Finanziare progetti bizzarri e dispendiosi conquistando terre straniere pareva una logica alternativa al lavoro e alla produzione di beni reali. Queste conquiste non solo portavano a casa bottini d'oro, ma anche carichi di schiavi. La tassazione delle popolazioni dominate costituiva un ulteriore incentivo all'impero. La cose funzionavano per un periodo di tempo durante il quale ci si abituava a vivere aldilà dei propri mezzi, godendo panem et circenses. Il declino morale della popolazione conduceva quindi a una progressiva inerzia della stessa fin quando il limite numerico alle nazioni che potevano essere saccheggiate e derubate portava inevitabilmente al crollo dell'impero. In mancanza di nuovo oro, le potenze militari si sgretolavano. A quel punto, coloro che possedevano l'oro potevano veramente dettare le regole e vivere dignitosamente.
Questa regola generale funzionò per diverse epoche. L'utilizzo dell'oro come moneta e la salvaguardia di un commercio onesto portava le nazioni più virtuose a prosperare. Tuttavia, quando un paese dotato di un esercito potente e grandi riserve d'oro cominciava a dedicarsi alla costruzione di imperi e facili fortune con cui alimentare il proprio benessere domestico, esso segnava inevitabilmente l'inizio del proprio declino.
Oggi i principi sono gli stessi, sono i processi ad essere diversi. L'oro non è più la valuta corrente del “regno”; al suo posto, la carta. Oggi la regola è: “Colui che stampa la moneta detta le leggi”, almeno per il momento. Benché non si usi più l'oro, il meccanismo è lo stesso: indurre od obbligare Paesi stranieri, mediante la propria superiorità militare e il controllo sulla stampa della moneta, a produrre e quindi a finanziare il proprio Paese.
Poiché la stampa di cartamoneta altro non è che una contraffazione vera e propria, colui che emette la valuta internazionale può farlo solo in virtù della propria potenza militare, tramite la quale garantisce il controllo sul sistema. Questo magnifico disegno sembra rappresentare il sistema perfetto per garantire una ricchezza perpetua a quel Paese che de facto emette la valuta mondiale. L'unico problema è che un sistema del genere corrompe il carattere del popolo di quella nazione, proprio come quando l'oro era moneta di scambio e lo si otteneva tramite la conquista di altre nazioni. Ciò a sua volta mina ogni incentivo al risparmio e alla produzione, mentre allo stesso tempo incoraggia il debito e un crescente ricorso a politiche di Welfare.
All'interno dei propri confini, gli incentivi e le pressioni ad inflazionare la valuta provengono sia da coloro che beneficiano di vantaggi diretti, sia da quelli che chiedono sovvenzioni, anche a titolo di compensazione per le presunte ingiustizie inflitte da altri. In entrambi i casi il risultato è che si finisce col perdere la responsabilità personale delle proprie azioni.
Quando la carta moneta viene rifiutata, o quando l'oro finisce, la ricchezza e la stabilità politica sono perse. Il Paese dominante passa da una situazione nella quale viveva al di sopra dei propri mezzi a una nella quale è costretto a vivere al di sotto degli stessi, questo sino a quando il sistema economico e politico si adatta alle nuove regole, regole scritte da altri e non più da coloro che prima controllavano la defunta stampa della moneta.
La "Diplomazia del Dollaro", una politica istituita da William Howard Taft e dal suo Segretario di Stato Philander C. Knox, fu progettata per migliorare gli investimenti commerciali statunitensi in America Latina e in Estremo Oriente. McKinley preparò una guerra contro la Spagna nel 1898, ed il corollario alla Dottrina Monroe di (Teddy) Roosevelt precedette l'approccio aggressivo di Taft nell'uso del dollaro statunitense e dell'influenza diplomatica per assicurare gli investimenti americani all'estero. Da tutto questo derivò l'espressione corrente di "Diplomazia del Dollaro". Il significato del cambiamento apportato da Roosevelt era che il nostro intervento avrebbe ora potuto essere giustificato anche solo dalla mera "apparenza" che un paese per noi di particolare interesse fosse politicamente o fiscalmente vulnerabile al controllo europeo. Non solo definimmo questo un diritto, ma considerammo alla stregua di un "obbligo" ufficiale del governo statunitense proteggere i nostri interessi commerciali dagli europei.
Questa politica nuova venne sulla scia della diplomazia delle "cannoniere" del tardo diciannovesimo secolo e stava a significare che potevamo comprare l'influenza prima di ricorrere alla minaccia della forza. Col tempo la "Diplomazia del Dollaro" di William Howard Taft è stata chiaramente sviluppata, ma i semi dell'impero americano erano stati piantati. Ed erano destinati a crescere sul suolo politico e fertile di un paese che ha perso l'amore e il rispetto per la repubblica tramandatogli dai padri della Costituzione. E davvero così è stato. Non è passato molto che l'espressione "Diplomazia del Dollaro" è stata sostituita da "Egemonia del Dollaro", nella seconda metà del ventesimo secolo.
Questa transizione sarebbe potuta avvenire solamente con un cambiamento drastico nella politica valutaria e la natura stessa del dollaro.
Il Congresso creò nel 1913 il sistema della Federal Reserve. Da allora sino al 1971 il principio di un sistema monetario sano fu continuamente minato ed indebolito. Dal 1913 al 1971, la Federal Reserve trovò molto più semplice espandere l'offerta di moneta per finanziare guerre e manipolare l'economia, con lievi opposizioni da parte del Congresso.
Dopo la fine della II Guerra Mondiale, il dominio del dollaro aumentò considerevolmente. Fummo risparmiati dalla distruzione che colpì tante Nazioni, e le nostre casse si riempirono dell'oro proveniente da tutto il mondo. Ma il mondo non scelse di ritornare al regime del Gold Standard, e i politici ne furono compiaciuti. Stampare moneta per pagare i debiti era sicuramente più popolare che tassare le persone o limitare le spese pubbliche non necessarie. In cambio di benefici di breve termine, gli squilibri furono istituzionalizzati per i decenni a venire.
Nel 1944 gli accordi di Bretton Woods solidificarono la posizione del dollaro come la più importante riserva di valuta, rimpiazzando la sterlina inglese. Vista la nostra potenza politica e militare, e viste le immense riserve d'oro fisico, il pianeta non ci mise tanto ad accettare il dollaro (pareggiato ad 1/35 di oncia d'oro) come valuta mondiale. Si diceva che il dollaro fosse “as good as gold”, sicuro quanto l'oro, e convertibile in ogni banca centrale del mondo a quel tasso. Per i cittadini americani, comunque, l'oro rimaneva per legge illegale da detenere. Questo era il gold-exchange standard, che sin dall'inizio era destinato a breve durata.
Gli Stati Uniti, in seguito, fecero ciò che molti avevano a loro tempo predetto. Stamparono dollari per i quali non esisteva nessuna copertura reale di oro fisico. Il mondo fu contento di accettarli per oltre vent'anni senza problemi, sino alla fine degli anni '60, quando, la Francia e altri Stati chiesero agli USA di onorare la promessa fatta pagando una oncia di oro per ogni 35$. Questo portò a un rapido prosciugamento delle riserve e al conseguente crollo di un mal progettato pseudo-gold-standard.
Tutto finì il 15 Agosto del 1971, quando Nixon chiuse i rubinetti dell'oro e si rifiutò di pagare le rimanenti 280 milioni d'once d'oro. In sostanza, dichiarammo al mondo la nostra insolvenza. Divenne necessario progettare un qualche nuovo sistema monetario allo scopo di riportare la stabilità nei mercati.
Assurdamente si ideò un nuovo sistema che permetteva agli Stati Uniti di stampare cartamoneta, riconosciuta ancora come riserva valutaria mondiale, senza nessun limite o restrizione, nemmeno la pretesa di una qualche convertibilità con l'oro, niente di niente! Benché la nuova situazione fosse ancora più profondamente difettosa della precedente, si aprirono definitivamente le porte a una ulteriore crescita dell'egemonia del dollaro.
Sapendo che il mondo si stava avviando verso un qualcosa di completamente nuovo e rivoluzionario, le elites del mondo monetario, appoggiate fortemente dalle autorità americane, perfezionarono un accordo con l'OPEC in modo da fissare il prezzo del petrolio esclusivamente in dollari per tutte le transazioni mondiali. Questo conferì al dollaro una posizione privilegiata e, in essenza, agganciò il dollaro al petrolio. In cambio, gli Stati Uniti promisero di proteggere gli stati ricchi di petrolio sparsi intorno al Golfo Persico da invasioni o da rivolte interne. Questo accordo contribuì fortemente ad infiammare il movimento islamico radicale che, in quelle regioni, si opponeva all'autorità americana. L'accordo diede inoltre un forza artificiale al dollaro, con incredibili benefici economici e finanziari per gli Stati Uniti. Ci permise di esportare la nostra inflazione monetaria comprando petrolio e altri beni all'estero, con vantaggi crescenti all'aumentare dell'influenza mondiale del dollaro.
Questa situazione post-Bretton Woods era di gran lunga più fragile di quella preesistente tra il 1945 ed il 1971. Benché l'accordo petrolio/dollaro fosse utile, non era certo stabile come il pseudo-Gold Standard; sicuramente lo era molto meno del Gold Standard, in essere alla fine del XIX secolo.
Negli anni '70 il dollaro rischiò di collassare quando il prezzo del petrolio aumentò e l'oro schizzò a 800$ l'oncia. Per salvare il sistema si dovettero portare i tassi al 21 percento. Le pressioni sul dollaro durante gli anni '70, nonostante i benefici accumulati, fecero venire a galla deficit di bilancio irresponsabili e generarono una grande inflazione monetaria. I mercati non si fecero ingannare dall'idea che potessimo permetterci sia la botte piena che la moglie ubriaca.
Ancora una volta però il dollaro fu salvato, e agli albori degli ani '80 iniziò una ascesa verso quel domino assoluto che dura ancora oggi. Con l'incredibile cooperazione di banche centrali e banche di commercio internazionali, si iniziò ad accettare nuovamente il dollaro come fosse oro.
Il governatore della Fed Alan Greenspan, in diverse occasioni davanti la "House Banking Commitee", rispose alle mie domande circa la sua precedente posizione riguardo l'oro, e in particolare le sue visioni favorevoli al gold standard, affermando che a lui e altri banchieri centrali era stata affidata della moneta di carta – i.e. [id est, Ndt] il sistema del dollaro cartaceo – con il compito di trattarla come fosse oro. Ogni volta io sottolineai che il tentativo di raggiungere quell'obbiettivo avrebbe significato andare contro a secoli di storia economica dove la moneta sentiva il bisogno e la necessità di essere un qualcosa di valore reale. Egli, pur in maniera compiaciuta e presuntuosa, mi ha sempre dato ragione.
Negli ultimi anni le banche centrali e parecchie istituzioni finanziarie, entrambe con ampi interessi nel continuare a far funzionare bene il regime del fiat-dollar-standard, non hanno fatto segreto di vendere e prestare grandi quantità di oro, ponendo seri dubbi sulla saggezza di tali operazioni. Non hanno mai ammesso di voler pilotare il prezzo dell'oro, ma è palese che speravano in una diminuzione del prezzo poiché questo avrebbe comportato una maggiore fiducia nel mercato: apparentemente erano riusciti a trasformare la carta in oro.
Un prezzo crescente dell'oro ha sempre voluto significare una diminuzione della fiducia nella moneta cartacea. Lo sforzo di abbattere il prezzo dell'oro, simile a quello compiuto per tutti gli anni '60, mirava a convincere il mondo che il dollaro fosse forte e sicuro quanto l'oro. Durante la Grande Depressione, una delle prime mosse di Roosevelt fu quella di sopprimere il libero mercato del prezzo dell'oro, importante indicatore di un sistema monetario che non funziona come dovrebbe, rendendo illegale il possesso d'oro per i cittadini americani. Alla fine la legge economica rese inutile lo sforzo, come accadde negli anni '70 quando il Tesoro e il FMI cercarono di fissare il prezzo dell'oro vendendone tonnellate a prezzi stracciati per smorzare l'entusiasmo di quelli che cercavano un paradiso sicuro dal crollo del dollaro dopo che il possesso dell'oro fu nuovamente legalizzato.
Ancora una volta lo sforzo di ingannare i mercati sul vero valore del dollaro per tutto il ventennio tra il 1980 ed il 2000 risultò vano. Negli ultimi 5 anni il dollaro si è svalutato rispetto all'oro di più del 50%. È impossibile ingannare tutte le persone nello stesso tempo, anche con tutto il potere che possiede la Federal Reserve.
Nonostante le inadeguatezze del sistema fiat money, il dollaro continuò a prosperare. I risultati sembravano positivi, ma i grandi squilibri macroeconomici interni continuarono a crescere. E come al solito, a Washington i politici americani cercano di risolvere i problemi dandosi da fare su un lavoro di facciata piuttosto che cercando di capire e affrontare il problema reale: una politica monetaria difettosa. Protezionismo, tassi di cambio fissi, sanzioni motivate politicamente, sussidi alle imprese, gestione del commercio internazionale, controllo dei prezzi, controllo dei tassi di interesse e dei salari, sentimenti ipernazionalisti, uso della forza, addirittura guerra, tutte facili soluzioni per nascondere il problema reale, per nascondere i problemi creati da un sistema monetario ed economico pericolante e difettoso.
Nel breve termine, chi emette moneta non coperta da beni reali può ottenere grandi benefici economici. Nel lungo termine può mettere in pericolo l'intero Paese. Nel nostro caso, gli Stati Uniti. Fino a quando i Paesi stranieri accetteranno i nostri dollari in cambio di beni e merci reali, noi ne trarremmo grande vantaggio. Questa è una fortuna che molti in Parlamento non riescono a comprendere, continuando a sanzionare la Cina per il suo forte segno positivo nella bilancia commerciale verso gli USA. Al contempo la perdita di capacità produttiva tende a spostarsi oltre oceano e ci rende più dipendenti e meno autosufficienti. I Paesi stranieri, grazie agli alti tassi di risparmio, accumulano riserve di dollari, e non mancano di restituirceli gentilmente a bassi tassi di interesse per finanziare in nostri eccessivi consumi.
Sembra un gran bel affare per tutti quanti, ma verrà il giorno in cui il dollaro – a causa del suo deprezzamento – verrà accettato un po' meno felicemente dagli Stati stranieri, o verrà addirittura rifiutato. Questo creerebbe una nuova situazione, e le danze inizierebbero nuovamente, ma con un forte scotto da pagare per aver vissuto così a lungo aldilà dei nostri mezzi e della nostra capacità produttiva. E l'inizio di questo processo è già iniziato, il dollaro sta iniziando a vacillare, e il peggio deve ancora venire.
L'accordo negli anni '70 con l'OPEC, riguardante la determinazione del prezzo del petrolio esclusivamente in dollari, diede una incredibile forza, benché artificiale, al dollaro stesso, che divenne la più importante valuta mondiale. Questa situazione ha creato una forte domanda per la valuta statunitense, domanda che ha assorbito gli enormi quantitativi di moneta immessi dalla Fed ogni anno. Nell'ultimo anno la Massa Monetaria definita come M3 è aumentata di oltre 700 miliardi di dollari.
Questa artificiale domanda di moneta, insieme alla nostra strapotenza militare, ci permette di occupare una posizione di controllo sul pianeta intero, nonostante i bassi tassi di produttività del lavoro e di risparmio, e senza limiti sui consumi e sull'indebitamento. Il problema è che questa situazione può durare per sempre.
L'inflazione dei prezzi sta alzando la sua brutta faccia; la bolla speculativa del NASDAQ – generata dal credito (troppo) facile - è scoppiata. La bolla immobiliare creata allo stesso modo si sta sgonfiando. Il prezzo dell'oro è raddoppiato e la spesa federale è fuori controllo con nessuna volontà politica di controllarla. Il deficit commerciale dello scorso anno si aggirava oltre i 728 bilioni di dollari. Una guerra da 2 trilioni di $ continua il suo corso, e sono stati discussi piani per espandere la guerra anche all'Iran e alla Siria. L'unica forza in grado di porre un limite a tutto questo potrebbe arrivare da un rifiuto globale del dollaro. In tal caso potrebbero ripresentarsi le condizioni del biennio '79-'80. Si farà di tutto per permettere che non succeda e per proteggere il dollaro. Ci sono forti interessi condivisi tra chi emette e chi possiede dollari, forti abbastanza da mantenere ancora lo status quo.
Greenspan, nel suo primo discorso dopo avere lasciato la Fed, ha dichiarato che gli alti prezzi dell'oro derivano dalla situazione politica internazionale, dal terrorismo, e non da cause monetarie o dalla montagna di dollari creati durante il suo mandato. L'oro deve essere screditato, mentre la reputazione del dollaro deve essere sostenuta. Anche quando il dollaro arriverà ad essere messo sotto serio attacco dalle forze del mercato, le banche centrali e il FMI faranno di tutto per far assorbire i dollari dal sistema così da garantire la stabilità. Alla fine i loro tentativi falliranno.
L'agganciamento del dollaro al petrolio sarà difeso per permettere al dollaro di perpetuarsi come valuta principale. Ogni attacco a questa relazione sarà in futuro come in passato combattuta con la forza.
Nel novembre del 2000 Saddam Hussein chiese in cambio del suo petrolio Euro invece che Dollari. La sua arroganza venne percepita come una grande minaccia per il dollaro; militarmente l'Iraq non ha mai impensierito gli Stati Uniti. Alla prima riunione con la neoeletta amministrazione nel 2001, secondo quanto dice il ministro del tesoro Paul O'Neill, l'argomento principale fu come sbarazzarsi di Saddam Hussein, benché non fosse chiaro che tipo di minaccia rappresentasse. La gran preoccupazione sul caso Saddam sorprese e scioccò O'Neill.
Tutti ormai sanno che l'immediata reazione dell'amministrazione agli attacchi del 9/11 si estrinsecò nel come collegare Saddam Hussein a questi attacchi, per giustificare un'invasione o per ribaltare il suo governo. Nonostante non ci fosse nessun esplicito collegamento al 9/11, o evidenza di armi di distruzione di massa, il supporto della Nazione per giustificare la deposizione di Saddam, così come quello del parlamento, fu ottenuto attraverso distorsioni o false rappresentazioni dei fatti.
Non ci fu alcuna denuncia pubblica della correlazione tra la rimozione di Saddam e l'attacco all'integrità del dollaro come valuta mondiale. Alcuni credono che questa sia la vera ragione a capo della nostra ossessione sull'Iraq. Io dubito che fosse la sola ragione, ma credo che abbia avuto un'importanza significativa sulla decisione finale. Poco dopo la vittoria militare, tutte le esportazioni petrolifere irachene tornarono ad essere scambiate in dollari. L'Euro fu abbandonato.
Nel 2001, l'ambasciatore venezuelano in Russia fece trapelare che il suo Paese era intenzionato a richiedere Euro per le esportazioni di petrolio. Dopo un anno ci fu un tentativo di golpe ai danni di Chavez, con l'assistenza dell'CIA.
Il dollaro arrestò la propria caduta proprio grazie a questi tentativi di salvataggio.
Questi eventi sono stati fondamentali per il mantenimento del dollaro come valuta mondiale.
Oggi, un nuovo evento minaccia l'integrità del sistema del petrodollaro. L'Iran, uno dei paesi membri dell'“Asse del male” ha annunciato di voler creare nel marzo di quest'anno una Borsa dove negoziare il petrolio. E indovinate un po', il petrolio verrà scambiato in Euro e non in Dollari.
Molti cittadini americani hanno dimenticato come le nostre politiche abbiano sempre sistematicamente e gratuitamente irritato il popolo Iraniano. Nel 1953 la CIA contribuì a rovesciare un presidente eletto democraticamente, Mohammed Mossadeqh, per fare posto ad uno più legato agli US, l'autoritario Shah. Gli iraniani erano ancora irritati da questo fatto quando si verificarono gli episodi del 1979. La nostra alleanza con Saddam non migliorò la questione, come non migliorò le nostre relazioni con Saddam Hussein. L'inserimento dell'Iran nella lista dei Paesi dell'Asse del Male non contribuì certamente ai rapporti diplomatici tra i due Paesi. I recenti scontri sul nucleare, nonostante in tutta la zona ci siano Paesi con armamenti nucleari, non sembra fermare i provocatori dell'Iran. Tutto ciò viene visto da molti Musulmani come una guerra contro l'Islam. Non può sorprendere quindi che l'Iran decida di danneggiare l'America attraverso il dollaro. L'Iran, così come l'Iraq, non è assolutamente in grado di attaccarci fisicamente. Nonostante questo fatto sia abbastanza ovvio, non ha fermato l'amministrazione nel dipingere Saddam Hussein come una sorta di Hitler moderno pronto a conquistare il mondo intero. E adesso, l'Iran, specialmente da quando ha iniziato a progettare la vendita di petrolio in euro, è entrato nella lista nera, non diversamente da quanto successe prima dell'invasione irachena.
Tutto ciò non significa che il mantenimento della supremazia del dollaro fosse l'unico fattore che influenzò e determinò la seconda guerra del golfo, né sta influenzando e determinando da sola gli agitati rapporti tra US e Iran, oggi. Nonostante le ragioni per fare una guerra siano sempre molto complesse, sappiamo per certo che le ragioni date prima dell'inizio della guerra irachena, circa la presenza di armi di distruzione di massa, e le connessioni con i fatti dell'undici settembre, erano false. La rilevanza della questione-dollaro è ovvia, ma ciò non deve sminuire il ruolo del progetto che, qualche anno fa, è stato fatto dai neo-conservatori per ricostruire la geopolitica del medioriente. L'influenza Israeliana, così come quella dei Sionisti, ha giocato un ruolo determinante in questa guerra. La protezione delle “nostre” forniture di petrolio ha influenzato per decenni la politica estera americana, almeno per quanto riguarda il medioriente.
Ma la verità è che non è più possibile pagare i costi dell'interventismo aggressivo come si faceva un tempo, con più tasse, più risparmio, e più lavoro da parte dei cittadini americani. Buona parte delle spese della prima guerra del golfo furono sopportate da alcuni dei nostri alleati. Oggi non è più così. Oggi, più che mai, è al dollaro stesso, alla sua egemonia come moneta mondiale, che si richiede di finanziare l'enorme debito pubblico. Questa guerra da 2 trilioni di dollari deve essere in un modo o nell'altro pagata. E sarà proprio l'egemonia del dollaro a fornire i mezzi per saldare questo debito.
Gran parte della gente non è consapevole di essere vittima di questo fardello. La licenza di creare montagne di moneta permette alle autorità di coprire il costo della guerra con l'inflazione dei prezzi. I cittadini americani, così come una parte di quelli cinesi, giapponesi e di altri Stati, subiscono l'inflazione dei prezzi, che rappresenta proprio la “tassa” che ripaga il costo delle nostre avventure militari. Questo accadrà sino a quando la frode verrà scoperta, e i produttori esteri esiteranno ad accettare dollari e detenerli a lungo come pagamento dei beni scambiati. È stato fatto tutto il possibile per nascondere accuratamente questo furto, per fare in modo che non sia visibile alle masse che ne vengono danneggiate. Se i mercati petroliferi sostituiscono l'euro al dollaro, non sarà più possibile stampare moneta senza limiti.
importare beni reali esportando dollari deprezzati rappresenta un vantaggio incredibile. I paesi esportatori sono diventati dipendenti dai nostri acquisti, indispensabili per la loro crescita. Questa dipendenza li fa entrare a far parte del gioco, li rende nostri alleati nella prosecuzione della frode. Se questo sistema funzionasse nel lungo periodo, gli americani potrebbero pure smettere di lavorare. Anche noi potremo quindi goderci “panem et circenses” proprio come facevano i romani prima che il loro oro finì e l'impossibilità di conquistare e derubare altre nazioni portò alla caduta dell'impero.
Salvo cambiamenti, la stessa cosa accadrà anche all'America. Benché non occupiamo direttamente terre straniere per spillare oro, abbiamo sparso truppe in giro per 130 stati del mondo. Il grande sforzo di aumentare il nostro potere nelle zone petrolifere mediorientali non è una coincidenza. A differenza del passato, però, non dichiariamo il possesso diretto delle risorse naturali, semplicemente continuiamo a convincerci che possiamo comprare quello che vogliamo pagando con la nostra cartamoneta e i paesi che si oppongono a questo processo lo fanno a loro rischio e pericolo.
Come già detto il Parlamento ha inserito nella sua lista nera anche l'Iran, proprio come fece con l'Iraq. Si parla di attaccare l'Iran economicamente e militarmente, se sarà necessario. Le ragioni sono tutte costruite falsamente, proprio come quelle date per la sfortunata e costosa guerra irachena.
Tutto il nostro sistema economico vive in funzione dell'attuale accordo monetario; ciò significa che è cruciale continuare a riciclare dollari. Al momento, prendiamo a prestito più di 700 bilioni di dollari all'anno dai nostri cari benefattori, che lavorano sodo e ci danno beni in cambio di carta. Prendiamo a prestito tutti i soldi che ci servono per rendere più solido il nostro impero. La nostra strapotenza militare è diventata la unica contropartita reale alla carta dei nostri dollari. Non ci sono Paesi al mondo in grado di sfidare la nostra superiorità militare, non possono fare altro che accettare la banconota che noi dichiariamo di essere l'“oro”del XXI secolo. Ecco perché quei paesi che provano a sfidare questo sistema – come l'Iraq, l'Iran e il Venezuela – diventano nostri obbiettivi per un cambio di regime.
Ironicamente, la superiorità del dollaro dipende dalla forza militare, e la forza militare deriva dall'egemonia del dollaro. Sino a quando le economie estere prosciugheranno tutti i nostri dollari in cambio di beni reali e saranno contente di finanziare i nostri pazzi consumi e le nostre avventure militariste, lo status quo continuerà, senza riguardo a quanto grande si farà il debito estero e il deficit di bilancio.
Sia il popolo Americano sia il parlamento sono stati facilmente convinti sulle istanze di guerra preventiva mosse dai falchi americani. Il numero di persone che ha iniziato ad obbiettare l'intervento è cresciuto solo dopo che il costo umano ed economico della guerra si è fatto impressionante.
La cosa strana è che ora che il fallimento in Iraq è apparente alla maggior parte dell'opinione pubblica, il parlamento e i cittadini americani iniziano a vedere di buon grado la chiamata ad un'inutile e pericoloso confronto con l'Iran.
Ma ancora, il nostro fallimento nel trovare Osama Bin Laden e distruggere la sua rete terroristica non ci ha dissuaso dall'invadere l'Iraq con una guerra totalmente irrelata agli eventi del 9/11.
Il nostro comportamento e la nostra volontà di impartire una lezione a Saddam Hussein, derivano dalla necessità di assicurare l'utilizzo del dollaro come valuta per gli scambi petroliferi.
E puntualmente si ripresenta il bisogno urgente di sanzioni e minacce verso l'Iran proprio nel momento in cui quel Paese ha scelto di effettuare tutte gli scambi di petrolio in euro.
L'uso della forza per indurre le persone ad accettare una moneta che non ha nessuna contropartita reale può funzionare solo nel breve termine. Ma ciò conduce a una dislocazione produttiva dell'economia, sia nazionale che internazionale, e ha sempre conseguenze economiche sgradevoli.
Abbiamo appurato che un commercio onesto e corretto necessita dello scambio tra beni che abbiano un valore reale; e questa legge economica non può essere disattesa. Il caos che seguiterà dagli esperimenti monetari condotti per 35 anni in un regime di “fiat money” su scala globale, comporterà inevitabilmente la ricomparsa di una moneta dal valore reale. Noi sappiamo che quel giorno si sta avvicinando, il giorno in cui i produttori di petrolio pretenderanno oro invece che dollari. Prima arriverà quel giorno, meno dolenti saranno le sue conseguenze.

Discorso alla Camera dei Rappresentanti. 15 febbraio 2006.
Ron Paul


Nessun commento:

Posta un commento