An Heaven in Hell

- Che cosa hai mangiato questa mattina?
- Tortillas
- E ieri sera?
- Niente
- E a scuola ti danno da mangiare?
- No
- Sei triste?
- Sì
- Cosa pensi, dimmi?
- Ieri non abbiamo mangiato niente, perchè non abbiamo soldi...
- Quanti anni hai?
- Otto
- Da grande cosa ti piacerebbe fare?
-
NULLA

video

Siamo ancora capaci di indignazione? Riusciamo ancora provare sdegno e collera? Oppure siamo diventati indifferenti?
Si fa finta di non vedere, di non sapere. Il marciume dell'ingiustizia, l'offesa dell'ineguaglianza, il sopruso dello sfruttamento, la violenza della guerra, per i grandi mezzi di comunicazione sono realtà da non evocare e per l'uomo occidentale rifiuti da lasciare in apposite discariche poste ben lontane dalle immacolate pareti di casa, coi suoi color pastello e i mobili ikea.
Intontiti e satolli si vive come in un giardino incantato, un'isola di benessere e opulenza. Il sistema alimenta e stabilizza la prosperità, attenuando le frizioni sociali, anestetizzando gli scrupoli morali e i sensi di colpa mediante il buon senso e la moderazione sinistrorsa. Da noi D'Alema si fa la barca e Bertinotti porta il chachemire e le cravatte “marinella”, mentre l'operaio aspira solo a cambiare il telefonino e la macchina. Le poche incrinature sociali di un sistema in cui tutti, bene o male, trovano il proprio benessere, risultano in fondo gestibili e tollerabili. Il virtuoso riformismo è alla fine lo strumento migliore e più efficiente di conservazione. Bertinotti for president!
E poi il sistema politico-economico, che pende ormai dalle labbra dei banchieri, a cui s'è dato fiducia attribuendo loro il ruolo di profeti e guide del progresso. S'è visto dove ci hanno portato! Gli intellettuali? Quelli dormono. Ogni tanto si svegliano per andare a ritirare un premio, magari il Nobel... I mercati e le borse? A volte vanno giù e a volte su, ma guadagnano sempre, statene certi. Il circo dei media? I giornali parlano delle tette di questa e del nuovo amante di quell'altra. La televisione fa ogni sera il tutto esaurito con le troniste della De Filippi, il Grande Fratello, Isole, Fattorie e idiozie a iosa per un popolo bue.
Non è forse questo il Paradiso? Il Mondo non è bello? La Vita non è bella?
No, in realtà non lo è, ma è sempre più difficile anche solo ricordarselo e rendersene conto. Perché per farlo lo sguardo deve andare lontano, oltre la Casa del Grande Fratello, oltre il Giardino, oltre l'isola incantata.
E se non si guarda oltre, se non si cerca lontano, non si riesce a vedere, non si riesce a capire... (D*)

Nessun commento:

Posta un commento