Donde te ví

video

E le mie gambe han camminato tanto,
e la mia faccia ha preso tanto vento,
e coi miei occhi ho visto tanta vita,
e le mie orecchie tanta ne han sentita,
e le mie mani hanno applaudito il mondo,
perchè il mondo è il posto dove ho visto te,
dove ho visto te, dove ho visto te...
E le mie ossa han preso tante botte,
e ho vinto e perso dentro tante lotte,
mi sono steso su mille lenzuola,
cercando il fuoco dentro una parola,
e le mie mani hanno applaudito il mondo,
perchè il mondo è il posto dove ho visto te,
dove ho visto te, dove ho visto te...
E c'è una parte dell'America,
che assomiglia a te,
quei grandi cieli senza nuvole,
con le farfalle e con le aquile.
E c'è una parte dentro all'Africa,
che assomiglia a te,
una leonessa con i suoi cuccioli,
che lotta sola per difenderli.
E le mie braccia hanno afferrato armi,
e tanta stoffa addosso a riscaldarmi,
e nel mio petto c'è un motore acceso,
fatto per dare più di quel che ha preso,
e le mie mani hanno applaudito il mondo,
perchè il mondo è il posto dove ho visto te,
dove ho visto te, dove ho visto te...
E le mie scarpe han camminato tanto,
e la mia faccia ha preso tanto vento,
e coi miei occhi ho visto tanta vita,
e le mie orecchie tanta ne han sentita,
e le mie mani hanno applaudito il mondo,
perchè il mondo è il posto dove ho visto te,
dove ho visto te, dove ho visto te...
E c'è una parte della mia città,
che assomiglia a te,
quella dei bar con fuori i tavolini
e del silenzio di certi giardini,
e c'è una parte della luna,
che assomiglia a te,
quella dove si specchia il sole,
che ispira musica e parole.
Baciami baciami baciami,
Mangiami mangiami mangiami,
Lasciami lasciami lasciami,
Prendimi prendimi prendimi,
Scusami scusami scusami,
Usami usami usami.
Credimi, salvami, sentimi.
E c'è una parte della vita mia,
che assomiglia a te,
quella che supera la logica,
quella che aspetta un'onda anomala.
E c'è una parte in Amazzonia,
che assomiglia a te,
quelle acque calde e misteriose,
le piante medicamentose...
_________

Y mis piernas han caminado tanto,
y mi cara ha sentido tanto viento,
y con mis ojos he visto tanta vida,
y mis oidos tanto han escuchado,
y mis manos han aplaudido al mundo,
porque el mundo es el lugar donde te ví,
donde te ví, donde te ví...
Y mis huesos han recibido tantos golpes,
y he ganado y he perdido en tantas batallas,
me he acostado sobre mil sábanas,
buscándo el fuego dentro una palabra,
y mis manos han aplaudido al mundo,
porque el mundo es el lugar donde te ví,
donde te ví, donde te ví...
Y hay una parte de América,
que se parece a ti,
con grandes cielos sin nubes,
con las mariposas y las aguilas.
Y hay una parte dentro Africa,
que se parece a ti,
una leona con sus cachorros,
que lucha sola para defenderlos.
Y mis brazos han tomado armas,
y tanta tela para calentarme,
y en mi pecho hay un motor en marcha,
hecho para dar más de lo que ha perdido,
y mis manos han aplaudido al mundo,
porque el mundo es el lugar donde te ví,
donde te ví, donde te ví...
Y mis zapatos han caminado tanto,
y mi cara ha sentido tanto viento,
y con mis ojos he visto tanta vida,
y mis oidos tanto han escuchado,
y mis manos han aplaudido al mundo,
porque el mundo es el lugar donde te ví,
donde te ví, donde te ví...
Y hay una parte de mi ciudad,
que se parece a ti,
la del bar con las mesas afuera,
y del silencio de algunos jardines.
Y hay una parte de la luna,
que se parece a ti,
la parte donde se refleja el sol,
que inspira música y palabras.
bésame,bésame,bésame.
Cómeme,cómeme,cómeme.
Déjame,déjame,déjame.
Tómame,tómame,tómame.
Discúlpami,discúlpami,discúlpami.
Úsame,úsame,úsame.
Créeme, sálvame, siénteme.
Y hay una parte de mi vida,
que se parece a ti,
la parte que supera la lógica,
la parte que espera una ola anormal.
Y hay una parte del Amazonas,
que se parece a ti,
aquellas aguas calientes y misteriosas,
las plantas medicinales...

2 commenti:

  1. mi sa che ti piace Jovanotti e il tango.... ma lo sai ballare sul serio?.....ciao R.

    RispondiElimina
  2. Cara Roby,
    certo che so ballare il tango... Non è poi mica così difficile. E comunque, come dice il mio amico Marcos, la vergogna non deve coglierci quando sbagliamo un passo di danza, ma ogni volta che ci guardiamo allo specchio senza più riconoscerci.
    Ciao, D.

    RispondiElimina