Of course

La potente squadra dei cosiddetti "neocons", i neoconservatori che hanno conquistato la Casa Bianca, viene da molto lontano e ha legami e radici ideologiche molto particolari, che risalgono addirittura ai primi anni '70.
Tutti seguaci della scuola di pensiero di Leo Strauss, il padre fondatore del neo-conservatorismo, già nel 1974 ritroviamo Dick Cheney come capo-gabinetto del governo di Gerald Ford, il quale aveva alla Difesa lo stesso Donald Rumsfeld che ha occupato a lungo quella posizione nell'amministrazione Bush, prima e dopo l'undici settembre. I giovani Richard Pearle e Paul Wolfowitz, che al tempo si occupavano delle relazioni estere della Casa Bianca, avrebbero poi messo a punto la cosiddetta Dottrina Wolfowitz, la cui filosofia si rispecchia in maniera sconcertante nelle recenti invasioni armate di Afghanistan e Iraq.
Questo gruppo di persone, che l'undici settembre del 2001 si trovava alla guida dell'America, aveva da poco messo a punto una dichiarazione programmatica, che predicava un completo riposizionamento strategico degli USA nel mondo, poi divenuta nota come PNAC, o "Project for the New American Century" (Progetto per il Nuovo Secolo Americano).
In un particolare rapporto del PNAC intitolato "Rebuilding America's defenses" (Ricostruire la Difesa Americana) veniva descritta in modo dettagliato una strategia di predominio globale basata su un sostanziale riarmo degli Stati Uniti, che approfittasse della momentanea debolezza dell'ex Unione Sovietica - ancora alle prese con i postumi del crollo del Muro - per "attestarsi permanentemente" in alcuni punti nevralgici dello scacchiere mediorientale, al fine di controllare da vicino le risorse energetiche del mondo.
Una delle priorità elencate dal rapporto del PNAC era "il riposizionamento delle forze armate americane per fronteggiare le realtà strategiche del 21° secolo, spostando su base permanente delle unità armate nel Sud-Est europeo e asiatico (Turchia e Medio Oriente), e cambiando le modalità di dispiegamento della Marina militare in ragione dell'accresciuto coinvolgimento strategico americano nell'Asia Orientale".
Sta sotto gli occhi di tutti, nero su bianco, e porta appunto le firme di personaggi come Dick Cheney, Paul Wolfowitz, Richard Perle, Donald Rumsfeld.
In particolare facevano gola ai neocons - per loro stessa ammissione - il gas naturale di cui è ricco l'Afghanistan, e il petrolio, che abbonda, come è noto, in Iraq.
Che si tratti di coincidenze fortuite, o di bieca pianificazione criminale, sta di fatto che all'alba del 2000 questa rinascita militare degli Stati Uniti era tanto auspicata dal gruppo dei neocons, quanto essi ne temevano i tempi comunque lunghi di gestazione.
"A meno che non intervenga - recitava una frase sinistramente profetica di quel documento- un evento catastrofico e catalizzatore come una nuova Pearl Harbour".
La sera del 10 settembre veniva messo sul tavolo di Bush un dettagliato piano di attacco militare all'Afghanistan. La mattina seguente, ad un anno esatto dalla pubblicazione del documento PNAC, le Torri Gemelle crollavano in una nuvola di sdegno e orrore, che portava all'auspicato riarmo militare in tempi ancor più brevi di quanto gli stessi neocons avessero mai immaginato.
Il resto è purtroppo storia nota.

"Initially, your platform will have only one plank. It's all about military spending. You're a doomsayer, with all sorts of dire predictions about how weak our military is becoming. You'll get everybody's attention when you call for doubling our military spending."
"It works, doesn't it? It got your attention. Double it during your four-year term."
"But why? We need more military spending, but a twofold increase would be excessive."
"Not if we're facing another war, Mr. Lake. A war in which we push buttons and launch Tomahawk missiles by the thousands, at a million bucks a pop. Hell, we almost ran out of them last year in that Balkan mess. We can't find enough soldiers and sailors and pilots, Mr. Lake.You know this.The military needs tons of cash to recruit young men. We're low on everything-soldiers, missiles, tanks, planes, carriers. Chenkov is building now. We're not. We're still downsizing, and if we keep it up through another Administration, then we're dead."
Teddy's voice rose, almost in anger, and when he stopped with "we're dead." Aaron Lake could almost feel the earth shake from the bombing.
"Where does the money come from?" he asked.
"Money for what?"
"The military"
Teddy snorted in disgust, then said, "Same place it always comes from. Need I remind you, sir, that we have a surplus?"
"We're busy spending the surplus."
"Of course you are. Listen, Mr. Lake, don't worry about the money. Shortly after you announce, we'll scare the hell out of the American people. They'll think you're half-crazy at first, some kind of wacko from Arizona who wants to build even more bombs. But we'll jolt them. We'll create a crisis on the other side of the world, and suddenly Aaron Lake will be called a visionary. Timing is everything. You make a speech about how weak we are in Asia, few people listen. Then we'll create a situation over there that stops the world, and suddenly everyone wants to talk to you. It will go on like that, throughout the campaign. We'll build the tension on this end.We'll release reports, create situations, manipulate the media, embarrass your opponents. Frankly, Mr. Lake, I don't expect it to be that difficult."
"You sound like you've been here before."
"No. We've done some unusual things, all in an effort to protect this country. But we've never tried to swing a presidential election." Teddy said this with an air of regret.
Lake slowly pushed his chair back, stood, stretched his arms and legs, and walked along the table to the end of the room. His feet were heavier. His pulse was racing. [...]
He returned to his seat. "I don't have enough money." He offered across the table. He knew it was received by someone who'd already thought about it.
Teddy smiled and nodded and pretended to give this some thought. Lake's Georgetown home was worth $400,000. He kept about half that much in mutual funds and another $100,000 in municipal bonds. There were no significant debts. He had $40,000 in his reelection account. [...]
Teddy then reached for yet another button. Images returned to the wall, sharp and in color. "Money will not be a problem, Mr. Lake," he said, his voice much lighter. "We'll get the defense contractors to pay for it. Look at that." he said, waving with his right hand as if Lake wasn't sure what to look at. "Last year the aerospace and defense industry did almost two hundred billion in business. We'll take just a fraction of that."
"How much of a fraction?"
"As much as you need. We can realistically collect a hundred million dollars from them."
"You also can't hide a hundred million dollars."
"Don't bet on it, Mr. Lake. And don't worry about it. We'll take care of the money. You make the speeches, do the ads, run the campaign. The money will pour, in. By the time November gets here, the American voters will be so terrified of Armageddon they won't care how much you've spent. It'll be a landslide."
So Teddy Maynard was offering a landslide. Lake sat in a stunned but giddy silence and gawked at all that money up there on the wall-$194 billion, defense and aerospace. Last year's military budget was $270 billion. Double that to $540 billion in four years, and the contractors would get fat again. And the workers! Wages soaring through the roof! Jobs for everyone!
Candidate Lake would be embraced by executives with the cash and unions with the votes. The initial shock began to fade, and the simplicity ofTeddy's plan became clear. Collect the cash from those who will profit. Scare the voters into racing to the polls. Win in a landslide. And in doing so save the world.
Teddy let him think for a moment, then said, "We'll do most of it through PAC's. The unions, engineers, executives, business coalitions-there's no shortage of political groups already on the books. And we'll form some others."
Lake was already forming them. Hundreds of PAC's, all flush with more cash than any election had ever seen. The shock was now completely gone, replaced by the sheer excitement of the idea. A thousand questions raced through his mind: WhQ'll be my Vice President? Who'll run the campaign? Chief of stag? Where to announce? "It might work." he said, under control.
"Oh yes. It'll work, Mr. Lake. Trust me. We've been panning this for some time."
"How many people know about it?"
"Just a few.You've been carefully chosen, Mr. Lake. We examined mate potential candidates, and your name kept rising to the top.We've checked your background."
"Pretty dull, huh?"
"I suppose. Although your relationship with Ms. Valotti concerns me. She's been divorced twice and likes painkillers."
"Didn't know I had a relationship with Ms. Valotti."
"You've been seen with her recently."
"You guys are watching, aren't you?"
"You expect something less?"
"I guess not."
"You took her to a black-tie cry-a-thon for oppressed women in Afghanistan. Gimme a break." Teddy's words were suddenly short and dripping with sarcasm.
"I didn't want to go."
"Then don't. Stay away from that crap. Leave it for Hollywood Valotti's nothing but trouble."
"Anybody else?" Lake asked, more than a little defensive.
"Not really." Teddy said. "Ms. Benchly seems to be quite stable and makes a lovely escort."
"Oh, thank you very much."
"You'll get hammered on abortion, but you won't be the first."
"It's a tired issue" Lake said. And he was tired of grappling with it. He'd been for abortions, against abortions, soft on reproductive rights, tough on reproductive rights, pro-choice, pro-child, anti-women, embraced by the feminists. [..]
"What about GreenTree?" he asked.
Teddy waved his right hand as if it was nothing. "Twenty-two years ago. Nobody got convicted. Your partner went bankrupt and got himself indicted, but the jury let him walk. It'll come up; everything will come up. But fiankly, Mr. Lake, we'll keep the attention diverted elsewhere. [...] Not a thing.You're a solid candidate, very electable. We'll create the issues and the fear, and we'll raise the money."
"No one knows we've had this little chat."
"Of course not."

The Brethren, John Grisham

Per cominciare, il suo programma si baserà su un solo punto: le spese militari. Lei è un pessimista che preannuncia ogni sorta di sventure a causa della progressiva debolezza della nostra struttura militare. E attirerà su di sé l'attenzione di tutti gli americani quando pretenderà che gli stanziamenti per la difesa siano raddoppiati.”
Funziona, vede? La sua personale attenzione ne è stata subito stimolata. Metterà in programma il raddoppio delle spese militari nell'arco dei quattro anni del suo mandato
Ma perché? Abbiamo bisogno di stanziamenti maggiori. Il doppio, però, sarebbe troppo.”
Non nella prospettiva di un'altra guerra, signor Lake. Una guerra in cui schiacciamo bottoni e spariamo missili Tomahawk a migliaia a un costo di milioni di dollari a botta. Giusto l'anno scorso in quel casino dei Balcani ne siamo rimasti quasi senza. Non sappiamo dove trovare un numero sufficiente di soldati, marinai e piloti, lo sa anche lei, signor Lake. Il dipartimento della Difesa ha bisogno di denaro contante a tonnellate per reclutare nuovi giovani. Siamo a corto di tutto: soldati, missili, mezzi blindati, aeroplani, portaerei. Mentre Chenkov sta costruendo il suo arsenale, noi ci giriamo i pollici. Noi, anzi, continuiamo a tagliare, e se andiamo avanti così anche sotto la prossima presidenza, siamo bell'e morti.”
La voce di Teddy continuò a crescere di volume, quasi spinta da un eccesso di collera, e quando si fermò su “bell'e morti” ad Aaron Lake parve quasi di sentire la terra tremare sotto i bombardamenti.
Da dove vengono i soldi?” chiese Aaron.
I soldi per che cosa?
Per le spese militari?
Teddy sbuffò. “Da dove sono sempre venuti” rispose poi. “Devo ricordarle che il bilancio è in attivo?
Stiamo già spendendo allegramente quell'attivo.”
Ma sicuro. Ascolti, signor Lake, non si preoccupi dei soldi. Subito dopo il suo annuncio noi terrorizzeremo il popolo americano. All'inizio penseranno che le manchi qualche rotella, la prenderanno per un fanatico dell'Arizona che vuole costruire altre bombe. Ma noi li faremo rinsavire. Faremo esplodere una crisi dall'altra parte del mondo e, dall'oggi al domani, Aaron Lake si trasformerà in un profeta. Sincronizzeremo gli interventi. Lei terrà un comizio sulla nostra debolezza in Asia e saranno in pochi ad ascoltarla. Poi entreremo in azione noi creando in Oriente una situazione che terrà il mondo con il fiato sospeso e all'improvviso tutti vorranno parlare con lei. E andrà avanti così per l'intera campagna. Noi, dal canto nostro, fomenteremo la tensione. Renderemo noti rapporti inquietanti, favoriremo l'apertura di zone di crisi, manipoleremo i mass media, metteremo in imbarazzo i suoi avversari. Detto in tutta franchezza, signor Lake, non mi aspetto niente di particolarmente problematico.”
Ha l'aria di uno che ci è già passato.”
No. Abbiamo preso provvedimenti insoliti qualche volta, sempre con l'intento di proteggere il nostro paese. Ma non abbiamo mai cercato di guidare l'elezione di un Presidente.” Teddy lo affermò con una nota di rimpianto.
Lake spinse lentamente all'indietro la sua poltrona, si alzò, sgranchì braccia e gambe e arrivò fino in fondo all'ufficio camminando lungo il tavolo. Sentiva i piedi più pesanti. Le pulsazioni più accelerate. [...]
Tornò al suo posto. “Non ho abbastanza denaro” dichiarò. Sapeva che a ricevere il messaggio c'era una persona che non poteva non averci già pensato.
Teddy sorrise, annuì e finse di valutare la situazione. La casa che Lake possedeva a Georgetown valeva quattrocentomila dollari. Una somma pari alla metà l'aveva investita in fondi e altri centomila dollari erano in obbligazioni municipali. Non aveva debiti di rilievo. Sul suo conto elettorale aveva quarantamila dollari. [...]
Teddy schiacciò un pulsante. Sulla parete apparvero immagini nuove, nitide e a colori. “Il denaro non sarà un problema, signor Lake” lo rassicurò con un tono di voce molto più leggero. “Lo faremo arrivare dai fornitori di armamenti. Guardi là” lo invitò agitando la mano destra come se Lake avesse potuto avere dubbi su dove alzare lo sguardo. “Solo l'anno scorso l'industria aerospaziale e della difesa ha fatturato duecento miliardi di dollari. Noi ne prenderemo solo una piccola fetta.”
Quanto piccola?
Quello che ci serve. Possiamo realisticamente prevedere di ottenere cento milioni di dollari da loro.”
Ma è irrealistico che cento milioni di dollari si possano nascondere.”
Non ne sia troppo convinto, signor Lake. E non se ne dia pensiero. Dei soldi ci occuperemo noi. Lei tenga i suoi comizi, faccia la sua pubblicità, si preoccupi della campagna elettorale. Il denaro arriverà. Prima di novembre gli elettori americani saranno così terrorizzati alla prospettiva di un'apocalisse che non gli importerà niente di quanto avrà speso. Sarà un plebiscito.”
Dunque Teddy Maynard gli offriva un plebiscito. Confuso e un po' stordito Lake contemplava con gli occhi sgranati le cifre in dollari elencate sulla parete: i centonovantaquattro miliardi di forniture, i duecentosettanta miliardi del budget del Pentagono per l'anno passato. Portando gli stanziamenti a cinquecentoquaranta miliardi in quattro anni, i fornitori sarebbero entrati in una nuova fase di vacche grasse. E i disoccupati! Salari alle stelle avoro per tutti!
Il candidato alla presidenza Lake sarebbe stato seppellito nel denaro dagli amministratori delegati e nei voti dai dirigenti sindacali. Mentre si spegneva lo sconcerto iniziale, affiorava con più chiarezza la semplicità del piano di Teddy. Avere finanziamenti da coloro che ne avrebbero tratto profitto. Spaventare gli elettori inducendoli a correre alle urne. Stravincere le elezioni. E nel contempo salvare il mondo.
Opereremo soprattutto tramite i comitati elettorali” riprese Teddy dopo averlo lasciato riflettere per un momento. “Poi ci sono i sindacati, gli ordini professionali, le federazioni industriali e commerciali... abbiamo già un carnet pieno di gruppi di pressione politica e ne formeremo di nuovi.”
Lake stava già organizzando i suoi comitati. Centinaia di comitati, tutti con più denaro da spendere di quanto fosse mai accaduto in una contesa presidenziale. Ora lo sconcerto si era quasi completamente dissolto, sostituito dalla più viva delle emozioni. Gli frullarono nella mente mille domande: chi sarebbe stato il suo vicepresidente? Chi avrebbe condotto la campagna? Chi sarebbe stato scelto come capo dello staff? Dove dare l'annuncio? “Potrebbe anche funzionare” commentò, in tono contenuto.
Oh sì. E funzionerà, signor Lake. Si fidi di me. E' da un po' che lo stiamo progettando.”
Quante persone ne sono al corrente?
Poche. Lei è stato selezionato con cura, signor Lake. Abbiamo esaminato molti possibili candidati e il suo nome la spuntava sempre sugli altri. Abbiamo controllato la sua situazione generale.”
Grigia, vero?
In un certo senso. Però mi preoccupa la sua relazione con la signora Valotti. Ha due divorzi sulle spalle e un debole per gli analgesici.”
Non sapevo di avere una relazione con la signora Valotti.”
E' stato visto di recente in sua compagnia.”
Mi tenete d'occhio, eh?
Si aspettava altrimenti?
Immagino di no.”
Si è fatto accompagnare da lei a una cerimonia ufficiale in favore delle donne oppresse dell'Afghanistan. Faccia il bravo.” Il tono di Teddy era diventato improvvisamente spiccio e carico di sarcasmo.
Io non ci volevo andare.”
Allora lo eviti. Stia alla larga da quel genere di stronzate. Le lasci a Hollywood. La Valotti può solo crearle rogne.”
Nessun altro?” chiese Lake con una percettibile punta di dispetto. [...]
Direi di no” rispose Teddy. “La signora Benchly sembra una persona equilibrata e di indiscutibile valore estetico.”
Oh, grazie di cuore.”
La metteranno sotto torchio per l'aborto, ma sarà in buona compagnia.”
E' un argomento che ha stufato” ribatté Lake. E lui stesso era stanco di annasparci dentro. Era stato a favore dell'aborto e contro l'aborto, morbido sul concepimento volontario, rigido sul concepimento volontario, favorevole alla libera scelta, paladino dei diritti del nascituro, contro le donne, acclamato dalle femministe. […]
E come la mettiamo con GrennTree?” domandò.
Teddy liquidò il problema con un gesto della mano. “E' successo ventidue anni fa. Nessuno è stato condannato. Il suo socio è fallito ed è stato incriminato, ma la giuria lo ha assolto. Salterà fuori. E non solo questo. Ma mi creda, signor Lake, daremo ben altro a cui pensare all'opinione pubblica. […] Lei è un candidato solido, più che qualificato. Noi le daremo gli spunti e semineremo i timori. E noi raccoglieremo il denaro” […]
Nessuno sa di questa nostra chiacchierata

I Confratelli, John Grisham

Nessun commento:

Posta un commento