To Hell With War!

Woodrow Wilson invase il Messico e Haiti per portare a quella povera gente libertà e democrazia e anche un buon governo. Ma, se facciamo a meno di tanta retorica presidenziale, la bandiera seguì le banche. Il presidente era semplicemente il primo agitatore per i grandi interessi finanziari. Molti anni dopo, il comandante generale dei marines, il generale Smedley Butler, svelò il gioco, per così dire, non solo di Wilson ma di tutto il racket imperiale. Mi hanno fatto vedere delle belle immagini di cinegiornale su Butler, sui marines ad Haiti, su Taiwan, sulle strade di Shanghai. Facevo un'imitazione della sua voce mentre pronunciavo le sue esatte parole:
Ho passato la maggior parte della mia vita a fare il gorilla d'alta classe per il mondo degli affari, per Wall Street e per i banchieri. In breve facevo parte di un racket, ero un gangster del capitalismo. Nel 1914 ho preso il Messico un posto sicuro per gli interessi del petrolio americano. Ho fatto di Haiti e di Cuba dei posti decenti perché i ragazzi della National City Bank ci portassero i loro soldi”.
In anni recenti Butler aprì anche bottega in Nicaragua, nella Repubblica Dominicana e in Cina dove, nel 1927, i marines protessero gli interessi della Standard Oil.
Al capone al massimo del suo successo aveva tre distretti, io agivo su tre continenti” (gen. Butler)
Non c'è bisogno di dire che il generale Butler è una presenza costante nella nostra storia imperiale.
Stoltkin ha cominciato a parafrasare esattamente quello che avevo detto: gli imperi moderni non sono come quelli di un tempo quando si innalzava la propria bandiera su un palazzo di una nazione straniera. Dal 1950 in poi, ho dimostrato come la dominazione sugli altri paesi sia esercitata attraverso l'economia (il Piano Marshall dopo la seconda guerra mondiale) e attraverso la presenza militare possibilmente gestita in tono minore (come la NATO nell'Europa Occidentale) e possibilmente attraverso polizie segrete come CIA, FBI, DIA, DEA, ecc. In questo momento l'Impero ordina alle nazioni vassalle di non fare affari con gli “stati canaglia” (secondo le risoluzioni dell'Helms-Burton Bill).
Anche se l'Unione Sovietica è fuori gioco da cinque anni abbiamo ancora basi in Belgio, Germania, Grecia, Italia, Olanda, Portogallo, Spagna, Turchia. In Gran Bretagna abbiamo sette basi aeree e tre navali. Nel 1948 il segretario della Difesa Forrestal installò due gruppi di B-29 nella campagna inglese: sarebbe stata una buona idea, disse, abituare gli inglesi alla presenza militare americana permanente. Per creare ed amministrare un impero moderno si deve prima scoprire – o inventare – un nemico comune e poi mettere tutte le potenziali vittime di questo orco sotto il “proprio” dominio, usando i servizi segreti per controllare la politica, come la CIA ha fatto, per esempio, con il Partito Laburista di Harold Wilson.
Oggi, inoltre, siamo presenti militarmente nelle Bermude, in Egitto, in Islanda, Giappone, Corea, Panama, Filippine, Arabia Saudita, Kuwait ecc, e ovviamente in tutti gli Stati Uniti e sui nostri territori; abbiamo anche due basi in Australia una delle quali è la misteriosa unità CIA di Alice Springs.
Se tutto questo non è un impero, allora non so cosa lo sia.

Le menzogne dell'impero e altre tristi verità, Gore Vidal


video

WAR is a racket.

It always has been. It is possibly the oldest, easily the most profitable, surely the most vicious. It is the only one international in scope. It is the only one in which the profits are reckoned in dollars and the losses in lives.
A racket is best described, I believe, as something that is not what it seems to the majority of the people. Only a small "inside" group knows what it is about. It is conducted for the benefit of the very few, at the expense of the very many. Out of war a few people make huge fortunes.
In the World War [I] a mere handful garnered the profits of the conflict. At least 21,000 new millionaires and billionaires were made in the United States during the World War. That many admitted their huge blood gains in their income tax returns. How many other war millionaires falsified their tax returns no one knows.
How many of these war millionaires shouldered a rifle? How many of them dug a trench? How many of them knew what it meant to go hungry in a rat-infested dug-out? How many of them spent sleepless, frightened nights, ducking shells and shrapnel and machine gun bullets? How many of them parried a bayonet thrust of an enemy? How many of them were wounded or killed in battle?
Out of war nations acquire additional territory, if they are victorious. They just take it. This newly acquired territory promptly is exploited by the few – the selfsame few who wrung dollars out of blood in the war. The general public shoulders the bill.
And what is this bill?
This bill renders a horrible accounting. Newly placed gravestones. Mangled bodies. Shattered minds. Broken hearts and homes. Economic instability. Depression and all its attendant miseries. Back-breaking taxation for generations and generations.
For a great many years, as a soldier, I had a suspicion that war was a racket; not until I retired to civil life did I fully realize it. Now that I see the international war clouds gathering, as they are today, I must face it and speak out.[...]
Go to war – a war that might well cost us tens of billions of dollars, hundreds of thousands of lives of Americans, and many more hundreds of thousands of physically maimed and mentally unbalanced men.
Of course, for this loss, there would be a compensating profit – fortunes would be made. Millions and billions of dollars would be piled up. By a few. Munitions makers. Bankers. Ship builders. Manufacturers. Meat packers. Speculators. They would fare well.
Yes, they are getting ready for another war. Why shouldn't they? It pays high dividends.
But what does it profit the men who are killed? What does it profit their mothers and sisters, their wives and their sweethearts? What does it profit their children?
What does it profit anyone except the very few to whom war means huge profits?
Yes, and what does it profit the nation?
Take our own case. Until 1898 we didn't own a bit of territory outside the mainland of North America. At that time our national debt was a little more than $1,000,000,000. Then we became "internationally minded." We forgot, or shunted aside, the advice of the Father of our country. We forgot George Washington's warning about "entangling alliances." We went to war. We acquired outside territory. At the end of the World War period, as a direct result of our fiddling in international affairs, our national debt had jumped to over $25,000,000,000. Our total favorable trade balance during the twenty-five-year period was about $24,000,000,000. Therefore, on a purely bookkeeping basis, we ran a little behind year for year, and that foreign trade might well have been ours without the wars.
It would have been far cheaper (not to say safer) for the average American who pays the bills to stay out of foreign entanglements. For a very few this racket, like bootlegging and other underworld rackets, brings fancy profits, but the cost of operations is always transferred to the people – who do not profit.

Who makes the profits?

The World War, rather our brief participation in it, has cost the United States some $52,000,000,000. Figure it out. That means $400 to every American man, woman, and child. And we haven't paid the debt yet. We are paying it, our children will pay it, and our children's children probably still will be paying the cost of that war.
The normal profits of a business concern in the United States are six, eight, ten, and sometimes twelve percent. But war-time profits – ah! that is another matter – twenty, sixty, one hundred, three hundred, and even eighteen hundred per cent – the sky is the limit. All that traffic will bear. Uncle Sam has the money. Let's get it.
Of course, it isn't put that crudely in war time. It is dressed into speeches about patriotism, love of country, and "we must all put our shoulders to the wheel," but the profits jump and leap and skyrocket – and are safely pocketed. Let's just take a few examples:
Take our friends the du Ponts, the powder people – didn't one of them testify before a Senate committee recently that their powder won the war? Or saved the world for democracy? Or something? How did they do in the war? They were a patriotic corporation. Well, the average earnings of the du Ponts for the period 1910 to 1914 were $6,000,000 a year. It wasn't much, but the du Ponts managed to get along on it. Now let's look at their average yearly profit during the war years, 1914 to 1918. Fifty-eight million dollars a year profit we find! Nearly ten times that of normal times, and the profits of normal times were pretty good. An increase in profits of more than 950 per cent.
Take one of our little steel companies that patriotically shunted aside the making of rails and girders and bridges to manufacture war materials. Well, their 1910-1914 yearly earnings averaged $6,000,000. Then came the war. And, like loyal citizens, Bethlehem Steel promptly turned to munitions making. Did their profits jump – or did they let Uncle Sam in for a bargain? Well, their 1914-1918 average was $49,000,000 a year!
Or, let's take United States Steel. The normal earnings during the five-year period prior to the war were $105,000,000 a year. Not bad. Then along came the war and up went the profits. The average yearly profit for the period 1914-1918 was $240,000,000. Not bad.
There you have some of the steel and powder earnings. Let's look at something else. A little copper, perhaps. That always does well in war times.
Anaconda, for instance. Average yearly earnings during the pre-war years 1910-1914 of $10,000,000. During the war years 1914-1918 profits leaped to $34,000,000 per year.
Or Utah Copper. Average of $5,000,000 per year during the 1910-1914 period. Jumped to an average of $21,000,000 yearly profits for the war period.
Let's group these five, with three smaller companies. The total yearly average profits of the pre-war period 1910-1914 were $137,480,000. Then along came the war. The average yearly profits for this group skyrocketed to $408,300,000.
A little increase in profits of approximately 200 per cent.
Does war pay? It paid them. But they aren't the only ones. There are still others. Let's take leather.
For the three-year period before the war the total profits of Central Leather Company were $3,500,000. That was approximately $1,167,000 a year. Well, in 1916 Central Leather returned a profit of $15,000,000, a small increase of 1,100 per cent. That's all. The General Chemical Company averaged a profit for the three years before the war of a little over $800,000 a year. Came the war, and the profits jumped to $12,000,000. a leap of 1,400 per cent.
International Nickel Company – and you can't have a war without nickel – showed an increase in profits from a mere average of $4,000,000 a year to $73,000,000 yearly. Not bad? An increase of more than 1,700 per cent.
American Sugar Refining Company averaged $2,000,000 a year for the three years before the war. In 1916 a profit of $6,000,000 was recorded.
Listen to Senate Document No. 259. The Sixty-Fifth Congress, reporting on corporate earnings and government revenues. Considering the profits of 122 meat packers, 153 cotton manufacturers, 299 garment makers, 49 steel plants, and 340 coal producers during the war. Profits under 25 per cent were exceptional. For instance the coal companies made between 100 per cent and 7,856 per cent on their capital stock during the war. The Chicago packers doubled and tripled their earnings.
And let us not forget the bankers who financed the great war. If anyone had the cream of the profits it was the bankers. Being partnerships rather than incorporated organizations, they do not have to report to stockholders. And their profits were as secret as they were immense. How the bankers made their millions and their billions I do not know, because those little secrets never become public – even before a Senate investigatory body.
But here's how some of the other patriotic industrialists and speculators chiseled their way into war profits.
Take the shoe people. They like war. It brings business with abnormal profits. They made huge profits on sales abroad to our allies. Perhaps, like the munitions manufacturers and armament makers, they also sold to the enemy. For a dollar is a dollar whether it comes from Germany or from France. But they did well by Uncle Sam too. For instance, they sold Uncle Sam 35,000,000 pairs of hobnailed service shoes. There were 4,000,000 soldiers. Eight pairs, and more, to a soldier. My regiment during the war had only one pair to a soldier. Some of these shoes probably are still in existence. They were good shoes. But when the war was over Uncle Sam has a matter of 25,000,000 pairs left over. Bought – and paid for. Profits recorded and pocketed.
There was still lots of leather left. So the leather people sold your Uncle Sam hundreds of thousands of McClellan saddles for the cavalry. But there wasn't any American cavalry overseas! Somebody had to get rid of this leather, however. Somebody had to make a profit in it – so we had a lot of McClellan saddles. And we probably have those yet.
Also somebody had a lot of mosquito netting. They sold your Uncle Sam 20,000,000 mosquito nets for the use of the soldiers overseas. I suppose the boys were expected to put it over them as they tried to sleep in muddy trenches – one hand scratching cooties on their backs and the other making passes at scurrying rats. Well, not one of these mosquito nets ever got to France!
Anyhow, these thoughtful manufacturers wanted to make sure that no soldier would be without his mosquito net, so 40,000,000 additional yards of mosquito netting were sold to Uncle Sam.
There were pretty good profits in mosquito netting in those days, even if there were no mosquitoes in France. I suppose, if the war had lasted just a little longer, the enterprising mosquito netting manufacturers would have sold your Uncle Sam a couple of consignments of mosquitoes to plant in France so that more mosquito netting would be in order.
Airplane and engine manufacturers felt they, too, should get their just profits out of this war. Why not? Everybody else was getting theirs. So $1,000,000,000 – count them if you live long enough – was spent by Uncle Sam in building airplane engines that never left the ground! Not one plane, or motor, out of the billion dollars worth ordered, ever got into a battle in France. Just the same the manufacturers made their little profit of 30, 100, or perhaps 300 per cent.
Undershirts for soldiers cost 14¢ [cents] to make and uncle Sam paid 30¢ to 40¢ each for them – a nice little profit for the undershirt manufacturer. And the stocking manufacturer and the uniform manufacturers and the cap manufacturers and the steel helmet manufacturers – all got theirs.
Why, when the war was over some 4,000,000 sets of equipment – knapsacks and the things that go to fill them – crammed warehouses on this side. Now they are being scrapped because the regulations have changed the contents. But the manufacturers collected their wartime profits on them – and they will do it all over again the next time.
There were lots of brilliant ideas for profit making during the war.
One very versatile patriot sold Uncle Sam twelve dozen 48-inch wrenches. Oh, they were very nice wrenches. The only trouble was that there was only one nut ever made that was large enough for these wrenches. That is the one that holds the turbines at Niagara Falls. Well, after Uncle Sam had bought them and the manufacturer had pocketed the profit, the wrenches were put on freight cars and shunted all around the United States in an effort to find a use for them. When the Armistice was signed it was indeed a sad blow to the wrench manufacturer. He was just about to make some nuts to fit the wrenches. Then he planned to sell these, too, to your Uncle Sam.
Still another had the brilliant idea that colonels shouldn't ride in automobiles, nor should they even ride on horseback. One has probably seen a picture of Andy Jackson riding in a buckboard. Well, some 6,000 buckboards were sold to Uncle Sam for the use of colonels! Not one of them was used. But the buckboard manufacturer got his war profit.
The shipbuilders felt they should come in on some of it, too. They built a lot of ships that made a lot of profit. More than $3,000,000,000 worth. Some of the ships were all right. But $635,000,000 worth of them were made of wood and wouldn't float! The seams opened up – and they sank. We paid for them, though. And somebody pocketed the profits.
It has been estimated by statisticians and economists and researchers that the war cost your Uncle Sam $52,000,000,000. Of this sum, $39,000,000,000 was expended in the actual war itself. This expenditure yielded $16,000,000,000 in profits. That is how the 21,000 billionaires and millionaires got that way. This $16,000,000,000 profits is not to be sneezed at. It is quite a tidy sum. And it went to a very few.
The Senate (Nye) committee probe of the munitions industry and its wartime profits, despite its sensational disclosures, hardly has scratched the surface.
Even so, it has had some effect. The State Department has been studying "for some time" methods of keeping out of war. The War Department suddenly decides it has a wonderful plan to spring. The Administration names a committee – with the War and Navy Departments ably represented under the chairmanship of a Wall Street speculator – to limit profits in war time. To what extent isn't suggested. Hmmm. Possibly the profits of 300 and 600 and 1,600 per cent of those who turned blood into gold in the World War would be limited to some smaller figure.
Apparently, however, the plan does not call for any limitation of losses – that is, the losses of those who fight the war. As far as I have been able to ascertain there is nothing in the scheme to limit a soldier to the loss of but one eye, or one arm, or to limit his wounds to one or two or three. Or to limit the loss of life.
There is nothing in this scheme, apparently, that says not more than 12 per cent of a regiment shall be wounded in battle, or that not more than 7 per cent in a division shall be killed.
Of course, the committee cannot be bothered with such trifling matters.

Who pays the bills?

Who provides the profits – these nice little profits of 20, 100, 300, 1,500 and 1,800 per cent? We all pay them – in taxation. We paid the bankers their profits when we bought Liberty Bonds at $100.00 and sold them back at $84 or $86 to the bankers. These bankers collected $100 plus. It was a simple manipulation. The bankers control the security marts. It was easy for them to depress the price of these bonds. Then all of us – the people – got frightened and sold the bonds at $84 or $86. The bankers bought them. Then these same bankers stimulated a boom and government bonds went to par – and above. Then the bankers collected their profits.
But the soldier pays the biggest part of the bill.
If you don't believe this, visit the American cemeteries on the battlefields abroad. Or visit any of the veteran's hospitals in the United States. On a tour of the country, in the midst of which I am at the time of this writing, I have visited eighteen government hospitals for veterans. In them are a total of about 50,000 destroyed men – men who were the pick of the nation eighteen years ago. The very able chief surgeon at the government hospital; at Milwaukee, where there are 3,800 of the living dead, told me that mortality among veterans is three times as great as among those who stayed at home.
Boys with a normal viewpoint were taken out of the fields and offices and factories and classrooms and put into the ranks. There they were remolded; they were made over; they were made to "about face"; to regard murder as the order of the day. They were put shoulder to shoulder and, through mass psychology, they were entirely changed. We used them for a couple of years and trained them to think nothing at all of killing or of being killed.
Then, suddenly, we discharged them and told them to make another "about face" ! This time they had to do their own readjustment, sans [without] mass psychology, sans officers' aid and advice and sans nation-wide propaganda. We didn't need them any more. So we scattered them about without any "three-minute" or "Liberty Loan" speeches or parades. Many, too many, of these fine young boys are eventually destroyed, mentally, because they could not make that final "about face" alone.
In the government hospital in Marion, Indiana, 1,800 of these boys are in pens! Five hundred of them in a barracks with steel bars and wires all around outside the buildings and on the porches. These already have been mentally destroyed. These boys don't even look like human beings. Oh, the looks on their faces! Physically, they are in good shape; mentally, they are gone.
There are thousands and thousands of these cases, and more and more are coming in all the time. The tremendous excitement of the war, the sudden cutting off of that excitement – the young boys couldn't stand it.
That's a part of the bill. So much for the dead – they have paid their part of the war profits. So much for the mentally and physically wounded – they are paying now their share of the war profits. But the others paid, too – they paid with heartbreaks when they tore themselves away from their firesides and their families to don the uniform of Uncle Sam – on which a profit had been made. They paid another part in the training camps where they were regimented and drilled while others took their jobs and their places in the lives of their communities. The paid for it in the trenches where they shot and were shot; where they were hungry for days at a time; where they slept in the mud and the cold and in the rain – with the moans and shrieks of the dying for a horrible lullaby.
But don't forget – the soldier paid part of the dollars and cents bill too.
Up to and including the Spanish-American War, we had a prize system, and soldiers and sailors fought for money. During the Civil War they were paid bonuses, in many instances, before they went into service. The government, or states, paid as high as $1,200 for an enlistment. In the Spanish-American War they gave prize money. When we captured any vessels, the soldiers all got their share – at least, they were supposed to. Then it was found that we could reduce the cost of wars by taking all the prize money and keeping it, but conscripting [drafting] the soldier anyway. Then soldiers couldn't bargain for their labor. Everyone else could bargain, but the soldier couldn't.
Napoleon once said:
"All men are enamored of decorations...they positively hunger for them."
So by developing the Napoleonic system – the medal business – the government learned it could get soldiers for less money, because the boys liked to be decorated. Until the Civil War there were no medals. Then the Congressional Medal of Honor was handed out. It made enlistments easier. After the Civil War no new medals were issued until the Spanish-American War.
In the World War, we used propaganda to make the boys accept conscription. They were made to feel ashamed if they didn't join the army.
So vicious was this war propaganda that even God was brought into it. With few exceptions our clergymen joined in the clamor to kill, kill, kill. To kill the Germans. God is on our side...it is His will that the Germans be killed.
And in Germany, the good pastors called upon the Germans to kill the allies...to please the same God. That was a part of the general propaganda, built up to make people war conscious and murder conscious.
Beautiful ideals were painted for our boys who were sent out to die. This was the "war to end all wars." This was the "war to make the world safe for democracy." No one mentioned to them, as they marched away, that their going and their dying would mean huge war profits. No one told these American soldiers that they might be shot down by bullets made by their own brothers here. No one told them that the ships on which they were going to cross might be torpedoed by submarines built with United States patents. They were just told it was to be a "glorious adventure."
Thus, having stuffed patriotism down their throats, it was decided to make them help pay for the war, too. So, we gave them the large salary of $30 a month.
All they had to do for this munificent sum was to leave their dear ones behind, give up their jobs, lie in swampy trenches, eat canned willy (when they could get it) and kill and kill and kill...and be killed.
But wait!
Half of that wage (just a little more than a riveter in a shipyard or a laborer in a munitions factory safe at home made in a day) was promptly taken from him to support his dependents, so that they would not become a charge upon his community. Then we made him pay what amounted to accident insurance – something the employer pays for in an enlightened state – and that cost him $6 a month. He had less than $9 a month left.
Then, the most crowning insolence of all – he was virtually blackjacked into paying for his own ammunition, clothing, and food by being made to buy Liberty Bonds. Most soldiers got no money at all on pay days.
We made them buy Liberty Bonds at $100 and then we bought them back – when they came back from the war and couldn't find work – at $84 and $86. And the soldiers bought about $2,000,000,000 worth of these bonds!
Yes, the soldier pays the greater part of the bill. His family pays too. They pay it in the same heart-break that he does. As he suffers, they suffer. At nights, as he lay in the trenches and watched shrapnel burst about him, they lay home in their beds and tossed sleeplessly – his father, his mother, his wife, his sisters, his brothers, his sons, and his daughters.
When he returned home minus an eye, or minus a leg or with his mind broken, they suffered too – as much as and even sometimes more than he. Yes, and they, too, contributed their dollars to the profits of the munitions makers and bankers and shipbuilders and the manufacturers and the speculators made. They, too, bought Liberty Bonds and contributed to the profit of the bankers after the Armistice in the hocus-pocus of manipulated Liberty Bond prices.
And even now the families of the wounded men and of the mentally broken and those who never were able to readjust themselves are still suffering and still paying.

How to smash this racket!

WELL, it's a racket, all right.
A few profit – and the many pay. But there is a way to stop it. You can't end it by disarmament conferences. You can't eliminate it by peace parleys at Geneva. Well-meaning but impractical groups can't wipe it out by resolutions. It can be smashed effectively only by taking the profit out of war.
The only way to smash this racket is to conscript capital and industry and labor before the nations manhood can be conscripted. One month before the Government can conscript the young men of the nation it must conscript capital and industry and labor. Let the officers and the directors and the high-powered executives of our armament factories and our munitions makers and our shipbuilders and our airplane builders and the manufacturers of all the other things that provide profit in war time as well as the bankers and the speculators, be conscripted to get $30 a month, the same wage as the lads in the trenches get.
Let the workers in these plants get the same wages – all the workers, all presidents, all executives, all directors, all managers, all bankers... yes, and all generals and all admirals and all officers and all politicians and all government office holders – everyone in the nation be restricted to a total monthly income not to exceed that paid to the soldier in the trenches!
Let all these kings and tycoons and masters of business and all those workers in industry and all our senators and governors and majors pay half of their monthly $30 wage to their families and pay war risk insurance and buy Liberty Bonds.
Why shouldn't they?
They aren't running any risk of being killed or of having their bodies mangled or their minds shattered. They aren't sleeping in muddy trenches. They aren't hungry. The soldiers are!
Give capital and industry and labor thirty days to think it over and you will find, by that time, there will be no war. That will smash the war racket – that and nothing else.
Maybe I am a little too optimistic. Capital still has some say. So capital won't permit the taking of the profit out of war until the people – those who do the suffering and still pay the price – make up their minds that those they elect to office shall do their bidding, and not that of the profiteers.
Another step necessary in this fight to smash the war racket is the limited plebiscite to determine whether a war should be declared. A plebiscite not of all the voters but merely of those who would be called upon to do the fighting and dying. There wouldn't be very much sense in having a 76-year-old president of a munitions factory or the flat-footed head of an international banking firm or the cross-eyed manager of a uniform manufacturing plant – all of whom see visions of tremendous profits in the event of war – voting on whether the nation should go to war or not. They never would be called upon to shoulder arms, to sleep in a trench and to be shot. Only those who would be called upon to risk their lives for their country should have the privilege of voting to determine whether the nation should go to war.
There is ample precedent for restricting the voting to those affected. Many of our states have restrictions on those permitted to vote. In most, it is necessary to be able to read and write before you may vote. In some, you must own property. It would be a simple matter each year for the men coming of military age to register in their communities as they did in the draft during the World War and be examined physically. Those who could pass and who would therefore be called upon to bear arms in the event of war would be eligible to vote in a limited plebiscite. They should be the ones to have the power to decide – and not a Congress few of whose members are within the age limit and fewer still of whom are in physical condition to bear arms. Only those who must suffer should have the right to vote.
A third step in this business of smashing the war racket is to make certain that our military forces are truly forces for defense only.
At each session of Congress the question of further naval appropriations comes up. The swivel-chair admirals of Washington (and there are always a lot of them) are very adroit lobbyists. And they are smart. They don't shout that "We need a lot of battleships to war on this nation or that nation." Oh no. First of all, they let it be known that America is menaced by a great naval power. Almost any day, these admirals will tell you, the great fleet of this supposed enemy will strike suddenly and annihilate 125,000,000 people. Just like that. Then they begin to cry for a larger navy. For what? To fight the enemy? Oh my, no. Oh, no. For defense purposes only.
Then, incidentally, they announce maneuvers in the Pacific. For defense. Uh, huh.
The Pacific is a great big ocean. We have a tremendous coastline on the Pacific. Will the maneuvers be off the coast, two or three hundred miles? Oh, no. The maneuvers will be two thousand, yes, perhaps even thirty-five hundred miles, off the coast.
The Japanese, a proud people, of course will be pleased beyond expression to see the united States fleet so close to Nippon's shores. Even as pleased as would be the residents of California were they to dimly discern through the morning mist, the Japanese fleet playing at war games off Los Angeles.
The ships of our navy, it can be seen, should be specifically limited, by law, to within 200 miles of our coastline. Had that been the law in 1898 the Maine would never have gone to Havana Harbor. She never would have been blown up. There would have been no war with Spain with its attendant loss of life. Two hundred miles is ample, in the opinion of experts, for defense purposes. Our nation cannot start an offensive war if its ships can't go further than 200 miles from the coastline. Planes might be permitted to go as far as 500 miles from the coast for purposes of reconnaissance. And the army should never leave the territorial limits of our nation.
To summarize: Three steps must be taken to smash the war racket.
We must take the profit out of war.
We must permit the youth of the land who would bear arms to decide whether or not there should be war.
We must limit our military forces to home defense purposes.

To Hell with War!

I am not a fool as to believe that war is a thing of the past. I know the people do not want war, but there is no use in saying we cannot be pushed into another war.
Looking back, Woodrow Wilson was re-elected president in 1916 on a platform that he had "kept us out of war" and on the implied promise that he would "keep us out of war." Yet, five months later he asked Congress to declare war on Germany.
In that five-month interval the people had not been asked whether they had changed their minds. The 4,000,000 young men who put on uniforms and marched or sailed away were not asked whether they wanted to go forth to suffer and die.
Then what caused our government to change its mind so suddenly?
Money.
An allied commission, it may be recalled, came over shortly before the war declaration and called on the President. The President summoned a group of advisers. The head of the commission spoke. Stripped of its diplomatic language, this is what he told the President and his group:
"There is no use kidding ourselves any longer. The cause of the allies is lost. We now owe you (American bankers, American munitions makers, American manufacturers, American speculators, American exporters) five or six billion dollars.
If we lose (and without the help of the United States we must lose) we, England, France and Italy, cannot pay back this money...and Germany won't.
So..."
Had secrecy been outlawed as far as war negotiations were concerned, and had the press been invited to be present at that conference, or had radio been available to broadcast the proceedings, America never would have entered the World War. But this conference, like all war discussions, was shrouded in utmost secrecy. When our boys were sent off to war they were told it was a "war to make the world safe for democracy" and a "war to end all wars."
Well, eighteen years after, the world has less of democracy than it had then. Besides, what business is it of ours whether Russia or Germany or England or France or Italy or Austria live under democracies or monarchies? Whether they are Fascists or Communists? Our problem is to preserve our own democracy.
And very little, if anything, has been accomplished to assure us that the World War was really the war to end all wars.
Yes, we have had disarmament conferences and limitations of arms conferences. They don't mean a thing. One has just failed; the results of another have been nullified. We send our professional soldiers and our sailors and our politicians and our diplomats to these conferences. And what happens?
The professional soldiers and sailors don't want to disarm. No admiral wants to be without a ship. No general wants to be without a command. Both mean men without jobs. They are not for disarmament. They cannot be for limitations of arms. And at all these conferences, lurking in the background but all-powerful, just the same, are the sinister agents of those who profit by war. They see to it that these conferences do not disarm or seriously limit armaments.
The chief aim of any power at any of these conferences has not been to achieve disarmament to prevent war but rather to get more armament for itself and less for any potential foe.
There is only one way to disarm with any semblance of practicability. That is for all nations to get together and scrap every ship, every gun, every rifle, every tank, every war plane. Even this, if it were possible, would not be enough.
The next war, according to experts, will be fought not with battleships, not by artillery, not with rifles and not with machine guns. It will be fought with deadly chemicals and gases.
Secretly each nation is studying and perfecting newer and ghastlier means of annihilating its foes wholesale. Yes, ships will continue to be built, for the shipbuilders must make their profits. And guns still will be manufactured and powder and rifles will be made, for the munitions makers must make their huge profits. And the soldiers, of course, must wear uniforms, for the manufacturer must make their war profits too.
But victory or defeat will be determined by the skill and ingenuity of our scientists.
If we put them to work making poison gas and more and more fiendish mechanical and explosive instruments of destruction, they will have no time for the constructive job of building greater prosperity for all peoples. By putting them to this useful job, we can all make more money out of peace than we can out of war – even the munitions makers.
So...I say,TO HELL WITH WAR!!!

General USMC Smedley D. Butler


La guerra è un racket.

Lo è sempre stato. E' forse il più vecchio, il più facilmente proficuo, certamente il più vizioso. È il solo e unico ad avere uno scopo internazionale. È il solo e unico nel quale i profitti sono calcolati in dollari e le perdite in vite.
Un racket è meglio descritto, credo, come qualche cosa che non è quello che sembra alla maggioranza delle persone. Solamente un piccolo gruppo "introdotto" sa di cosa si tratta. Viene condotta per il beneficio dei pochi, a scapito dei tanti. Fuori dalla guerra poche persone fanno fortune enormi.
Nella Prima Guerra Mondiale una gruppo ristretto, una manciata di persone, ha raccolto i profitti del conflitto. Almeno 21.000 nuovi milionari e miliardari sono venuti fuori negli Stati Uniti durante la Guerra Mondiale. Molti ammisero i loro enormi guadagni insanguinati nelle loro dichiarazioni dei redditi. Quanti altri milionari di guerra hanno falsificato le loro dichiarazioni delle tasse nessuno può saperlo.
Quanti di questi milionari di guerra ha imbracciato un fucile? Quanti di loro scavò una trincea? Quanti di loro seppe quello che volle dire stare affamato in una trincea infestata di ratti? Quanti di loro hanno passato insonni, notti spaventate ed esauste, schivando granate, schegge e pallottole di mitragliatrice? Quanti di loro parò un colpo di baionetta del nemico? Quanti di loro furono feriti o uccisi in battaglia?
Fuori delle nazioni la guerra acquisisce ulteriore territorio, se esse riescono vittoriose. E' un prendi e porta via. Questo territorio di nuova acquisizione è prontamente sfruttato dai pochi - gli stessi pochi che hanno tirato fuori dollari insanguinati dalla guerra. Lasciando sulle spalle pubbliche e generali il conto.
E qual è questo conto?
Questo conto porta una contabilità orribile. Lapidi appena messe. Corpi lacerati. Menti fracassate. Cuori e case distrutti. Instabilità economica. Depressione e tutti i disagi che l'accompagnano. Tassazione dura per generazioni e generazioni.
Per molti anni, come soldato, ho avuto il sospetto che la guerra fosse un racket; ma non me ne sono reso pienamente conto finché non mi sono ritirato a vita civile. Ora che vedo addensarsi le nubi di guerra internazionali, come adesso sta accadendo, devo farmi avanti e parlare. [...]

Si vada in guerra - una guerra che ci potrebbe costare decine di miliardi di dollari, centinaia di migliaia di vite di americani, e molte altre centinaia di migliaia di mutilati e mentalmente squilibrati.
Naturalmente, per questa perdita, ci sarebbe un guadagno di compensazione - delle fortune verrebbero fatte. Milioni e miliardi di dollari sarebbero ammucchiati. Da pochi. Produttori di munizioni. Banchieri. Costruttori di navi. Industriali. Produttori di carne in scatola. Speculatori. Loro ci andrebbero bene.
Sì, essi si stanno preparando per un'altra guerra. Perché non dovrebbero? Paga dividendi elevati.
Ma che vantaggio ne traggono gli uomini che vengono uccisi? Che giovamento le loro madri e sorelle, le loro mogli e fidanzate? Che giovamento i loro figli?
Che profitto ne ricava chiunque, se non quei pochi fortunati per i quali la guerra significa enormi profitti?
Sì, e che vantaggio ne ricava la nazione?
Fino al 1898 non possedevamo alcun territorio fuori del continente nord-americano. A quel tempo il nostro debito nazionale era poco meno di un miliardo di dollari. Poi acquisimmo “la mentalità internazionale".
Abbiamo dimenticato o messo da parte, il consiglio del Padre fondatore del nostro paese. Ci siamo dimenticati dell'avvertimento di George Washington sulle "alleanze impiglianti". Siamo andati in guerra. Abbiamo acquisito territori esterni. Alla fine del periodo della prima guerra mondiale, come conseguenza diretta del nostro gingillarci con gli affari internazionali, il nostro debito nazionale era esploso ad oltre 25.000.000.000 di dollari. Il nostro saldo commerciale attivo durante un periodo di 25 anni era di circa 24.000.000.000 di dollari. Conseguentemente, su una pura base contabile, anno dopo anno abbiamo perso qualcosa, e comunque quel commercio estero sarebbe stato nostro anche senza le guerre.
Sarebbe stato molto più economico (per non dire sicuro) per l'americano medio che ne paga le spese stare fuori dai coinvolgimenti stranieri. Per pochissimi questo racket, come il contrabbando di liquori e gli altri racket della malavita, porta profitti fantastici, ma il costo delle operazioni viene sempre trasferito al popolo - che non ne ricava profitto.

Chi fa i profitti?

La prima guerra mondiale, nonostante la nostra breve partecipazione, è costata agli Stati Uniti circa 52.000.000.000 di dollari. Per capirci. Ciò significa 400 dollari per ogni americano, donna e bambino. E non abbiamo ancora pagato il debito. Lo stiamo pagando, lo pagheranno i nostri figli, e i figli dei nostri figli staranno probabilmente ancora pagando il costo di questa guerra.
I profitti normali nel giro d'affari degli Stati Uniti sono il sei, otto, dieci, e, talvolta, dodici percento. Ma con la guerra - tempo di profitti - Ah! questa è tutta un'altra questione - il venti, sessanta, cento, trecento, e anche ottocento percento - il cielo è il limite. Tutto quello che potrà portare il traffico. Zio Sam ha i soldi. Facciamola.
Naturalmente, tutto questo non è ammesso così crudamente in tempo di guerra. E rivestito da discorsi di patriottismo, amor di patria, e "dobbiamo mettere tutte le nostre braccia alla ruota", ma i profitti balzano e vanno alle stelle - e sono sicuro in tasca. Facciamo solo qualche esempio:
Prendete i nostri amici du Ponts, le persone della chimica - non ha uno di loro testimoniato di recente davanti ad una commissione del Senato che la chimica ha vinto la guerra? O salvato il mondo per la democrazia? O qualcosa del genere? Cosa hanno fatto in guerra? Erano una società patriottica. Beh, il profitto medio dei du Ponts per il periodo 1910-1914 erano 6.000.000 di dollari l'anno. Non era molto, ma la du Ponts è riuscita ad andare avanti lo stesso. Ora diamo un'occhiata al loro profitto medio annuo negli anni della guerra, dal 1914 al 1918. Troviamo cinquantotto milioni di dollari di utile annuo! Quasi dieci volte superiore a quello dei tempi normali, e gli utili dei tempi normali sono stati abbastanza buoni. Un aumento dei profitti di oltre il 950 percento.
Prendete una delle nostre piccole imprese siderurgiche che hanno patriotticamente messo da parte la realizzazione di rotaie e travi e ponti per la fabbricazione di materiale bellico. Bene, il loro profitto annuo nel periodo 1910-1914 era in media di 6.000.000 di dollari. Poi venne la guerra. E, come cittadini leali, la Bethlehem Steel si dedicò prontamente alle munizioni da fare. Hanno visto saltare i loro profitti - o l'hanno fatto solo per lo zio Sam e non per affari? Bene, la loro media nel periodo 1914-1918 è stata di 49.000.000 di dollari l'anno!
Oppure, prendiamo la United States Steel. I guadagni normali durante il periodo di cinque anni prima della guerra erano di 105.000.000 di dollari l'anno. Non male. Poi arrivò la guerra e salirono i profitti. Il profitto medio annuo per il periodo 1914-1918 è stato di 240.000.000 di dollari. Niente male.
Voi avete qualcosa dei guadagni dell'acciaio e della chimica? Diamo un'occhiata a qualcosa d'altro. Un po' di rame, forse. Che fa sempre bene in tempi di guerra.
Anaconda, per esempio. Il profitto medio annuale durante gli anni di pre-guerra 1910-1914 era di 10.000.000 di dollari. Durante gli anni della guerra 1914-1918 il profitto balzò a 34.000.000 di dollari all'anno.
O la Utah Copper. Profitto medio di 5.000.000 di dollari l'anno nel periodo 1910-1914. Saltò a una media di 21.000.000 di profitti annuali per il periodo di guerra.
Raggruppiamo questi cinque, con tre imprese più piccole. L'importo annuo dei profitti medi del periodo pre-bellico 1910-1914 sono stati 137.480.000 di dollari. Poi arrivò la guerra. La media annua degli utili per questo gruppo è salito a 408.300.000 di dollari.
Un piccolo incremento nei profitti di circa il 200 percento.
Paga la guerra? Ha pagato loro. Ma non sono gli unici. Ci sono ancora altri. Prendiamo in esame la pelle.
Per il periodo di tre anni prima della guerra i profitti totali della Central Leather Company erano 3.500.000 dollari. Che sarebbe approssimativamente di circa 1.167.000 dollari l'anno. Ebbene, nel 1916, Central Leather Company registrò un utile di 15.000.000 di dollari, un piccolo aumento del 1.100 percento. Ho detto tutto. La General Chemical Company aveva in media un utile nei tre anni prima della guerra di poco più di 800.000 dollari l'anno. Venne la guerra, e gli utili salirono a 12.000.000 di dollari. Un salto del 1.400 percento.
International Nickel Company - e non si può avere una guerra senza nichel - ha mostrato un aumento dei profitti da una media ordinaria di 4.000.000 l'anno a 73.000.000 di dollari l'anno. Non male? Un aumento di oltre il 1.700 percento.
American Sugar Refining Company media di 2.000.000 di dollari l'anno per tre anni prima della guerra. Nel 1916 è stato registrato un utile di 6.000.000 di dollari.
Si prenda in esame il Documento del Senato n. 259. Sessantacinquesimo Congresso, rapporto sui profitti societari e le entrate del governo. Consideriamo gli utili di 122 industrie di viveri in scatola, 153 produttori di cotone, 299 imprese di confezionamento, 49 impianti siderurgici e 340 produttori di carbone durante la guerra. Gli utili sotto il 25 percento sono stati un'eccezione. Per esempio le società del carbone realizzarono incrementi tra il 100 percento e 7.856 percento sui loro stock di capitale durante la guerra. Gli imballatori di Chicago hanno raddoppiato e triplicato i loro guadagni.
E non dimentichiamo i banchieri che hanno finanziato la grande guerra. Se qualcuno ha avuto la crema degli utili quelli sono stati i banchieri. Poiché sono associazioni piuttosto che società soggette a registrazione, non devono riferire agli azionisti. E i loro profitti sono stati segreti quanto immensi. Come i banchieri hanno fatto i loro milioni e miliardi non lo so, perché fa parte di quei piccoli segreti che non diventano mai di dominio pubblico - anche dinanzi a un organo di indagine del Senato.
Ma ecco come alcuni degli altri patriottici industriali e speculatori hanno cesellato la loro strada verso i profitti di guerra.
Prendete quelli delle scarpe. A loro piace la guerra. Essa porta affari con profitti fuori dal normale. Hanno fatto enormi profitti sulle vendite all'estero per i nostri alleati. Come i produttori di munizioni e i responsabili degli armamenti, loro hanno forse venduto anche al nemico. Perché un dollaro è un dollaro, venga dalla Germania o dalla Francia. Ma hanno fatto buoni affari anche con lo Zio Sam. Per esempio, hanno venduto allo zio Sam 35.000.000 di paia di scarpe da guerra chiodate. Ci sono stati 4.000.000 soldati. Otto paia, e più, per ogni soldato. Il mio reggimento durante la guerra ne aveva solo un paio per ogni soldato. Alcune di queste scarpe, probabilmente sono ancora in vita. Erano buone scarpe. Ma quando la guerra era finita Zio Sam si ritrovò col problema di 25.000.000 di paia avanzanti. Comprate - e pagate. Profitti registrati e intascati.
C'era anche un sacco di pelle d'avanzo. Così quelli della pelle hanno venduto allo Zio Sam centinaia di migliaia di selle McClellan per la cavalleria. Ma non c'era alcuna cavalleria americana d'oltremare! Qualcuno doveva liberarsi di questa pelle, però. Qualcuno doveva fare un profitto con essa - così abbiamo avuto un sacco di selle McClellan. E probabilmente le abbiamo ancora.
Qualcuno aveva anche un sacco di zanzariere. Hanno venduto al vostro Zio Sam 20.000.000 di zanzariere per l'utilizzo da parte dei soldati d'oltremare. Suppongo che i ragazzi fossero in attesa di metterle su di loro, appena hanno cercato di dormire nelle trincee fangose - una mano a grattasi i pidocchi sulle schiene e l'altra a cercare di afferrare i ratti che corrono. Beh, non una di queste zanzariere è mai stata utile in Francia!
Comunque, questi produttori premurosi hanno voluto assicurarsi che nessun soldato sarebbe rimasto senza la sua zanzariera, così 40.000.000 metri di zanzariere supplementari sono state vendute allo Zio Sam.
Ci sono stati profitti abbastanza buoni con le zanzariere in quei giorni, anche se non c'erano le zanzare in Francia. Suppongo che, se la guerra fosse durata solo un po' di più, gli intraprendenti produttori di zanzariere avrebbe venduto al vostro Zio Sam anche un paio di partite di zanzare da introdurre in Francia di modo che sarebbero state necessarie più zanzariere.
I costruttori di motori d'aereo hanno ritenuto, anche loro, di dover ottenere il loro buon profitto da questa guerra. Perché no? Tutti gli altri stavano facendo il proprio. Così 1.000.000.000 di dollari - provate a contarli, se vivete abbastanza a lungo - è stato speso dallo zio Sam nella costruzione di motori d'aereo che non hanno mai lasciato la terra! Non un aereo, o motore, del miliardo di dollari ordinato, ha mai preso parte a una battaglia in Francia. Ma i produttori hanno ottenuto lo stesso il loro scarso margine di profitto del 30, 100 o forse 300 percento.
Canottiere per i soldati del costo di fabbrica di 14 centesimi e per i quali lo zio Sam ha pagato 30, 40 centesimi l'uno - un bel po' di profitto per il produttore di canottiere. E il produttore di calze e il produttore di uniformi e il produttore dei berretti e i fabbricanti di elmetti d'acciaio - tutti hanno avuto la loro parte.
Perché, quando la guerra era finita qualcosa come 4.000.000 di set di attrezzature - zaini e tutte le cose che vanno a riempirli - erano stipati nei magazzini all'ingrosso. Ora sono in corso di dismissione, perché i regolamenti hanno cambiato i contenuti in dotazione. Ma i produttori hanno ricavato su di essi i loro profitti di guerra - e lo faranno ancora la prossima volta.
C'erano un sacco di idee brillanti a scopo di lucro, durante la guerra.
Un patriota molto versatile ha venduto allo Zio Sam dodici dozzine di chiavi da 48 pollici. Oh, erano chiavi molto belle. L'unico problema era che non c'era un solo dado che fosse abbastanza grande per queste chiavi. Ché sarebbe come quello che si trova nelle turbine idroelettriche delle Niagara Falls. Bene, dopo che lo Zio Sam le aveva comprate e il costruttore aveva intascato i profitti, le chiavi sono state messe in vagoni merci e spedite in tutti gli Stati Uniti nel tentativo di trovare un modo di utilizzarle. Quando fu firmato l'armistizio è stato davvero un brutto colpo per il costruttore chiavi. Era sul punto di fabbricare dadi che si adattassero alle chiavi. Poi prevedeva di vendere anch'essi allo zio Sam.
Un altro ancora ha avuto la brillante idea che i colonnelli non dovessero andare in auto, e neanche andare a cavallo. Qualcuno ha probabilmente visto una foto di Andy Jackson alla guida in un calesse. Ebbene, circa 6.000 buckboards sono stati venduti allo zio Sam per l'uso dei colonnelli! Nessuno di essi è stato utilizzato. Ma il costruttore di calessi ha ottenuto il suo bel profitto di guerra.
I costruttori navali hanno ritenuto opportuno avere anche loro qualcosa, purtroppo. Hanno costruito un sacco di navi che hanno prodotto un sacco di profitto. Per un valore di più di 3.000.000.000 di dollari. Alcune delle navi erano a posto. Ma alcune di esse, per un valore di 635.000.000 di dollari, erano di legno e non galleggiavano! Le linee di giuntura non erano chiuse - e affondarono. Anche per esse abbiamo pagato, però. E qualcuno ha intascato i profitti.
E' stato stimato da statistici, economisti e ricercatori che la guerra è costata al nostro zio Sam 52.000.000.000 di dollari. Di questa somma, 39.000.000.000 sono stati spesi nella guerra vera e propria. Questa spesa produsse 16.000.000.000 di dollari di profitti. Questo è il modo in cui sono venuti fuori 21.000 miliardari e milionari. Questo profitto da 16.000.000.000 di dollari non è da buttar via. È piuttosto una bella sommetta. Ed è andata a pochissimi.
La commissione d'inchiesta del Senato sugli armamenti e i profitti di guerra (Nye), nonostante le sue rivelazioni sensazionali, ha appena scalfito la superficie.
Anche così, ha avuto qualche effetto. Il Dipartimento di Stato sta studiando metodi per tenerci "per qualche tempo" fuori dalla guerra. Il Dipartimento della Guerra decide però improvvisamente che ha un piano meraviglioso per la primavera. L'Amministrazione nomina un comitato - con i dipartimenti della Guerra e della Marina militare abilmente rappresentati sotto la presidenza di uno speculatore di Wall Street - per limitare i profitti in tempo di guerra. In che misura non potrà non esserne influenzato. Hmm. Forse gli utili del 300 e 600 e 1.600 percento di coloro che hanno trasformato il sangue in oro nella prima guerra mondiale verrebbe limitato a qualche misura più piccola.
A quanto pare, però, il piano non richiede alcuna limitazione delle perdite - ovvero, le perdite di quanti lottano contro la guerra. Per quanto ho potuto constatare non vi è nulla sul modo di evitare ad un soldato la perdita di un occhio, o di un braccio, o di limitare le sue ferite a una o due o tre. O per contenere la perdita di vite umane.
Non c'è nulla in questo piano, a quanto pare, che dica non oltre il 12 percento di un reggimento sia ferito in battaglia, o che non più del 7 percento in una divisione debba essere abbattuto.
Naturalmente, la commissione non può perdere tempo con queste cose insignificanti.

Chi paga i conti?

Chi fornisce i profitti - questo bel po' di profitti del 20, 100, 300, 1.500 e 1.800 percento? Li paghiamo noi tutti - in tasse. Abbiamo pagato ai banchieri i loro profitti, quando abbiamo comprato Liberty Bonds a 100,00 dollari e li rivendevamo a 84 o 86 dollari ai banchieri. Questi banchieri hanno incassato 100 dollari e più. E' stata una semplice speculazione. I banchieri hanno il controllo della sicurezza dei mercati. E' stato facile per loro deprimere il prezzo di tali obbligazioni. Quindi tutti noi - la gente - si è spaventata e ha venduto le obbligazioni a 84 o 86 dollari. I banchieri hanno comprato. A questo punto gli stessi banchieri hanno stimolato un boom e i titoli di Stato sono andati in pari - e al di sopra. Quindi i banchieri hanno raccolto i loro profitti.
Ma il soldato paga la maggior parte del conto.
Se non ci credete, visitate i cimiteri americani sui campi di battaglia all'estero. Oppure visitate uno qualsiasi degli ospedali per veterani negli Stati Uniti. Girando per il paese, in cui mi trovo al momento in cui scrivo, ho visitato diciotto ospedali pubblici per i veterani. In essi ci sono un totale di circa 50.000 invalidi - uomini che diciotto anni fa erano il fiore della nazione. Un chirurgo molto competente, primario presso l'ospedale governativo, a Milwaukee, dove ci sono 3.800 morti viventi, mi ha detto che la mortalità tra i veterani è tre volte più elevata di coloro che sono rimasti a casa.
Ragazzi con un punto di vista normale sono stati portati via dai campi e dagli uffici e dalle fabbriche e dalle aule e messe in fila. Sono stati addestrati, sono stati preparati, gli è stato insegnato a fare il "Dietro Front", a considerare l'omicidio come l'ordine del giorno. Sono stati messi spalla a spalla e, attraverso la psicologia di massa, sono stati completamente cambiati. Li abbiamo usati per un paio d'anni e li abbiamo addestrati a pensare a nient'altro che uccidere o essere uccisi.
Poi, all'improvviso, li abbiamo congedati e detto loro di fare un altro "Dietro Front"! Questa volta hanno dovuto affrontare il loro riadattamento da soli, senza psicologia di massa, senza l'aiuto e il consiglio di ufficiali e senza nazione a livello di propaganda. Non abbiamo più bisogno di loro. Così ci siamo sbarazzati di loro senza nemmeno "tre minuti" o "Liberty Loan", discorsi o sfilate. Molti, troppi, di questi bravi giovani ragazzi si sono poi distrutti, mentalmente, perché non potevano fare quel "dietro front" da soli.
Nell'ospedale governativo di Marion, Indiana, 1.800 di questi ragazzi sono in gabbia! Cinquecento di loro sono in una caserma, con sbarre d'acciaio e recinzioni di filo spinato tutt'intorno agli edifici e lungo i portici. Questi sono già stati mentalmente distrutti. Questi ragazzi non sembrano nemmeno più degli esseri umani. Oh, gli sguardi sui loro volti! Fisicamente, sono in buona forma, mentalmente, se ne sono andati.
Ci sono migliaia e migliaia di questi casi, e sempre più ne stanno arrivando col tempo. L'eccitazione tremenda della guerra, l'improvviso taglio di tale entusiasmo - quei giovani ragazzi non hanno potuto sopportarlo.
Questa è solo una parte del conto. Tanto per i morti - che hanno pagato la loro parte dei profitti di guerra. Tanto per i feriti mentalmente e fisicamente - che stanno pagando oggi la loro quota di profitti di guerra. Ma anche gli altri hanno pagato, molto - hanno pagato con i crepacuori quando li hanno strappati via dai loro focolari e dalle loro famiglie per indossare la divisa dello Zio Sam - su di loro è stato fatto un profitto. Hanno pagato un'altra parte nei campi di esercitazione in cui sono stati irreggimentati e addestrati, mentre altri hanno preso i loro posti di lavoro e il loro posto nella vita delle loro comunità. Pagato per loro nella trincea in cui hanno sparato e sono stati sparati, in cui avevano fame per giorni interminabili, dove dormivano nel fango, nel freddo e sotto la pioggia - con i lamenti e le grida dei morenti per orribile ninna nanna.
Ma non dimentichiamolo - il soldato è anche pagato con una parte dei dollari e centesimi di quel conto.
Prima, fino alla guerra ispano-americana compresa, abbiamo avuto un sistema di retribuzione, e i soldati e marinai hanno combattuto per denaro. Durante la Guerra Civile furono loro pagati dei premi, in molti casi, prima di andare in servizio. Il governo, o gli Stati, hanno pagato fino 1.200 dollari per un ingaggio. Nella guerra ispano-americana hanno dato premi in denaro. Quando abbiamo catturato le navi, i soldati hanno ottenuto tutti la loro parte - almeno, avrebbero dovuto. Poi si trovò che si sarebbe potuto ridurre il costo delle guerre prendendo tutte le retribuzioni in denaro e trattenendole, ma coscrivendo il soldato comunque. Allora i soldati non poterono più contrattare per il loro lavoro. Tutti gli altri potevano contrattare, ma il soldato non poteva.
Napoleone una volta disse:
"Tutti gli uomini sono innamorati di decorazioni ... hanno decisamente una fame di esse".
Quindi facendo in modo di sviluppare il sistema napoleonico - l'affare delle medaglie - il governo ha imparato che avrebbe potuto ottenere i soldati per meno soldi, perché ai ragazzi piaceva essere decorati. Fino alla guerra civile non c'erano medaglie. Poi la Medaglia d'Onore del Congresso è stata distribuita. E' servita a rendere gli arruolamenti più facili. Dopo la guerra civile nessuna medaglia è stata assegnata fino alla guerra ispano-americana.
Nella prima guerra mondiale, abbiamo usato la propaganda per rendere ai ragazzi accettabile la coscrizione. Si è loro indotto un senso di vergogna se non si fossero arruolati nell'esercito.
Così priva di scrupoli era questa propaganda di guerra che anche Dio è stato trascinato in essa. Con poche eccezioni, i nostri preti hanno aderito al clamore per uccidere, uccidere, uccidere. Uccidere i tedeschi. Dio è dalla nostra parte... è sua volontà che i tedeschi siano uccisi.
E in Germania, i buoni pastori fecero appello ai tedeschi per uccidere gli alleati... e compiacere lo stesso Dio. Questo faceva parte della propaganda generale, messa su allo scopo di mandare le persone consapevoli in guerra e renderli dei volontari assassini.
Bellissimi ideali furono dipinti per i nostri ragazzi che sono stati inviati a morire. Questa è stata la "guerra per porre fine a tutte le guerre." Questa è stata la guerra "per rendere il mondo sicuro per la democrazia." Nessuno disse loro, mentre andavano via marciando, che la loro partenza e la loro morte avrebbero voluto dire enormi profitti di guerra. Nessuno ha detto a questi soldati americani che avrebbero potuto essere abbattuti dai proiettili fatti da loro stessi fratelli qui. Nessuno ha detto loro che la nave su cui stavano per compiere la traversata avrebbe potuto essere silurata da sottomarini costruiti con il brevetto degli Stati Uniti. Erano stato detto loro solo che doveva essere "un'avventura gloriosa".
Così, dopo avergli riempito la gola di Patriottismo, si è deciso di farli contribuire a pagare per la guerra, per giunta. Così, abbiamo dato loro il grande salario di 30 dollari al mese.
Tutto quello che avevano da fare per questa munifica somma era quello di lasciare i loro cari alle spalle, abbandonare il posto di lavoro, ritrovarsi nelle trincee paludose, mangiare Willy in scatola (quando riuscivano a farlo) e uccidere e uccidere e uccidere ... ed essere uccisi.
Ma aspettate!
Metà di quel salario (poco più del costo di una rivettatrice in un cantiere navale o di quanto un operaio in una fabbrica di munizioni al sicuro a casa guadagna in un giorno) gli è stato prontamente preso per sostenere i costi del suo mantenimento, in modo che non sarebbe diventato un addebito gravante sulla sua comunità. Poi gli abbiamo fatto pagare le spese per l'assicurazione contro gli infortuni - qualcosa che il datore di lavoro paga in uno stato illuminato - e che a lui è costato 6 dollari al mese. Alla fine gli restavano meno di 9 dollari al mese.
Poi, in più l'insolenza a coronamento di tutto - era praticamente il blackjacked a pagare per le sue proprie munizioni, l'abbigliamento e i prodotti alimentari e il tutto per acquistare i Liberty Bonds. La maggior parte dei soldati non trovò soldi per tutti i giorni di retribuzione.
Gli abbiamo fatto comprare Liberty Bonds a 100 dollari e poi li abbiamo ricomprati - quando sono tornati dalla guerra e non potevano trovare un lavoro - a 84 e 86 dollari. E i soldati hanno acquistato queste obbligazioni per un valore di circa 2.000.000.000 di dollari!
Sì, il soldato paga la maggior parte del conto. La sua famiglia paga per giunta. Pagano con lo stesso crepacuore che ha lui. Come soffre lui, soffrono loro. Di notte, mentre giaceva in trincea e guardava lo scoppio delle granate attorno a lui, quanti erano a casa a giacere nei propri letti rimasero insonni - suo padre, sua madre, sua moglie, sorelle, fratelli, i suoi figli, e le sue figlie.
Quando tornò a casa con un occhio in meno, o senza una gamba o con la mente sconvolta, hanno sofferto ancora - quanto e talvolta anche più di lui. Sì, e anch'essi hanno offerto il loro contribuito con i loro dollari ai profitti dei produttori di munizioni e a banchieri e costruttori navali, a quanti hanno fabbricato e speculato. Anche loro hanno acquistato Liberty Bonds e anche loro hanno contribuito al profitto dei banchieri dopo l'armistizio, con l'imbroglio sui prezzi dei Liberty Bond manipolati.
E anche adesso le famiglie dei feriti e degli instabili mentali e di quelli che non sono mai stati in grado di riadattarsi alla vita civile sono ancora in sofferenza e continuano a pagare.

Come rompere questo racket!

Beh, è un racket, a tutti gli effetti.
Alcuni ci guadagnano - e in molti pagano. Ma c'è un modo per fermarlo. Non è possibile porvi fine con le conferenze sul disarmo. Non si può eliminare mediante le conferenze di pace a Ginevra. Gruppi ben intenzionati, ma poco pratici, non possono cancellarlo con le risoluzioni. Può essere distrutto in modo efficace solo privando la guerra del suo profitto.
L'unico modo per rompere questo racket è arruolare il capitale e l'industria e il lavoro prima che la virilità delle nazioni possa essere arruolata. Un mese prima che il governo possa arruolare i giovani della nazione dev'essere coscritto di capitale e l'industria e il lavoro. Fate in modo che i funzionari e gli amministratori e gli alti dirigenti delle nostre potenti fabbriche di armamenti e i nostri produttori di munizioni e i nostri costruttori navali e i nostri costruttori di aerei e i costruttori di tutte le altre cose che offrono scopo di lucro in tempo di guerra, nonché i banchieri e gli speculatori, vengano arruolati per ottenere 30 dollari al mese, lo stesso salario dei ragazzi nelle trincee.
Lasciate che quanti lavorano a questo progetto ottengano lo stesso salario - tutti i produttori, tutti i presidenti, tutti i dirigenti, tutti gli amministratori, tutti i gestori, tutte le banche... sì, e tutti i generali e tutti gli ammiragli e tutti gli ufficiali e tutti i politici e tutti i titolari di cariche di governo - tutti i membri della nazione dovranno essere limitati a un reddito mensile totale non superiore a quello pagato per il soldato in trincea!
Lasciate che tutti questi re e magnati e tycoons del business e tutti gli imprenditori dell'industria e tutti i nostri senatori e governatori e le major paghino la metà del loro stipendio mensile di 30 dollari per le loro famiglie e per pagare l'assicurazione contro i rischi di guerra e acquistare Liberty Bond.
Perché non dovrebbero?
Essi non affrontano alcun rischio di venire uccisi o di avere i loro corpi straziati o le loro menti in frantumi. Essi non dormono nelle trincee fangose. Essi non hanno fame. I soldati lo fanno!
Date al capitale e all'industria e al lavoro trenta giorni per pensarci su e troverete che, da quel momento, non ci sarà nessuna guerra. Questo può rompere il racket della guerra - questo e nient'altro.
Forse sono un po' troppo ottimista. Sul capitale c'è ancora qualcosa da dire. Così al capitale non verrà permessa l'acquisizione di profitti dalla guerra fino a quando la gente - quelli che patiscono la sofferenza e comunque pagano il prezzo - non si mettano d'accordo, affinché a coloro che svolgono il loro mandato venga offerta la decisione, e non a dei profittatori .
Un altro passo necessario in questa lotta per rompere il racket della guerra è il plebiscito volto a determinare se una guerra debba essere dichiarata. Un plebiscito non di tutti gli elettori, ma solo di coloro che sarebbero chiamati a combattere e morire.
Non ci sarebbe moltissimo senso se infatti il 76enne presidente di una fabbrica di munizioni o uno coi piedi piatti a capo di una società internazionale di servizi bancari o lo strabico gestore di un impianto di confezionamento di uniformi - i quali hanno tutti visioni di enormi profitti in caso di guerra - avessero diritto di voto sulla questione se la nazione debba o no andare in guerra. Non sarebbero mai chiamati ad assumere le armi, a dormire in una trincea e ad essere sparati. Solo coloro che saranno chiamati a mettere a rischio la loro vita per il proprio paese dovrebbero avere il privilegio di voto per determinare se la nazione debba andare in guerra.
C'è un precedente ampio per limitare le votazioni alle sole persone che ne verrebbero colpite. Molti dei nostri Stati hanno restrizioni sulle persone autorizzate a votare. Nella maggior parte, è necessario essere in grado di leggere e scrivere prima di poter votare. In alcuni, è necessario possedere proprietà. Si ridurrebbe tutto alla semplice questione di provvedere ogni anno per gli uomini, al raggiungimento della maggiore età militare, la registrazione nelle loro comunità, come hanno fatto per l'arruolamento durante la prima guerra mondiale, ed essere dichiari fisicamente abili. Coloro che dovessero passare l'esame, e che verrebbero quindi chiamati a portare le armi in caso di guerra, potrebbero essere ammessi a votare in un referendum limitato. Essi dovrebbero essere quelli che hanno il potere di decidere - e sono ben pochi i membri del Congresso che rientrano nel limite di età e meno ancora quelli che sono in condizioni fisiche da portare armi. Solo coloro che devono subire, dovrebbero avere il diritto di voto.
Un terzo passo in questa attività di rompere il racket della guerra è quello di fare in modo sia certo che le nostre forze militari siano davvero forze di sola difesa.
Ad ogni sessione del Congresso si ripropone la questione di ulteriori stanziamenti per la marina. Gli ammiragli sulle poltrone girevoli di Washington (e ci sono sempre un sacco di loro) sono un gruppo di pressione molto abile. E sono intelligenti. Non gridano che "Abbiamo bisogno di un sacco di navi da guerra per fare la guerra a questa nazione, o quella nazione." Oh no. Prima di tutto, hanno fatto sapere che l'America è minacciata da una grande potenza navale. Quasi ogni giorno, questi ammiragli vi diranno, la grande flotta di questo presunto nemico colpirà improvvisamente e annienterà 125.000.000 di persone. Proprio così. Poi cominciano a piangere per una flotta più grande. Per che cosa? Per combattere il nemico? Oh mio caro, no. Oh, no. A fini unicamente di difesa.
Poi, incidentalmente, annunciano manovre nel Pacifico. Per scopi difensivi. Uh, huh.
Il Pacifico è un grande e vasto oceano. Abbiamo un'enorme costa lungo il Pacifico. Le manovre saranno al largo della costa, due o trecento miglia? Oh, no. Le manovre saranno duemila, sì, forse anche tremilacinquecento miglia, al largo della costa.
I giapponesi, un popolo fiero, naturalmente saranno oltremodo lieti di vedere la flotta degli Stati Uniti così vicino alle spiagge del Giappone. Come anche farebbe piacere ai residenti della California riuscire vagamente a discernere, attraverso la nebbia del mattino, la flotta giapponese fare i giochi di guerra al largo di Los Angeles.
Le navi della nostra marina da guerra, come si può vedere, devono essere espressamente limitate, per legge, entro le 200 miglia dalle nostre coste. Se questa fosse stata la legge nel 1898, il Maine non sarebbe mai andato nel porto di L'Avana. Non sarebbe mai stato fatto saltare in aria. Non ci sarebbe stata nessuna guerra con la Spagna, con la sua conseguente perdita di vite. Duecento miglia è un ampio margine, secondo il parere degli esperti, a scopo difensivo. La nostra nazione non può iniziare una guerra offensiva se le sue navi non possono andare oltre le 200 miglia dalla costa. Agli aerei potrebbe essere consentito di arrivare fino a 500 miglia dalla costa per scopi di ricognizione. E l'esercito non dovrebbe mai lasciare i limiti territoriali della nostra nazione.
Per riassumere: devono essere adottati questi tre provvedimenti per spezzare il racket della guerra.
Dobbiamo prendere il profitto della guerra.
Dobbiamo permettere ai giovani del territorio che dovrebbero imbracciare le armi di decidere se ci dovrebbe essere o no la guerra.
Dobbiamo limitare le nostre forze militari ai soli scopi di difesa del territorio nazionale.

All'inferno la guerra!

Non sono tanto sciocco da credere che la guerra sia un ricordo del passato. So che la gente non vuole la guerra, ma non vi è alcuna utilità nel dire che non può essere spinta in un'altra guerra.
Guardando indietro, Woodrow Wilson è stato rieletto presidente nel 1916 su una piattaforma che aveva come slogan "ci ha tenuti fuori dalla guerra" e con la promessa implicita che ci avrebbe "tenuti fuori dalla guerra". Eppure, cinque mesi dopo, ha chiesto al Congresso di dichiarare guerra alla Germania.
In tale intervallo di cinque mesi alla gente non era stato chiesto se avessero cambiato idea. Ai 4.000.000 di giovani che hanno indossato l'uniforme e hanno marciato o salpato non è stato chiesto se volevano andare a soffrire e a morire.
Allora cosa ha indotto il nostro governo a cambiare idea così all'improvviso?
Soldi.
Una Commissione alleata, può essere utile ricordare, arrivò poco prima della dichiarazione di guerra e chiese un colloquio col Presidente. Il presidente convocò un gruppo di consiglieri. Il capo della commissione ha parlato. Spogliato del suo linguaggio diplomatico, questo è quello che ha detto al presidente e al suo gruppo:
"Non serve a nulla che stiamo qui a prenderci in giro. La causa degli alleati è persa. Noi ora dobbiamo (ai banchieri americani, ai produttori americani di munizioni, ai fabbricanti americani, agli speculatori americani, agli esportatori americani), cinque o sei miliardi di dollari.
Se noi si perde
(e senza l'aiuto degli Stati Uniti ci dobbiamo arrendere) noi, Inghilterra, Francia e Italia, non potremo restituire questi soldi ... e la Germania non lo farà.
Quindi ...
"
Se fosse stato rimosso il segreto per quanto riguarda i negoziati di guerra e tutto quanto li concerne, e la stampa fosse stata invitata a partecipare a tale conferenza, o se fosse stata a disposizione della radio la trasmissione dei verbali, l'America non sarebbe mai intervenuta nella prima guerra mondiale. Ma questa conferenza, come tutte le discussioni di guerra, è stata avvolta nel più assoluto segreto. Quando i nostri ragazzi sono stati inviati in guerra gli veniva detto che era una guerra "per rendere il mondo sicuro per la democrazia" e una "guerra per porre fine a tutte le guerre."
Beh, diciotto anni dopo, il mondo ha meno democrazia di quanto non ce ne fosse allora. Inoltre, sono forse affari nostri se in Russia o in Germania o in Inghilterra o in Francia o in Italia o in Austria vivono sotto regimi democratici o monarchie? Siano essi fascisti o comunisti? Il nostro problema è quello di preservare la nostra democrazia.
E molto poco, se non altro, è stato compiuto per assicurarci che la guerra mondiale è stata davvero la guerra per porre fine a tutte le guerre.
Sì, abbiamo avuto le conferenze sul disarmo e le conferenze per la limitazione delle armi. Non significano niente. Una è appena fallita, i risultati di un'altra sono stati annullati. Mandiamo i nostri soldati e i nostri uomini di marina professionisti e i nostri politici e i nostri diplomatici a queste conferenze. E cosa succede?
I soldati e marinai professionisti non vogliono disarmare. Nessun ammiraglio vuole restare senza una nave. Nessun generale vuole rimanere senza un comando. Entrambi pessimi uomini senza un lavoro. Non sono per il disarmo. Essi non possono essere per le limitazioni delle armi. E in tutte queste conferenze, in agguato dietro le quinte, ma onnipotente lo stesso, ci sono i sinistri agenti di coloro che traggono profitto dalla guerra. Fanno in modo che queste conferenze non disarmino o limitino seriamente gli armamenti.
Il principale obiettivo di ogni potere, in qualsiasi di queste conferenze non è stato quello di ottenere il disarmo per prevenire la guerra, ma piuttosto avere maggiori armamenti per se stessa e meno per qualsiasi potenziale nemico.
Vi è un solo modo per disarmare con una parvenza di praticabilità. Questo è che tutte le nazioni si mettano insieme e rottamino ogni nave, ogni arma, ogni fucile, ogni serbatoio, ogni aereo da guerra. E anche questo, ammesso fosse possibile, non sarebbe sufficiente.
La prossima guerra, secondo gli esperti, non sarà combattuta con le navi da battaglia, non da artiglieria, non con i fucili e non con le mitragliatrici. Sarà combattuta con sostanze chimiche e gas mortali.
Segretamente ogni nazione sta studiando e perfezionando nuovi e letali mezzi per annientare i suoi nemici all'ingrosso. Sì, le navi continueranno ad essere costruite, perché i costruttori devono fare i loro profitti. E le pistole ancora saranno fabbricate e munizioni e fucili saranno prodotti, perché i produttori di munizioni devono fare i loro enormi profitti. E i soldati, naturalmente, devono indossare uniformi, perché il fabbricante deve trarre anche lui profitti dalla guerra.
Ma la vittoria o la sconfitta sarà determinata dalle abilità e l'ingegno dei nostri scienziati.
Se li mettiamo a lavorare per produrre gas asfissianti e sempre più diabolici meccanici ed esplosivi strumenti di distruzione, non avranno il tempo per il lavoro costruttivo della realizzazione di una maggiore prosperità per tutti i popoli. Mettendoli a fare questo lavoro utile, invece, tutti noi possiamo fare più soldi in pace di quanto possiamo farne con la guerra - anche i produttori di munizioni.
Così ... io dico, ALL'INFERNO LA GUERRA!!!


Generale del Corpo dei Marines Smedley D. Butler

PS Il generale Smedley Darlington Butler è stato uno degli eroi di guerra più decorati della storia degli Stati Uniti. Uno dei soli due marines (l'altro fu il sergente Daniel J. Daly) ad essere insignito due volte con la Navy Medal of Honor. E' stato uno dei pochi ad aver ricevuto una delle più rare decorazioni militari al valore (ne sono state assegnate solo 22 fino ad ora!), il Marine Corps Brevet Medal. E' stato decorato ben due volte(!) con la Congressional Medal of Honor.
Il generale Smedley D. Butler era contrario alla guerra.
Il presidente Bush che non è andato in Vietnam grazie a papà, il presidente Obama che conosce solo le guerre holliwoodiane, il ministro La Russa che nella vita ha frequentato solo collegi svizzeri e locali notturni, loro mandano ad uccidere e mandano a morire.
Io sono un ex militare di un corpo di élite (aviazione, reparto incursori). Tecniche di sopravvivenza (a tutto, sempre e comunque) e combattimento (tiro di precisione, ravvicinato, con coltello, con le mazze e pietre, a mani nude...) guerra NBC, infiltrazione, esfiltrazione, ricognizione, sabotaggio, esplosivi... Io so di cosa si parla quando si dice guerra!
Io usavo M76, SC70, M40, M82... FN Minimi (sembra quasi il nome di una spogliarellista, ma assicuro non lo è), sigle che alla maggior parte delle persone non dicono nulla, ma fanno tanto male.
Sistema ottico redfield, puntamento starlight, collimazione bersaglio, azzeramento e traiettoria, inclinazione, effetto ombra, mira calibrata, calcolo dell'anticipo e del vento... E poi proiettili esplosivi, a frammentazione, "singapore", a bolla di mercurio, a baricentro spostato, di piombo, in lega di bronzo... Così si elima il "bersaglio" anche a un chilometro di distanza, dritto preciso alla testa, proprio in mezzo agli occhi...
NO, BASTA!! NO ALLA GUERRA! ALL'INFERNO LA GUERRA!!!
Mandateci Bush, mandateci Obama, mandateci La Russa!! (D*)

video


<<< El soldado rebelde


6 commenti:

  1. " Nè la croce, nè l'infanzia bastano,
    il martello del Golgota, l'angelica memoria a schiantare la Guerra.
    I soldati piangono di notte prima di morire,
    sono forti,
    cadono ai piedi di parole imparate sotto le armi della vita.
    Numeri amanti,
    soldati,
    anonimi scrosci di lacrime"

    (S.Quasimodo)

    Se l'Essere Uomo imparasse dal Tempo e dalla Storia....ma tant'è...
    Ciao Paul, a risentirti presto, spero..
    Un abbraccio SUBizzato e zapatista...as usually..
    Anna

    RispondiElimina
  2. ora mi faresti anche un po' paura............ porca miseria .....:ecco perchè sei sempre sul chi va là!!!!!!!!!..ciao R.

    RispondiElimina
  3. Anna,
    bellissimi versi. Ricordano che anche i soldati soffrono... e a volte di notte, da soli, piangono.
    Ciao, D.
    Ps Mi hai ricordato di una promessa fatta e ancora da mantenere. Quindi a prestissimo.

    Roby,
    una ragazza mi vide una volta in alcune foto appese alla parete della biblioteca di casa mia. Io vicino a un elicottero da combattimento, io vicino a un blindato, io di notte col volto mimetizzato con il nerofumo e bardato come un cavaliere jedi. Rimase un attimo senza parole e poi: "Ma quello sei tu!??"...
    Sì (anche) quello sono io.
    Ciao, D.
    Ps No, sul chi va là ci sono perchè sono iperattivo, ipercinetico...

    RispondiElimina
  4. ...allora resto in fiduciosa attesa...anche perchè di "desaparecidos" ce ne sono stati già abbastanza nella Storia del Mondo ;-)
    Una notte serena Paul
    Anna

    RispondiElimina
  5. La guerra, credo, fa molto male a chi è costretto a subirla, a generazioni intere che hanno conosciuto solo distruzione e morte. Ma penso anche a chi le guerre le ha combattute ed è riuscito a tornare vivo con cicatrici sull'anima, indelebili, oltre che sulla pelle. A quegli uomini che hanno pagato e stanno pagando un prezzo altissimo per essere stati a contatto con l'uranio impoverito e con chissà quali altri schifezze. Alla fine, per tutte le nefandezze che le guerre comportano, per me, non ci sono mai vincitori.
    Ps.Dolcissimo il post per e con Holly. E' vero, vorremmo leggere sempre cose così belle ma il Sup, però, non dovrà mai mancare. Ciao, M.

    RispondiElimina
  6. Mary,
    togli pure il "credo". E' assolutamente certo!
    Qualcuno ha scritto che la prima vittima della guerra è l'innocenza. Con la guerra pagano in tanti, troppi. Sarebbe ora di finirla.
    Sono d'accordo con il gen. Butler. Se a decidere la guerra fossero quanti poi verrebbero chiamati a farla veramente, oppure - il che è forse anche meglio - se mandassimo a farla chi la decide, la guerra - ogni guerra - finirebbe già domattina.
    Gli effetti delle guerre sono spaventose. Vittime civili e militari. Distruzioni. E poi un'eredità fatta di inquinamento, mine, invalidi...
    La guerra non è come si crede una cosa "naturale" o "gloriosa". Non è naturale uccidere. Parte dell'addestramento militare consiste proprio nel rimuovere la naturale inibizione che impedisce di uccidere un proprio simile. Uccidere deve diventare istintivo, automatico...
    Ho visto cose allucinati. Alcuni cedere alla tensione e in zona operativa svegliare il commilitone che dormiva al loro fianco piantandogli il fucile alla tempia e facendo scattare l'otturatore.
    Altri scoppiare improvvisamente in lacrime, ed erano degli armadi alti due metri...
    Altri ancora a cui bisognava togliere di mano tutto l'arsenale per evitare che facessero follie.
    Ho portato così tanto la fondina con la pistola (anche quando dormivo, o mangiavo, o andavo in bagno...) e poi caricatori e granate, che quando mi sono congedato avevo la sensazione mi mancasse qualcosa ai fianchi, camminavo e mi sentivo più leggero, avevo la sensazione di pendere da un lato.
    Ricordo una notte faceva così tanto freddo ma così tanto freddo che i denti hanno preso battere. Un moto irrefrenabile, uno sbattere automatico e incontrollabile. Mai provato una cosa simile. La prima cosa che ho pensato è stata: ma allora non è solo un modo di dire?
    Sento ancora adesso (sono passati 16 anni!) il rumore della "portante" della radio, quella scarica che fa all'aprirsi e chiudersi delle comunicazioni.
    Sento il rumore delle pale degli elicotteri, il crepitio delle raffiche e lo scoppio delle granate.
    Dormo con dei tappi di lattice perchè ho il sonno leggerissimo e non vedo film di guerra perché non mi piacciono.
    La guerra è insensata e criminale. E la guerra, attenzione, non è quella dei soldati, perchè ha dei mandanti che stanno in alto e decidono per loro.
    E poi... poi alla fine c'è uno come Ignazio La Russa che dice: "i nostri soldati dovrebbero chiamare quei mezzi San Lince, perché stanno resistendo benissimo agli urti degli attacchi". Che cazzo si risponde a uno così?
    Ciao, D.

    Ps. Holly.. Holly.. Andrebbe fatta santa subito.
    Il Sup? Prova ad immaginare per un attimo se, invece che al presidente degli USA, il Nobel per la pace fosse stato dato (giustamente) a lui! Ad uno che non vuole la guerra, ma si batte per la pace e in difesa dei diritti degli ultimi e degli oppressi.
    Qualcuno potrebbe dire che gira armato, che ha usato e usa le armi. E perchè, il presidente degli USA che fa? E' il capo dell'esercito più grande al mondo, il padrone dell'arsenale militare più distruttivo in assoluto, al comando della nazione che ha fatto più guerre di tutte, vende più armi di tutte e che è presente in armi su metà del pianeta...
    Ma al Sup non avrebbero potuto mai dare il Nobel, perchè avrebbe significato, questa sì, una svolta, un voler cambiare diametralmente la prospettiva delle cose.
    E questo non sarebbe ammesso. Per non parlare dell'etichetta di corte che avrebbe vietato si presentasse uno col passamontagna a ritirare il premio...

    RispondiElimina