Con el cielo y con el fango...

video

Io lo so che non sono solo
anche quando sono solo,
io lo so che non sono solo,
io lo so che non sono solo
anche quando sono solo...

Sotto un cielo di stelle e di satelliti,
tra i colpevoli le vittime e i superstiti,
un cane abbaia alla luna,
un uomo guarda la sua mano,
sembra quella di suo padre
quando da bambino
lo prendeva come niente e lo sollevava su,
era bello il panorama visto dall'alto,
si gettava sulle cose prima del pensiero,
la sua mano era piccina ma afferrava il mondo intero,
ora la città è un film straniero senza sottotitoli,
le scale da salire sono scivoli, scivoli, scivoli...
Il ghiaccio sulle cose,
la tele dice che le strade son pericolose,
ma l'unico pericolo che sento veramente
è quello di non riuscire più a sentire niente,
il profumo dei fiori, l'odore della città,
il suono dei motorini, il sapore della pizza,
le lacrime di una mamma, le idee di uno studente,
gli incroci possibili in una piazza,
di stare con le antenne alzate verso il cielo...
Io lo so che non sono solo,

io lo so che non sono solo
anche quando sono solo,
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo
con il cielo e con il fango...
Io lo so che non sono solo
anche quando sono solo,
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo
con il cielo e con il fango...

La città un film straniero senza sottotitoli,
una pentola che cuoce pezzi di dialoghi,
come stai, quanto costa, che ore sono,
che succede, che si dice, chi ci crede,
e allora ci si vede...
Ci si sente soli dalla parte del bersaglio
e diventi un appestato quando fai uno sbaglio,
un cartello di sei metri dice "Tutto è intorno a te"
ma ti guardi intorno e invece non c'è niente!
Un mondo vecchio che sta insieme solo grazie a quelli che
hanno ancora il coraggio di innamorarsi
e una musica che pompa sangue nelle vene
e che fa venire voglia di svegliarsi e di alzarsi,
smettere di lamentarsi,
che l'unico pericolo che senti veramente
è quello di non riuscire più a sentire niente,
di non riuscire più a sentire niente,
il battito di un cuore dentro al petto,
la passione che fa crescere un progetto,
l'appetito la sete l'evoluzione in atto,
l'energia che si scatena in un contatto...

Io lo so che non sono solo
anche quando sono solo,
io lo so che non sono solo
e rido e piango e mi fondo
con il cielo e con il fango...
Io lo so che non sono solo
anche quando sono solo,
io lo so che nn sono solo
e rido e piango e mi fondo
con il cielo e con il fango...
_________

Yo sé que no estoy solo
nisiquiera cuando estoy solo,
yo sé que no estoy solo,
yo sé que no estoy solo
nisiquiera cuando estoy solo...

Bajo un cielo de estrellas y satelites,
entre los culpables, las victimas y los sobrevivientes,
un perro le ladra a la luna,
un hombre observa su mano,
se parece a la de su padre
cuando de niño
lo tomaba como si nada y lo alzaba,
era bello el panorama visto desde el alto,
se lanzaba -a hacer- las cosas sin pensar,
su mano era pequeñita pero agarraba el mundo entero,
ahora la ciudad es una pelicula extranjera sin subtitulos,
las escaleras -para subir- son resbaladizas, resbaladizas, resbaladizas...
El hielo sobre las cosas,
la televisión dice que las calles son peligrosas,
pero el unico peligro que siento verdaderamente
es aquel de no poder sentir más nada,
el perfume de las flores, el olor de la ciudad,
el sonido de las motos, el sabor de la pizza,
las lágrimas de una madre, las ideas de un estudiante,
los cruces posibiles en una plaza,
de estar con las antenas alzadas hacia el cielo...

Yo sé que no estoy solo
nisiquiera cuando estoy solo,
yo sé que no estoy solo
y rio y lloro y me fundo
con el cielo y con el fango...
Yo sé que no estoy solo
nisiquiera cuando estoy solo,
yo sé que no estoy solo
y rio y lloro y me fundo
con el cielo y con el fango...

La ciudad es una pelicula extranjera sin subtitulos,
una olla que cocina trozos de dialogos,
como estas, cuanto cuesta, que hora son,
que sucede, que se dice, quien se cree,
y entonces nos vemos...
Uno se siente solo en el papel de victima
y te vuelves un appestato cuando te cometes un error,
un cartel publicitario de seis metros dice “Todo alrededor de ti”
pero mirando a tu alrededor ves que no hay nada!
Un mundo viejo que se mantiene unido solo gracias a aquellos que
aún tienen el valor de enamorarse
y una música que bombea sangre en las venas
dándo ganas de despertarse y levantarse,
dejar de lamentarse,
porque el único peligro que sientes verdaderamente
es aquel de no poder sentir -más nada-,
de no poder sentir más nada,
el latido de un corazón dentro del pecho,
la pasión que hace crecer un projecto,
el apetito, la sed, la evolución en acto,
la energia que se genera en un contacto...

Yo sé que no estoy solo
nisiquiera cuando estoy solo,
yo sé que no estoy solo
y rio y lloro y me fundo
con el cielo y con el fango...
Yo sé que no estoy solo
nisiquiera cuando estoy solo,
yo sé que no estoy solo
y rio y lloro y me fundo
con el cielo y con el fango...


Nessun commento:

Posta un commento