Je te ferai cadeau d'un secret...

video

C'est alors qu'apparut le renard.
-
Bonjour - dit le renard.
- Bonjour - répondit poliment le petit prince, qui se tourna mais ne vit rien.
- Je suis là, - dit la voix - sous le pommier.
- Qui es-tu? - dit le petit prince - Tu es bien joli…
- Je suis un renard, dit le renard.
- Viens jouer avec moi - lui proposa le petit prince, - Je suis tellement triste
- Je ne puis pas jouer avec toi - dit le renard, - Je ne suis pas apprivoisé.
- Ah! Pardon, - fit le petit prince.
Mais après réflexion, il ajouta :
- Qu'est-ce que signifie "apprivoiser"?
- Tu n'es pas d'ici - dit le renard, - que cherches-tu?
- Je cherche les hommes - dit le petit prince. - Qu'est-ce que signifie "apprivoiser"?
- Les hommes - dit le renard, - ils ont des fusils et ils chassent. C'est bien gênant! Il élèvent aussi des poules. C'est leur seul intérêt. Tu cherches des poules?
- Non - dit le petit prince. - Je cherche des amis. Qu'est-ce que signifie "apprivoiser"?
- C'est une chose trop oubliée - dit le renard. - Ca signifie "Créer des liens…"
- Créer des liens?
- Bien sûr,dit le renard. Tu n'es encore pour moi qu'un petit garçon tout semblable à cent mille petits garçons. Et je n'ai pas besoin de toi. Et tu n'a pas besoin de moi non plus. Je ne suis pour toi qu'un renard semblable à cent mille renards. Mais, si tu m'apprivoises, nous aurons besoin l'un de l'autre. Tu seras pour moi unique au monde. Je serai pour toi unique au monde
- Je commence à comprendre - dit le petit prince. - Il y a une fleur… je crois qu'elle m'a apprivoisé…
-C'est possible - dit le renard. - On voit sur la Terre toutes sortes de choses…
-Oh! ce n'est pas sur la Terre - dit le petit prince.

Le renard parut très intrigué :
- Sur une autre planète ?
- Oui.
- Il y a des chasseurs sur cette planète-là ?
- Non.
- Ca, c'est intéressant! Et des poules ?
- Non.
- Rien n'est parfait
- soupira le renard.
Mais le renard revint à son idée :
-Ma vie est monotone. Je chasse les poules, les hommes me chassent. Toutes les poules se ressemblent, et tous les hommes se ressemblent. Je m'ennuie donc un peu. Mais si tu m'apprivoises, ma vie sera comme ensoleillée. Je connaîtrai un bruit de pas qui sera différent de tous les autres. Les autres pas me font rentrer sous terre. Le tien m'appelera hors du terrier, comme une musique. Et puis regarde! Tu vois, là-bas, les champs de blé? Je ne mange pas de pain. Le blé pour moi est inutile. Les champs de blé ne me rappellent rien. Et ça, c'est triste! Mais tu a des cheveux couleur d'or. Alors ce sera merveilleux quand tu m'aura apprivoisé! Le blé, qui est doré, me fera souvenir de toi. Et j'aimerai le bruit du vent dans le blé…
Le renard se tut et regarda longtemps le petit prince :
- S'il te plaît… apprivoise-moi! - dit-il.
- Je veux bien, - répondit le petit prince - mais je n'ai pas beaucoup de temps. J'ai des amis à découvrir et beaucoup de choses à connaître.
- On ne connaît que les choses que l'on apprivoise, dit le renard. Les hommes n'ont plus le temps de rien connaître. Il achètent des choses toutes faites chez les marchands. Mais comme il n'existe point de marchands d'amis, les hommes n'ont plus d'amis. Si tu veux un ami, apprivoise-moi!
- Que faut-il faire? - Dit le petit prince.
- Il faut être très patient, répondit le renard. Tu t'assoiras d'abord un peu loin de moi, comme ça, dans l'herbe. Je te regarderai du coin de l'oeil et tu ne diras rien. Le langage est source de malentendus. Mais, chaque jour, tu pourras t'asseoir un peu plus près
Le lendemain revint le petit prince.
- Il eût mieux valu revenir à la même heure, dit le renard. Si tu viens, par exemple, à quatre heures de l'après-midi, dès trois heures je commencerai d'être heureux. Plus l'heure avancera, plus je me sentirai heureux. à quatre heures, déjà, je m'agiterai et m'inquiéterai; je découvrira le prix du bonheur! Mais si tu viens n'importe quand, je ne saurai jamais à quelle heure m'habiller le coeur… il faut des rites.
- Qu'est-ce qu'un rite? - Dit le petit prince.
- C'est quelque chose trop oublié, dit le renard. C'est ce qui fait qu'un jour est différent des autres jours, une heure, des autres heures. Il y a un rite, par exemple, chez mes chasseurs. Ils dansent le jeudi avec les filles du village. Alors le jeudi est jour merveilleux! Je vais me promener jusqu'à la vigne. Si les chasseurs dansaient n'importe quand, les jours se ressembleraient tous, et je n'aurait point de vacances.
Ainsi le petit prince apprivoisa le renard. Et quand l'heure du départ fut proche :
- Ah! dit le renard… je preurerai.
- C'est ta faute, dit le petit prince, je ne te souhaitais point de mal, mais tu as voulu que je t'apprivoise…
- Bien sûr - Dit le renard.
- Mais tu vas pleurer! - Dit le petit prince.
- Bien sûr - Dit le renard.
- Alors tu n'y gagnes rien!
- J'y gagne - dit le renard, - à cause de la couleur du blé.
Puis il ajouta :
- Va revoir les roses. Tu comprendras que la tienne est unique au monde. Tu reviendras me dire adieu, et je te ferai cadeau d'un secret.
Le petit prince s'en fut revoir les roses.
- Vous n'êtes pas du tout semblables à ma rose, vous n'êtes rien encore, leur dit-il. Personne ne vous a apprivoisé et vous n'avez apprivoisé personne. Vous êtes comme était mon renard. Ce n'était qu'un renard semblable à cent mille autres. Mais j'en ai fait mon ami, et il est maintenant unique au monde.
Et les roses étaient gênées.
- Vous êtes belles mais vous êtes vides, leur dit-il encore. On ne peut pas mourir pour vous. Bien sûr, ma rose à moi, un passant ordinaire croirait qu'elle vous ressemble. Mais à elle seule elle est plus importante que vous toutes, puisque c'est elle que j'ai arrosée. Puisque c'est elle que j'ai abritée par le paravent. Puisque c'est elle dont j'ai tué les chenilles (sauf les deux ou trois pour les papillons). Puisque c'est elle que j'ai écoutée se plaindre, ou se vanter, ou même quelquefois se taire. Puisque c'est ma rose.
Et il revint vers le renard:
- Adieu - dit-il…
- Adieu, dit le renard. Voici mon secret. Il est très simple : on ne voit bien qu'avec le coeur. L'essentiel est invisible pour les yeux.
- L'essentiel est invisible pour les yeux - répéta le petit prince, afin de se souvenir.
- C'est le temps que tu a perdu pour ta rose qui fait ta rose si importante.
- C'est le temps que j'ai perdu pour ma rose… fit le petit prince, afin de se souvenir.
- Les hommes on oublié cette vérité, dit le renard. Mais tu ne dois pas l'oublier. Tu deviens responsable pour toujours de ce que tu as apprivoisé. Tu es responsable de ta rose…
- Je suis responsable de ma rose… - Répéta le petit prince, afin de se souvenir.

Le Petit Prince, Antoine de Saint-Exupery



In quel momento apparve la volpe.
- Buon giorno - disse la volpe.
- Buon giorno - rispose gentilmente il piccolo principe, voltandosi: ma non vide nessuno.
- Sono qui, - disse la voce - sotto il melo...
- Chi sei? - domandò il piccolo principe - Sei molto carino...
- Sono una volpe - disse la volpe.
- Vieni a giocare con me, - le propose il piccolo principe - sono così triste...
- Non posso giocare con te, - disse la volpe - non sono addomesticata.
- Ah! scusa - fece il piccolo principe.
Ma dopo un momento di riflessione soggiunse:
- Che cosa vuol dire "addomesticare"?
- Non sei di queste parti, tu, - disse la volpe - che cosa cerchi?
- Cerco gli uomini - disse il piccolo principe. - Che cosa vuol dire "addomesticare"?
- Gli uomini - disse la volpe - hanno i fucili e cacciano. È molto noioso! Allevano anche delle galline. È il loro solo interesse. Tu cerchi delle galline?
- No - disse il piccolo principe. - Cerco degli amici. Che cosa vuol dire "addomesticare"?
- È una cosa da molto dimenticata. Vuol dire "creare dei legami"...
- Creare dei legami?
- Certo - disse la volpe. - Tu, fino ad ora, per me, non sei che un ragazzino uguale a centomila ragazzini. E non ho bisogno di te. E neppure tu hai bisogno di me. Io non sono per te che una volpe uguale a centomila volpi. Ma se tu mi addomestichi, noi avremo bisogno l'uno dell'altro. Tu sarai per me unico al mondo, e io sarò per te unica al mondo.
- Comincio a capire - disse il piccolo principe - C'è un fiore... credo che mi abbia addomesticato...
- È possibile - disse la volpe. - Capita di tutto sulla Terra...
- Oh! non è sulla Terra -
disse il piccolo principe.
La volpe sembrò perplessa:
- Su un altro pianeta?
- Si.
- Ci sono dei cacciatori su questo pianeta?
- No.
- Questo mi interessa! E delle galline?
- No.
- Non c'è niente di perfetto
- sospirò la volpe.
Ma la volpe ritornò alla sua idea:
- La mia vita è monotona. Io do la caccia alle galline, e gli uomini danno la caccia a me. Tutte le galline si assomigliano, e tutti gli uomini si assomigliano. E io mi annoio, perciò. Ma se tu mi addomestichi, la mia vita sarà come illuminata. Conoscerò un rumore di passi che sarà diverso da tutti gli altri. Gli altri passi mi fanno nascondere sottoterra. Il tuo, mi farà uscire dalla tana, come una musica. E poi, guarda! Vedi, laggiù in fondo, dei campi di grano? Io non mangio il pane e il grano per me è inutile. I campi di grano non mi ricordano nulla. E questo è triste! Ma tu hai dei capelli color dell'oro. Allora sarà meraviglioso quando mi avrai addomesticato. Il grano, che è dorato, mi farà pensare a te. E amerò il rumore del vento nel grano...
La volpe tacque e guardò a lungo il piccolo principe:
- Per favore... addomesticami - disse.
- Volentieri, - rispose il piccolo principe - ma non ho molto tempo. Devo scoprire degli amici, e devo conoscere molte cose.
- Non si conoscono che le cose che si addomesticano - disse la volpe. - Gli uomini non hanno più tempo per conoscere nulla. Comprano dai mercanti le cose già fatte. Ma siccome non esistono mercanti di amici, gli uomini non hanno più amici. Se tu vuoi un amico, addomesticami!
- Che bisogna fare? - domandò il piccolo principe.
- Bisogna essere molto pazienti - rispose la volpe. - In principio tu ti siederai un pò lontano da me, così, nell'erba. Io ti guarderò con la coda dell'occhio e tu non dirai nulla. Le parole sono una fonte di malintesi. Ma ogni giorno tu potrai sederti un pò più vicino...
Il piccolo principe ritornò l'indomani.
- Sarebbe stato meglio ritornare alla stessa ora - disse la volpe. - Se tu vieni, per esempio, tutti i pomeriggi alle quattro, dalle tre io comincerò ad essere felice. Col passare dell'ora aumenterà la mia felicità. Quando saranno le quattro, incomincerò ad agitarmi e a inquietarmi; scoprirò il prezzo della felicità! Ma se tu vieni non si sa quando, io non saprò mai a che ora prepararmi il cuore... Ci vogliono riti.
- Che cos'è un rito? - disse il piccolo principe.
- Anche questa è una cosa da tempo dimenticata - disse la volpe. - È quello che fa un giorno diverso dagli altri giorni, un'ora dalle altre ore. C'è un rito, per esempio, presso i miei cacciatori. Il giovedì ballano con le ragazze del villaggio. Allora il giovedì è un giorno meraviglioso! Io mi spingo sino alla vigna. Se i cacciatori ballassero in un giorno qualsiasi, i giorni si assomiglierebbero tutti, e non avrei mai vacanza.
Così il piccolo principe addomesticò la volpe. E quando l'ora della partenza fu vicina:
- Ah! - disse la volpe - ... piangerò.
- La colpa è tua, - disse il piccolo principe - io non volevo farti del male, ma tu hai voluto che ti addomesticassi...
- È vero - disse la volpe.
- Ma piangerai! - disse il piccolo principe.
- È certo - disse la volpe.
- Ma allora che ci guadagni?
- Ci guadagno - disse la volpe - il colore del grano.
Poi soggiunse:
- Và a rivedere le rose. Capirai che la tua è unica al mondo. Quando ritornerai a dirmi addio, ti regalerò un segreto.
Il piccolo principe se ne andò a rivedere le rose.
- Voi non siete per niente simili alla mia rosa, voi non siete ancora niente - disse. - Nessuno vi ha addomesticato, e voi non avete addomesticato nessuno. Voi siete come era la mia volpe. Non era che una volpe uguale a centomila altre. Ma ne ho fatto il mio amico e ora è per me unica al mondo.
E le rose erano a disagio.
- Voi siete belle, ma siete vuote - disse ancora. - Non si può morire per voi. Certamente, un qualsiasi passante crederebbe che la mia rosa vi rassomigli, ma lei, lei sola, è più importante di tutte voi, perché è lei che ho innaffiata. Perché è lei che ho messa sotto la campana di vetro. Perché è lei che ho riparata col paravento. Perché su di lei ho ucciso i bruchi (salvo i due o tre per le farfalle). Perché è lei che ho ascoltato lamentarsi o vantarsi, o anche qualche volta tacere. Perché è la mia rosa.
E ritornò dalla volpe.
- Addio - disse.
- Addio - disse la volpe. - Ecco il mio segreto. È molto semplice: Non si vede bene che con il cuore. L'essenziale è invisibile agli occhi.
- L'essenziale è invisibile agli occhi - Ripeté il piccolo principe, per ricordarselo.
- È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante.
- È il tempo che ho perduto per la mia rosa... - Sussurrò il piccolo principe per ricordarselo. E, riverso sull'erba, pianse.
- Gli uomini hanno dimenticato questa verità. Ma tu non la devi dimenticare. Tu diventi responsabile per sempre di quello che hai addomesticato. Tu sei responsabile della tua rosa...
- Io sono responsabile della mia rosa... - Ripetè il piccolo principe per ricordarselo.

Il Piccolo Principe, Antoine de Saint-Exupery

4 commenti:

  1. vorrei commentare, ma potrei essere fraintesa, quindi evito... se il resto del racconto è così, magari compro il libro... ciao R.

    RispondiElimina
  2. Il resto del racconto è anche più bello, quindi togli magari e trova (anche in prestito da una biblioteca) il libro.
    Ciao, D.

    RispondiElimina
  3. questo pezzo è il mio preferito in assoluto di tutto il libro... l'ho letto una volta da piccola e poi uncora e ancora cresceno.. a ad ogni lettura mi sembrava di cogliere particolari nuovi, che mi davano una nuova chiave di lettura...

    a volte penso a quanto sarebbe bello trovare una persona che abbia la voglia e il tempo per addomesticarmi...

    RispondiElimina
  4. Sì, hai ragione, è uno di quei libri "miracolosi" che, riletti, donano ogni volta nuovi spunti di riflessione. Ci si chiede perfino come abbiano potuto sfuggirci la prima volta, o come abbiamo fatto a dimenticarcene.

    Quanto al trovare una persona, questo sì è importante. Potremmo dire che il trovare "la persona" sia lo scopo della vita, quello che può dare ragione e compimento a un'esistenza intera. Poter dire: "Adesso ho capito il mio scopo... Era quello di trovare TE! La mia unica ragione sei TU!"
    Purtroppo trovare è preceduto dal cercare. Dico purtroppo perché a volte si cerca male, o si cerca nel modo sbagliato.
    Ecco, credo che il trovare sia molto condizionato dal cercare, dal modo di cercare, intendo. Io cerco malissimo, ad esempio, e come me tanti altri/e.
    Poi c'è il nostro "piccolo strano mondo" interiore, col quale fare i conti e decidere chi far entrare e chi no.
    Infine, dici bene, ci dev'essere la voglia e, più che tempo, direi la pazienza.
    Incastrare tutti questi pezzi non è facile (e i tempi che corrono di certo non aiutano), ma quando riesce, il risultanto è il più bel premio che si possa mai immaginare.
    Il resto sono solo baci perduti, occasioni mancate, appuntamenti persi, vizio dell'infelicità (perché anche l'infelicità, me ne sono accorto, può diventare un vizio)...
    Per questo, non avendo la pretesa (oggi molto diffusa) di conoscere gli altri, ma conoscendo (benissimo) me stesso, io confesso: Sì, alle volte sono stato (e sono) stupido, sono stato (e sono) responsabile di "comportamenti mancati". Sì, responsabile. Perché se non posso essere amato preferisco essere odiato, se non posso avere tutto preferisco nulla... perché alla fine ho solo una rosa su un piccolo pianeta che chiamo IO.
    Ciao, D.

    RispondiElimina